Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Umoristico

Il paese degli stitici

Pubblicato il 27/04/2017

L'essere emigrante non è soltanto uno stato mentale, ma spesso una condizione fisica.

132 Visualizzazioni
29 Voti

La carriera dell’avvocato Pinelli saltellava molto al di sotto e poco al di sopra delle sue reali potenzialità, perché all’intelligenza e alla capacità dialettica l’avvocato doveva restituire una certa problematica fisica. Lo si poteva vedere, nel bel mezzo di un’arringa, saltellare a gambe strette, avvolto nella tunica nera, fino al primo bagno disponibile.

- Signori della giuria – diceva stringendo le gambe e interrompendo il collegamento vescica uretra - permettete che mi assenti un momento.

È così spesso si ritrovava a provocare la reazione nervosa di giurati, giudici e testimoni: l’avvocato Pinelli, ho dimenticato di dirlo, praticava nel paese degli stitici e, più di una volta, il suo appartenere alla razza degli incontinenti gli aveva provocato ripicche, vendette, oltraggi. Tra stitici e incontinenti non corre buon sangue, come tra suocera e cognata, come tra vegani e carnivori. Una sera si era ritrovato la porta di casa imbrattata di carta igienica e la scritta nera sul muro che recitava: serve più a lei che a noi, maledetto incontinente. Gli stitici odiavano gli incontinenti per la loro capacità di provare l’irresistibile stimolo mentre gli incontinenti invidiavano gli stitici per i loro aborti emozionali. L’avvocato per rispondere alle sue esigenze corporali aveva fatto installare tre bagni, due poltrone wc, un pozzo turco d’emergenza e alcuni vasini bianchi negli angoli della casa come ciotole per cani. La ditta che s’era occupata dei lavori gli aveva rifilato una parcella maggiorata del 60%, la tassa per le incontinenze. Alle volte l’avvocato se li portava dietro questi vasini oppure bottiglie, recipienti, tutto ciò che potesse raccogliere il suo getto: non si è mai troppo previdenti quando si è incontinenti. Una volta l’avvocato si era anche innamorato, cosa rara tra gli avvocati, ma l’incontinenza che da principio era stata la freccia di Cupido si era poi trasformata in ostacolo insuperabile: una stitica è una che si tiene tutto dentro e non apprezza fino in fondo il romanticismo incontinente di chi dentro non riesce a tenersi nulla, fosse anche un banale ti amo. Così, durante una cena, era finita la storia tra l’avvocato Pinelli e la dottoressa Gommetti che non ne poteva più di vederlo correre in bagno dopo ogni sorso di vino. L’incontinenza è per definizione inopportuna. Anche oggi nel bel mezzo della sua perorazione, in un punto di massima importanza, lì dove si sarebbero chiarite le motivazioni di un ventiduenne suicida che era stato accusato di vilipendio alla nazione, l’incontinenza dell’avvocato sarebbe giunta puntuale. Proprio mentre giustificava le ragioni del suicida di fronte alle accuse e alla richiesta di un’indennità statale di euro trecentomila, l’avvocato avrebbe spostato delicatamente la sua sedia, regalato un sorriso colpevole ai giurati, e poi, alzatosi in piedi, avrebbe interrotto la lunga e accorata orazione.

- Signor giudice credo di star poco bene.

- Si sente poco bene? – gli avrebbe risposto sorpreso il giudice.

- Mi sento poco bene – avrebbe confermato imbarazzato l’avvocato.

- Chiamate un dottore! – per gli stitici la medicina è la soluzione a ogni male del mondo.

- No, non è il caso. Preferisco andare al Castello.

- Al Castello? Cosa c’entra il Castello adesso?

Il Castello è un posto simbolico per tutti gli incontinenti profughi nel paese degli stitici. Mille anni addietro il Re degli stitici aveva provato a stringere la mano del Re degli incontinenti che non l’avrebbe ricambiata perché costretto a correre in bagno; e da lì la guerra, frutto della terribile offesa recata al Re degli stitici dal Re degli incontinenti. Il Castello dove s’era compiuta l’offensiva pipì regale di fronte ai regali occhi è per tutti gli stitici il luogo del peccato e per tutti gli incontinenti l’emblema dell’incomprensione. Gli stitici avevano vinto la guerra perché, costretti e con le pance gonfie, avevano trovato nel nemico incontinente una valvola di sfogo efficace. Gli incontinenti, dal canto loro, erano troppo presi dalle proprie necessità per impegnarsi a fondo in una stupida guerra. È così che oggi i due regni vivono vicini, inglobati l’uno nell’altro, e gli stitici governano, rabbiosi e contratti, stitici appunto, e gli incontinenti sono relegati nella parte meridionale del reame a vivere alla giornata, senza poter programmare quasi nulla della propria vita a causa delle loro stessa incontinenza che li rende esuberanti, imprevedibile e inaffidabili. Qualche volta un incontinente s’arrischia al lungo viaggio e attraversa il confine: ufficialmente i due regni hanno smesso di esistere, ma gli stitici e gli incontinenti sono troppo diversi per riconoscersi uguali. L’avvocato è uno di quelli che un giorno s’era messo in viaggio imprudente e sconsiderato.

- Non saprei, sento l’esigenza impellente – si sarebbe difeso l’avvocato che era bravo con le parole e si divertiva a stuzzicare gli stitici e la loro stitichezza.

- Allora vada – avrebbe chiosato irritato e offeso il giudice.

Ed è così che, senza aver concluso la sua arringa e senza aver portato a conclusione la seduta, abbandonando il povero suicida alla gogna mediatica dei giornalisti in tenuta d’assalto, l’Avvocato Pinelli uscì dalla stanza, attraversò i corridoi, tornò alla luce del sole e s’infilò nel primo taxi giallo. Aveva ancora indosso la sua tunica, ma qualcosa mancava.

- Mi porti al Castello.

- Subito Avvocà.

Il tassista era più empatico del giudice, si vedeva chiaramente che veniva da sotto il Castello. Percorsi cinquecento metri, però, l’avvocato appoggiò una mano sulla spalla del giovane autista.

- Si fermi, devo andare al bagno!

Aveva dimenticato il suo vasino. E il volto del tassista s’illuminò di gioia.

- Oh, che bello dottore! Siete pure voi incontinente? E quante possibilità avevate di beccare un altro incontinente in un paese di stitici? Tenete, prendete la mia bottiglia.

E senza fare storie l’avvocato liberò il getto. Gli incontinenti erano così, non sapevano resistere all’idea di condividere un’emozione. 

Logo
5994 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (29 voti)
Esordiente
29
Scrittore
0
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Large snoopy scrittore.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Maria Cristina Vezzosi ha votato il racconto

Scrittore
Large default

robertac76 ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2870.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Phi ha votato il racconto

Scrittore
Large 217245 108064892611657 1678963 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Michele Pagliara ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20170822 003017 425.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Veronica Bellusci ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large 15590653 1387436257979247 1476470206391788711 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Edema Ruh ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large 309751 235661929815159 1555496147 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Silvia ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large whatsapp image 2017 05 14 at 20.32.43.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Binskij ha votato il racconto

Esordiente
Large image.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Paola Martinatto Maritano ha votato il racconto

Esordiente
Large bfd31d4f bcb6 484c 830b b54ef89457ab.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Sara Noemi ha votato il racconto

Esordiente
Large 12829524 246684842331802 8079759814554664332 o.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

LaO ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20170702 185501.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Pisco Sara ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Brigitte F ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Sergio ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Marco Spanti ha votato il racconto

Esordiente
Large molina.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Luis Molina ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large 18198343 1166402713488217 7751350428851992137 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

mathilda ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

VINCENZO DELLEDONNE ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large 470108 277981518955596 2088227906 o.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Nick Belane ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large girasole ng1.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Arilia ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large 156826 1714937002515 806550 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Claudia Brizzi ha votato il racconto

Scrittore
Large 101 8414.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Orichalco ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20170323 071849.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Luca Gerevini ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20180125 210728.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Arturo ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large 10952889 10206088355718902 8823789925312877026 o.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Francesco Spiedo

Esordiente