leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Fantastico

Il ragazzo animalesco

Di Barbara - Editato da Barbara
Pubblicato il 14/03/2019

Il ragazzo era bello e aveva un non so che di animalesco

3 Visualizzazioni
0 Voti

Mara voleva presentare ai suoi colleghi  il ragazzo  che attendeva in studio.                           Era il primo  passo per pubblicizzare il suo esperimento  scentifico.                                   Udì  i primi ospiti  arrivare, guardò Michele  e gli disse:"Spostiamoci  in sala riunioni, stanno  arrivando  i miei amici, ricordati, di chiamarmi,nonna,non signora".                       Il giovane leggeva come un bimbo di sei anni,Mara lo presentò  agli ospiti.                          "Lui é mio nipote,viene dalla Malesia ,parla poco l'italiano".                                                          Michele ,come aveva  imparato, allungava  la mano,sorrideva e ripeteva :                           "Molto  piacere, sono onorato,la nonna  mi ha parlato molto di lei".                                        La cena stava per cominciare, tutti erano seduti a tavola,i camerieri  attendevano             un cenno dalla  padrona di casa per cominciare  a servire gli antipasti.                                   Tutti notarono che tra nonna e nipote non vi erano  somiglianze fisiche.                              La scienziata   li aveva convocati per presentare la sua ultima scoperta, attendevano,con curiosità  e malcelata gelosia che lei cominciasse a parlarne.                     Intanto osservavano come il giovanotto  fosse piccolo e  sgraziato al contrario della            loro collega alta ed elegante, naso aquilino e orecchie  a sventola lui,nasino  alla francese e orecchie appena  accennate  lei.                                                                                   Michele aveva un non so che di animalesco che metteva a disagio gli ospiti.                      Mara pensava che quando avrebbe rivelato la sua scoperta, lui sarebbe  apparso bello         agli occhi dei suoi  commensali, nonostante il suo aspetto  esteriore.                                   Al termine della cena,si accomodarono a sedere sulle poltrone sistemate a cerchio per    l'occasione, Mara prese la parola.                                                                                                  "Cari colleghi  in via ufficiosa questa sera sarete i primi  a conoscere ciò  che ho scoperto  di nuovo sul Dna,sono convinta che rimarrete  senza  fiato. "                                   "Ho studiato il comportamento  degli animali predatori, il più pericoloso  è il puma ,      aggredisce le sue vittime di  notte,le azzanna  alla gola. "                                                           "Spinta  dalla curiosità, ho voluto  approfondire  i miei  studi recandomi  in Asia,               lì ho osservato  questi animali nel loro ambiente naturale."                                                      "La notte prima della mia partenza, sono stata svegliata da un mugolio, fuori dalla mia tenda ho visto un strano scimpanzé, che appariva quasi interamente  umano, tremava     di paura, così l'ho fatto  entrare ".                                                                                                   Mentre parlava, la donna ricordava il terrore  visto negli occhi di Michele, spaventato     da un predatore notturno.                                                                                                           Al mattino  dopo la scienziata  aveva capito di aver  fatto una scoperta eccezionale, lo scimpanzé  ,secondo lei,aveva un Dna simile  all'uomo ,non al cento per cento, ma almeno al novanta per cento.                                                                                                         Mentre dormiva,aveva notato quanto il suo fisico fosse simile a quello di un giovane          uomo  rozzo, animalesco, ma ormai lontanissimo dalla specie degli  scimpanzé.               L'essere ,appena sveglio, la ringraziò per averlo salvato dal puma, incredibile !                      Era dotato di intelligenza,sicuramente aveva imparato da solo il linguaggio degli              indigeni  del luogo, ascoltando le loro conversazioni.                                                               Quella  sera nessuno dei suoi ospiti aveva intuito che Michele fosse la sua cavia da laboratorio e non suo nipote.                                                                                                         Nel pomeriggio con i suoi  assistenti  aveva concluso l'ultimo esperimento sul Dna del ragazzo, la sua scoperta avrebbe aiutato  l'umanità, iniettando un farmaco nelle sue vene   infatti, Michele aveva dimenticato di essere  un animale, ma aveva conservato tutte le conoscenze acquisite sin dalla nascita su quel mondo.                                                               Mara prese fiato ,presto sarebbe stata famosa e i suoi colleghi sarebbero morti di invidia.  "Signori    con immenso piacere questa sera vi presenterò colui che cambierà la sorte di tutta l'umanità!  -incominciò tra lo stupore generale  -.     

Logo
4927 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (0 voti)
Esordiente
0
Scrittore
0
Autore
0
Ospite Belleville
0
Belleville
0
Large img 2435.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Barbara

Esordiente