Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Young Adult

Il pescatore, la regina e la tartaruga marina (tutti i sogni portano al mare)

Di Roberta - Editato da esteban espiga
Pubblicato il 10/12/2019

118 Visualizzazioni
25 Voti

Quando si incontrano, il cane è accoccolato su una vecchia panchina fuori dalla gelateria. È un cane pastore tutto bianco, le orecchie che quando scodinzola scodinzolano un poco pure loro.

«Perché quest'aria sconsolata?» chiede il cane.

Il bambino dice che ha dimenticato a casa le monete, «ho le tasche vuote, non posso comprare il gelato». Il cane dice che lui invece era al parco col suo padrone, che poi hanno incontrato una ragazza che voleva attaccare bottone, questa ragazza rideva un sacco e quando rideva buttava tutti i capelli indietro; fatto sta che il padrone l'ha legato a un albero ed è andato via con lei; il cane ha trovato il modo di slegarsi e se n'è andato tutto solo.

Il cane e il bambino si accorgono che il sole sta scendendo dietro ai tetti e che intorno a loro è tutta ombra. Il bambino invita il cane ad andare da lui, a casa sua non c'è nessuno perché sono tutti all'ospedale ad aspettare il suo fratellino che deve nascere.

Si riscaldano qualcosa e cenano in terrazza: un pezzo di focaccia, un paio di pugni di riso e qualche crocchetta di patate. Poi vanno a cantare sul tappeto del salotto e fanno un ballo scatenato. Infine si addormentano.

Quando si svegliano, il sole è alto e caldo in un cielo ciano. Pensano a quello che potrebbero fare in una giornata così, poi scoprono che più di tutto desiderano andare al mare.

Vanno alla stazione dei treni. Dicono al bigliettaio che vogliono andare al mare. Il bigliettaio dice che ci sono diversi treni che portano al mare. Dicono che vogliono il più veloce. Il bigliettaio dice di aspettare al binario tre e gli consegna i biglietti.

Il treno arriva con un gran fischio e i passeggeri salgono in fila per uno. Ci sono un sacco di scolari sul treno, il bambino spera che non ci sia anche la sua classe; se lo vedesse la sua maestra gli farebbe una ramanzina coi fiocchi, e avviserebbe di sicuro i suoi genitori, anche se loro sono all'ospedale ad aspettare il suo fratellino che deve nascere.

Il cane e il bambino si accomodano vicino al finestrino e fanno le parole crociate. Più tardi, quando guardano fuori, vedono il mare: una distesa azzurra e sopra centinaia di farfalline argentate svolazzanti a pelo d'acqua.

Quando scendono seguono il profumo del sale, della sabbia e del sole. Trovano un mercato e tirano dritto, poi ad un tratto è lì davanti a loro: il mare.

Si arrampicano sugli scogli e arrivano così vicino al mare che quando le onde più grandi ci sbattono contro, loro si sentono gli spruzzi addosso.

Dopo un poco vedono una barchetta con una vela azzurra, e credono di distinguere a bordo una signora bellissima vestita anch'ella tutta d'azzurro; e si convincono - si sa che per certe convinzioni non ci sono ragioni - che sia una fata o una regina e che sia stata lei a guidarli in qualche modo fino al mare. Si sbracciano per chiamarla, ma nessuno dalla barchetta li nota; vedono anzi che si allontana e poi scompare oltre l'orizzonte.

Sugli scogli non distante prende posto un pescatore. Il cane lo fiuta, gli si avvicina e lo scruta. Il pescatore ha già messo qualcosa nel secchio e ora il cane si allunga un poco per guardare: una tartaruga.

«Ti capita spesso di pescare tartarughe?» chiede il cane.

«Nei giorni fortunati pesco tartarughe, nei giorni fortunatissimi pesci d'oro e d'argento. Poi li porto alla regina, che mi prepara cene succulente e mi permette di dormire nel suo letto a baldacchino» risponde il pescatore.

