Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Il virus

Pubblicato il 01/07/2020

Attenzione: non tratta di Corona Virus

56 Visualizzazioni
20 Voti

Il signor Palazzari si svegliò di buon umore, quella mattina. Pensò fosse strano, non gli capitava ormai da tempo. Ci fece poco caso. Tant’è, era di buon umore. 

Aperti gli occhi vide sua moglie, stesa accanto a lui, ancora dormiente. Alla sveglia di lui non faceva più caso, non la sentiva neanche più. Lui la guardò in silenzio per qualche istante, poi, senza neanche pensarci, le stampò un dolce, ma deciso bacio sulla spalla. Dopo averlo fatto si sentì strano. Uno strano formicolio sulle labbra, una sensazione che non sentiva da ormai molto tempo... da quanto non baciava sua moglie?

La signora Palazzari continuò a dormire, rigirandosi tra le coperte e coprendosi la spalla nuda responsabile del fattaccio.


Ancor più rinvigorito da questo gesto, il signor Palazzari si levò in piedi ed aprì silenziosamente l’armadio. Completi neri, marroni, grigi, al massimo blu scuro. Il signor Palazzari sorrise. O meglio, non smise di sorridere. Rimasto in mutande, si diresse verso il soggiorno, dove, in una cesta di finto legno, tenevano i costumi con cui il piccolo si travestiva. O meglio, avrebbe dovuto travestirsi, ma li usava poco e niente. Il signor Palazzari ne estrasse una lunga cravatta da clown, aveva tanti pois colorati su un fondo rosa pallido. E questo gli piacque molto.

Gli piacque al punto che per quanto si sforzasse non riuscì a trattenere una forte risata, che gli pervase tutto il corpo, dalla punta dei piedi alla cute, dalle dita alle ginocchia. Ma non durò molto, si arrestò in fretta, timoroso di svegliare qualcuno. La signora Palazzari difatti si svegliò, ma scambiò la risata del marito col suono gracchiante della radio e si rimise a dormire, tirandosi la coperta fin sopra le orecchie.


Preso dalla gioia del bacio alla moglie e di aver trovato quella cravatta, il signor Palazzari pensò tra sé e sé che quella doveva proprio essere la sua giornata fortunata. Perciò si cucinò delle crêpes. Alla fine avevano proprio un cattivo sapore e la cucina era un disastro. Il signor Palazzari, scosso dalle risate che quel bizzarro sapore gli aveva provocato, si alzò dal tavolo della cucina e si vide nel riflesso della finestra, che restituiva con una certa accuratezza l’immagine del suo corpo, essendo le persiane ancora chiuse.


Ancora tra risatine e singhiozzi si diresse verso il bagno, per confermare quel divertente sospetto che gli balenava per la mente. Ma prima ancora di raggiungere la seconda porta sul corridoio, esitò davanti alla prima, quella della sua stanza. La aprì. Scostò con mano delicata le coperte dalla testa della moglie, poi dalla spalla e le vide. Sei distinte macchie gialle. Anche lei.

Il signor Palazzari rise. 


Quella risata, pensò la signora Palazzari svegliandosi, era molto buffa. 


E cominciò a ridere anche lei.

Logo
2759 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (20 voti)
Esordiente
13
Scrittore
6
Autore
0
Scuola
1
Belleville
0

Voti della scuola

Large 06 18 2020 lascrittricechelegge post social.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Marina Mander ha votato il racconto

Scuola

Secondo me il signor Palazzari ride un po' troppo. Per quanto un bacio mattutino possa mettere di buon umore, mi pare difficile che uno rida da solo tutto il tempo a meno che non sia affetto da qualche turba o non si droghi nottetempo: il protagonista si alza e ride, trova una cravatta a pois e ride, fa delle crepes cattive e ride, addirittura scosso, poi ride e singhiozza per un divertente sospetto (quale e perché?), scopre delle macchie uguali ai pois della cravatta, immagino, sulla spalla della moglie e ride, poi ride anche lei perché la risata è contagiosa e anche esantematica. Mi sembra ci sia un’incongruenza tra i fatti narrati e la reazione psico-emotiva dei personaggi, esageratamente ilari. Siamo sicuri che non si tratti di sorrisi, invece? Che non sia il sorriso il più naturale moto dell’animo per un affetto ritrovato e la scoperta di avere, nonostante tutto, qualcosa in comune? Se per gli accadimenti può valere la sospensione dell’incredulità, i sentimenti devono essere coerenti. Il titolo, proprio no.Segnala il commento

Commenti degli utenti

Large 20200824 184010.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lerio ha votato il racconto

Esordiente
Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Concordo con i commenti precedenti. Piaciuto!Segnala il commento

Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Molto "carina" 'idea del contagio, che si insinua fra le tue parole, mano a mano, con leggerezza, fino al sorriso della moglie, che pare quasi "riannodare" un legame che si era allentato, in qualche modo. Concordo con Esteban, hai fatto un salto di "qualità espressiva e narrativa", dando una voce diversa e più complessa alla tua scrittura. Però il titolo suona troppo "abusato" visto il periodo. IL CONTAGIO... sarebbe più efficace e adatto alla dinamica del tuo racconto...Segnala il commento

Large 49199479 758130297888306 1334725198208827392 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large default

esteban espiga ha votato il racconto

Scrittore
Editor

conduci bene il racconto fino alla fine, con una scrittura che segna un'evoluzione dal tuo stile. è il genere di racconto che però, privato del titolo, non significa più ciò che pensavi. le dinamiche incuriosiscono a prescindere dalla trama. il "piccolo" gettato lì dal nulla sembra un escamotage utile soltanto a giustificare la presenza di una cravatta bizzarra. Segnala il commento

Large 13 34 51 v2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Scrittore
Large 138319914 3587147738030116 1524317747080685121 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

nadelwrites ha votato il racconto

Scrittore
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Aatxajzt7nsl rzh7o6rq5jptmxfuictattxrdrhbzfn=s50 mo?sz=200

Andreasololettore ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore
Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Federico D. Fellini ha votato il racconto

Scrittore
Large dsc 7781 graf.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laure h ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210427 022249.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Lo trovo molto carino. Hai rinnovato il tuo stile in maniera splendida Segnala il commento

Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large the picnic party jack vettriano.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Daniela.A. ha votato il racconto

Esordiente

CarinaSegnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20200403 200548.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Matilde di Folco Portinari

Esordiente
Editor
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee