Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Erotico

Il tema di Lara

Pubblicato il 10/11/2018

https://goo.gl/UvB7ps

108 Visualizzazioni
10 Voti

Lara era la grazia incarnata.

Si era sposata poco più che ventenne con lo psichiatra del reparto di neurologia, il Dottor Vellanti, ma non gli era mai stata fedele. Fece venire un esaurimento nervoso anche alla Miriam, la direttrice del pronto soccorso, incapace di tenersi il suo uomo a letto visto che a lui piaceva farlo da dietro e a lei no. Il suo uomo era Alvis, lo storpio dell'ospedale, ex pugile di successo mutilato al braccio sinistro da un incidente d’auto. Dopo un anno di riabilitazione e svariate pere di fluvoxamina, riuscì ad ottenere un lavoro in portineria grazie alla lunga serie di pompini elargiti dalla Miriam al direttore. Rame i capelli, alabastro la pelle, Lara mi aiutava con le autopsie mentre faceva tirocinio al laboratorio analisi. Appena potevo mi rifugiavo nel seminterrato e mi massacravo di seghe, per placarmi. Fu lì che conobbi Eugenia La Rowenta, provvido sollievo della mia mano destra. In quel periodo cominciavo ad accusare evidenti tremori e me ne accorsi bene una mattina durante la dissecazione dei tegumenti cervicali di un cadavere particolarmente rigido.

A Geny piaceva scopare e direi che mi procurava un certo piacere sapere che non ero l’unico a farmela. Ma con Lara era diverso.

“Porto io a sterilizzare gli strumenti dottore, lei vada pure,” mi disse alla fine di un turno.

Si diresse a passo svelto verso l’ascensore e con quella scese al seminterrato. Io presi le scale e la seguii. Aspettai qualche minuto e continuai a pedinarla oltre i servizi. Avvicinatomi alla porta delle caldaie la sentii gemere forte, allora mi inginocchiai e ficcai l’occhio nel buco stretto della serratura. Il pertugio mostrava il suo bel culo bianco preso a colpi di reni da un altro paio di chiappe nere. Non si trattava certamente del Vellanti. Col viso madido di sudore e il membro esploso fuori dalla zip, vomitai la cena sul pavimento. Tentai una masturbazione d'emergenza, ma fui interrotto da un rumore di passi, quindi mi trascinai nella stanza a fianco e finsi di cercare del disinfettante.

– Dottore! Cosa ci fa ancora qui?, – mi redarguì la Geny strizzando le enormi tette nel maglioncino XS.

– Zitta. Prendilo in bocca e lavoralo per bene -

Fece come le dissi e in un sol boccone me l’aveva bello che aspirato: del resto lei era La Rowenta.

Gli amanti uscivano dalla stanza delle caldaie ridacchiando e io, nascosto dietro l’armadietto della clorexidina, liberavo a terra gli ultimi singhiozzi di sperma.

Poi ci fu la notte all’ambulatorio del Dottor Surace, vice primario del reparto di ginecologia. All'una meno un quarto presi il cappotto per andarmene, ma prima feci tappa nel suo studio per lasciargli dei referti sulla scrivania. Quando entrai, li vidi. Lei stava completamente nuda sulla poltrona ostetrica e lui gliela leccava praticando profonde ispezioni con le dita. Non si accorsero di me, c’era buio attorno all’alogena da visita puntata sulla sua fica.

– Mi sta facendo impazzire Dottore, continui così, controlli bene il mio buco… -

Surace prese l’ecografo e glielo infilò al posto delle dita, mentre le spalmava una generosa quantità di gel per ultrasuoni sulle retrovie.

Il bel dottore veniva dalla Calabria, un metro e ottantacinque di muscoli e un evidente grosso affare tra le gambe. Le inserì prima lo speculum e poi le fece sparire il suo mostruoso arnese nel didietro. Quando bussai contro lo stipite il povero dottore si ritrasse di scatto provocando un forte vuoto d’aria nella stanza, quindi se la diede a gambe fuggendo dalla porta di servizio. Lara, quella maledetta, non si mosse di un millimetro e continuò a manovrare con l’ecografo come posseduta dal demonio. Allora presi coraggio e mi avvicinai.

Lo stesso autunno Lara concluse il tirocinio. Non la rividi mai più, viva.

Tre mesi più tardi, infatti, accadde una cosa terribile. Gianmaria Cantini, mio caro amico e medico del pronto soccorso, mi telefonò nel cuore della notte per dirmi che c’era stato un brutale incidente. Mi vestii di fretta e corsi in ospedale. In portineria mi attendeva Alvis, sconvolto, con un messaggio:

– Il Dottor Cantini l’aspetta alle camere mortuarie -

Quella storia ha segnato profondamente la mia vita, senza mai darmi opportunità di guarigione, non fosse per questa melodia che mi anestetizza e mi porta lontano, tra i ricordi. Lo conoscete il Tema di Lara, no? Ecco, ho acquistato questo carillon per ventimila lire quando ero ragazzo, doveva essere un regalo per mia madre, ma lei al suo compleanno non ci arrivò mai.

Voglio dire, era scritto nel destino, di me e di Lara.

E proprio qui, in questa scatola della musica, ci tengo il suo cuore e il suo utero, dentro un sacchetto della Cuki. So che è illegale profanare gli organi, ma mentre feci l’autopsia dei corpi (suo e del Vellanti intendo) mi presi due piccoli souvenir. Era già morta al momento dell'impatto e sul collo mostrava evidenti segni di strangolamento.

Dalla vagina, infine, le estrassi diverse garze imbevute di mifepristone, principio attivo della nota pillola abortiva RU-486.

Logo
4989 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (10 voti)
Esordiente
9
Scrittore
1
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large foto.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Iuri_Ivan _Igor ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Tropico ha votato il racconto

Esordiente

Riesci sempre a turbarmiSegnala il commento

Large e41672b5 2fcd 4fd9 8674 d9d7cb1a1559.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

fededo ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Maurizio Ferriteno ha votato il racconto

Esordiente
Large img icoti2.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Ti Maddog ha votato il racconto

Scrittore
Large eb55ff3c 4009 4a26 ae88 b368f5c5fdb4.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Ondina ha votato il racconto

Esordiente
Large porto maurizio imperia 2.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Luxsandro ha votato il racconto

Esordiente
Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore

erotico? Segnala il commento

Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Large 291786 273806129306614 239035103 nbis.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Dalcapa ha votato il racconto

Scrittore

Crudo, diretto, efficace. Trama che si fa seguire. Erotismo molto spinto mischiato all'amarezza per un desiderio irrealizzato. Piaciuto.Segnala il commento

Large 527416 390998970971380 1460070149 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Ester Moidil

Esordiente