Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

L'illusione di essere umano

Pubblicato il 03/03/2022

“Un uccello non canta perché ha una risposta. Canta perché ha una canzone da cantare”, antico proverbio cinese.

153 Visualizzazioni
22 Voti

Tu non saprai mai in anticipo quanti talenti ti sono stati concessi e quanti ne hai guadagnati sforzandoti di vivere nel miglior modo possibile.

Solo alla fine dei tuoi giorni saprai se sei rimasto inchiodato all’ambizione o di quanto ti sei sollevato dalle miserie umane, se sei diventato una persona migliore o quanto somigli alla patetica caricatura di un uomo, se hai trovato la strada o se ti sei perso dietro l’impossibile e l’inutile.

Saprai se i talenti spesi ti hanno catapultato oltre le barriere dei pregiudizi, se ti hanno sorretto mentre cercavi la verità e se hanno premiato il coraggio dei tuoi “Perché?” con delle risposte. O se con la tua arroganza hai murato lo spazio tra te e gli altri, e dilatato i confini della solitudine.

Saprai di quanti fardelli e menzogne ti sei caricato, con quante chimere spelate hai costellato le tue notti e quante ne hai tormentate con le tue smanie e i tuoi rimpianti.

Saprai quante volte i tuoi giudizi hanno violato la giustizia, che il tuo vittimismo è la voce di un carnefice e che chi è pentito tace, se gli resta un barlume di dignità.

Saprai se i talenti hanno limitato gli sprechi del tuo unico Istante, se ti hanno concesso il diritto di non arrossire davanti ai debiti che hai contratto con la vita, se ti hanno permesso di riconoscere che nella nostra essenza è scritta gran parte del destino.

Saprai se nel Credo che ti ha sostenuto si rifletteva la tua anima o l’usurpazione dei visionari. E se la tua vita è stato l’assolo di una coscienza o se ti sei dissolto nella cacofonia di un coro.

Alla fine scoprirai se ti sei arreso all’illusione di essere umano o se hai vinto la sfida di pacificare il cielo e la terra in te.





Logo
1682 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (22 voti)
Esordiente
11
Scrittore
11
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore

Con quanto bella leggerezza affronti il tema della fatica dei bilanci e dell'implicito coraggio richiesto per affrontarli...Segnala il commento

Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

un nobile testo. lo trovo spirituale, di uno spirito umano. e grazie ⭐️Segnala il commento

Large images easyblog shared c cappellicomesceglierli1.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Antonella Avolio ha votato il racconto

Esordiente

Ogni pensiero si appella al proverbio cinese e la chiusa è un interrogativo che induce ad una profonda meditazione: abbiamo dimenticato l'essenza in cerca della forma. ComplimentiSegnala il commento

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Eccellente prosa morale, di sentenze dal sapore antico, confuciano, stoico, chissà. Fascino sottile dell'antichissima arte di inscrivere un destino in nuce ad un cuore, nell'essenza.Segnala il commento

Large dante.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente
Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Ottimo testo, Adriana, un intenso flusso di pensieri esposti con particolare cura. Concordo in parte con il commento di Frato, anche per fare un bilancio ci vuol talento, o forse più l’umiltà di riconoscere i propri errori. Ma in fondo l’Uomo è tutto ciò che dici, non esiste individuo che non abbia in sè, in proporzioni variabili, un po’ del bene e un po’ del male contenuto nei tuoi esempi. Se le debolezze, le viltà, il conformismo, l’arroganza fanno parte della natura umana, i talenti sono la moneta spendibile per provare a migliorarsi, ma per farlo occorre prenderne coscienza. La nostra vita dovrebbe essere un susseguirsi di bilanci, magari ponendosi quella domanda contenuta nel concetto che esprimi in chiusuraSegnala il commento

Large paolo basso foto.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Basso ha votato il racconto

Scrittore

Quando si parla di bilanci e sprechi esistenziali vado in tilt e mi affido alla poesia, che mi aiuta a fare emergere il non cosciente. Ed è sempre liberatorio. Grazie per queste intense riflessioni.Segnala il commento

Large io.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Coscienza fantasma ha votato il racconto

Esordiente
Large thumbnail.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Frato ha votato il racconto

Esordiente

Ciao Adriana, molto bello e, in parte, ottimistico, mi pare. Purtroppo molti neppure all'ultimo minuto si accorgono di quanto sono stati miserabili. Mentre molti altri giungono alla vecchiaia convinti di non aver fatto nulla di buono. Ma è meglio sperare e credere fortemente che ci sia per tutti un'illuminazione finale. Un caro saluto, Roberto.Segnala il commento

Large 98f662d3 1d06 41c8 a9a2 b3d398111485.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Lo spreco del talento il talento che si ha innato o consapevole o educato. Capisco che sia un punto chiave perché il talento serve anche a rendere creativa la nostra vita e a migliorarla persino nei momenti e nei luoghi che non parlano di questioni artistiche. Molto profondo e originale una chiave che indaga e amplifica la visione di ogni essere umano e su cui soffermarsi prima che sia troppo tardi. GrazieSegnala il commento

Large 291786 273806129306614 239035103 nbis.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Dalcapa ha votato il racconto

Scrittore

Testo intenso, riflessivo, scritto con stile davvero efficace, quasi una musica, una melodia. Non c'è trama, non c'è storia, eppure il messaggio arriva bello, diretto. Da anni mia moglie mi "obbliga", a fine anno, alla scrittura del bilancio di quanto fatto e di quali i progetti per l'anno a venire. Una tortura! Per me è molto faticoso fare i conti con me stesso, e il tuo scritto per me suona quasi come una minaccia… =0) eppure mi è piaciuto tantissimo. Splendido il finale!Segnala il commento

Aoh14gjaydde0xx0klmdn8xav1mkmg25dbcq0nyke6jl=s96 c?sz=200

Signor Fabiani ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Il testo è eccezionale per contenuto e stile, anche se ovviamente non è narrativa (non c’è nessuna storia, nessun personaggio, nessuna ambientazione). L’incipit, invece, è fuori luogo, in netto e evidente contrasto con la tesi sostenuta. Perché un uccello non avrà mai la possibilità di sviluppare quella consapevolezza di sé su cui il monologo batte ripetutamente. La condizione “animale” è strutturalmente inferiore alla condizione “umana”, da qualunque angolo visuale: scientifico, biologico, religioso, artistico. Nel buddismo, a esempio, si dice che il problema dei “reami inferiori”, tra cui c'è quello degli animali, non è tanto nel loro “essere inferiori”, ma nella difficoltà a venirne fuori a causa della scarsissima consapevolezza dei suoi abitanti sul significato dell’esistenza (per conferma, notate l'uso dell'immagine degli uccelli nel Vangelo: "non lavorano, eppure il Padre Vostro li nutre", come a dire: si preoccupa di creature inferiori, figurarsi quanto può tenere a voi, che gli siete superiori). Introdurre l’essere umano a una piena consapevolezza di sé, attraverso l’immagine di un uccello che canta - che di fatto canta semplicemente perché non ha alternative, e comunque non canta nessuna canzone - la giudico quindi una contraddizione. Tra l'altro, sei sicura che questa cosa dell'uccello che canta sia un proverbio? A me sembra più una cosa simil-poetica...Segnala il commento

Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente

Molto bella, toccante e profonda riflessioneSegnala il commento

Large amelie 1024x593.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Scrittore

c'è in ogni bilancio qualcosa da migliorare: per esempio egoismi da smussare (fino a dove?), relazioni da appianare (ma a volte sembra che prendano una strada tutta loro, e noi senza volontà o con volontà impotente), parole da non sprecare (possono fare male). qui lo fai sembrare quasi facile (bianco o nero) sapersi dalla parte giusta, ma non sempre la ragione è dalla parte giusta, anche se si chiama ragione. mi sto ingarbugliando. ma poi come si fa ad avere in copertina un titolo diverso dal titolo? strana parola talento. Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Un uccello non canta perché ha una risposta. Canta perché ha una canzone da cantare. Per cui l'uccello è un poeta inconsapevole. Gli esseri umani, invece, sono spesso troppo consapevoli, per cantare la propria vita. Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Adriana, il tuo testo è così struggente, sincero ed emozionante che non posso che risponderti con la poesiola a cui stavo lavorando... la intitolero' --- per Te, Adriana/// Io non so nulla di guerra/ Di pace o ammore/ Però mi ricordo i racconti/ Dei nonni soldati / Dal fronte tornati / smagriti, e il cinema di Rossellini/ Le frasi di Beppe Fenoglio/ La luna e i falò di Pavese// Ho per fortuna/ Avuto un'infanzia felice/ Ma Orwell mi disse/ Un dì che le pulci e le zecche Son buone amiche di chi è accampato/ Negli avamposti ad attendere/ Al freddo di esser colpito/ Oppur liberato/// --- grazie. Ciao. Da questa primavera d'un nord lontano da ogni sud!Segnala il commento

Large capture%2b 2021 07 31 21 27 16 4.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Calamaio ha votato il racconto

Esordiente

Mi fai pensare che ho ancora tanto da fare cara Adriana... è sempre un grande piacere leggerti. GrazieSegnala il commento

Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Cara Adriana, quanta nobiltà e che limpidezza di stile hai trovato per esprimerla! Eppure amica mia sai cosa penso? Che anche alla fine di una giornata, che forse può intendersi come piccolo riassunto della vita, figura retorica o approssimazione, possiamo farci le stesse domande, e capire se quelle ore le abbiamo vissute da essere umano o le abbiamo sprecate. Grazie.Segnala il commento

Large on the road.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

omALE ha votato il racconto

Esordiente
Large 675e5471 05e0 4107 8ba7 e542a5b70562.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

MMarianella ha votato il racconto

Scrittore

Che bello leggerti di nuovo.Segnala il commento

Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

È un conto che dobbiamo fare tutti, e non è una semplice sottrazione di quanto da fare da quanto fatto. Certo, le tue parole sono un monito a far meglio, si leggono chiare e cristalline fino in fondo, senza trovare la scusa per dire di non aver capito. Per non capire bisognerebbe non leggerti.Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Adriana Giotti

Scrittore
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work