Il cane studia la canna da pesca, ne sa lui di canne da pesca, perché il suo padrone lo porta al lago tutte le domeniche mattina. Il pescatore gli dice che la sua è una canna da pesca speciale, perché è fatta col legno della più vecchia sequoia del Canadà.

Il cane torna dal bambino, gli racconta della tartaruga, dei pesciolini e della regina.

Quando il pescatore va via, il cane e il bambino lo seguono. Il pescatore percorre i vicoli più stretti del paese, alcuni odorano di pipì di gatto, altri di arrosto abbrustolito.

All'improvviso il pescatore entra in un locale, l'insegna dice «la regina». Il cane e il bambino si appostano fuori in modo da poter sentire e intravedere. Il pescatore chiama e la regina viene: la regina è una signora bellissima vestita tutta d'azzurro, è davvero la loro regina della barchetta a vela. Il pescatore le porge il secchio dicendole «una tartaruga e un pesciolino d'oro», lei lo afferra dicendo «accomodati, caro» poi sparisce in una stanza sul retro. Questa stanza sul retro ha una porticina che dà sul vicolo. Il cane e il bambino da fuori vedono la porticina, e vedono che la regina apre questa porticina e libera la tartaruga, e non appena la tartaruga tocca terra si trasforma in un luì verde e vola via. Subito dopo si sente un profumino di pesce alla griglia e il vapore che esce dalla porticina socchiusa sale verso il cielo e si fa nuvola d'oro. Il cane e il bambino, meravigliati, affamati e stanchi morti, si addormentano così, accaldati e abbracciati. 

Logo
4921 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (25 voti)
Esordiente
20
Scrittore
5
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large thumbnail.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Frato ha votato il racconto

Esordiente
Large cimg2750.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

albertomineo ha votato il racconto

Esordiente

Sempre un piacere leggertiSegnala il commento

Aoh14ghceea2z45svv0aajsvolhdwqjqwz3sonkkjk2swa=s50?sz=200

Alessandro Massa ha votato il racconto

Esordiente

Mi ha ricordato il roverandum di Tolkien, forse perché un cane (si sa, certo cose non hanno ragione). Per il resto, mi è parso di leggere in punta di piedi, col fiato trattenuto, attento a non disturbare, e mi è piaciuto perché.. bè certe cose non hanno ragione, no? Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large foto oman.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ilarietta ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Marco Arusa ha votato il racconto

Esordiente
Photo

Biancoelefante ha votato il racconto

Esordiente
Large ....jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

ipa ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1431.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore

Due creature abbandonate, un bambino e un cane, si incontrano e fanno amicizia. Nasce così una storia dolce, alla Saint-ExuperiSegnala il commento

Large default

Walter Nardone ha votato il racconto

Esordiente
Large default

orfeo58 ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20180329 072834 110.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Teresa Fabbri ha votato il racconto

Esordiente

Mi è piaciuta questa favola, veloce e senza svolazzi piagnucolosi,; mi piace poter sognare mentre leggo. Qui l'ho fatto. Segnala il commento

Aoh14gjrmag78hkjcqoaqnabg2burrwlxqbfnbsubad36q=s50?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Scrittore

Gran bella favola! E mi piace il lato onirico.Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Bella favola...piaciuta.Segnala il commento

Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Federico D. Fellini ha votato il racconto

Scrittore

Una favola, si legge con piacere ma forse occorrerebbe un finale più efficace.Segnala il commento

Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il Verte ha votato il racconto

Scrittore

BellaaaSegnala il commento

Large default

esteban espiga ha votato il racconto

Scrittore
Editor

una di quelle favole che a seconda della musica di sottofondo che immagini, può essere tenerissima o terrorizzante. onirico.Segnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Davvero carina.Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Molto carina: mi hai fatto venire in mente la Pimpa, e i disegni di Altan. Me la rileggo stasera, così dormo meglio...Segnala il commento

Large 8star.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zeta Reader ha votato il racconto

Scrittore

Ti preferisco nelle storie dell'Orso ma è bello comunque ritrovare le tue favoleSegnala il commento

Large 20210422 011545.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large 13 36 00 6a00e54fcf7385883401b7c7499bb0970b pi.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Roberta

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee