Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

In famiglia

Pubblicato il 02/04/2021

Breve racconto ispirato a "Lessico famigliare" di Natalia Ginzburg

50 Visualizzazioni
25 Voti

Ogni famiglia ha il suo linguaggio, anche la mia ne ha uno. Così mia madre ripete spesso il detto “chi più spende meno spende”, come le aveva insegnato mia nonna, che essendo di umili origini e avendo dovuto lavorare per tutta la vita, ricoprendo anche mansioni molto faticose, conosceva bene il valore del denaro e non era certo una consumista, per cui preferiva spendere qualcosa in più ma guadagnare in qualità.

Sempre mia madre usa spesso l’aggettivo “povero” o “poverino”: poverino questo, poverino quello, povera donna, povera me, povero ragazzo.

E così anch’io lo uso nel significato che si dà a questa parola nella mia famiglia. Quando mi riferisco a qualcuno definendolo con l’aggettivo “poverino”, però, gli altri spesso non comprendono quello che intendo e pensano che il poverino o la poverina di turno, sia una persona sfortunata o disgraziata, un miserabile, qualcuno da biasimare. Invece, per mia madre, il poverino è colui che merita comprensione e affetto perché sta soffrendo, è qualcuno per cui provare empatia.

Se nella mia famiglia non mancano i proverbi o le espressioni idiomatiche, il dialetto invece è poco utilizzato. La lingua siciliana è stata praticamente bandita non per rifiuto delle proprie origini o per snobismo intellettuale, ma per ragioni pratiche visto che se si parla spesso in dialetto, poi si pensa in dialetto e a scuola si fanno errori, perché le regole dell’italiano sono diverse da quelle del siciliano.

Eppure, mio padre, per il quale il catanese è la vera lingua madre, seguita dall’inglese americano, dato che ha lavorato per più di quarant’anni con gli americani, e solo poi dall’italiano, ogni tanto usa delle espressioni dialettali che creano non pochi equivoci dovuti al fatto che i suoi figli, genero, nuora e nipoti non riescono a coglierne subito il significato.

Una volta, mentre accudiva il mio bambino, mi telefonò a scuola nel bel mezzo di una lezione, facendomi saltare il cuore in gola.

- Marcella, non ti preoccupare - mi disse, e già cominciai a sudare freddo.

- Non è nulla di grave. Federico si è fatto male, ma è solo un “acchetto”- disse, cercando di spiegarmi l’accaduto senza farmi agitare.

Non conoscendo bene il dialetto, confusi la parola “acchetto” con “occhietto”, e insomma compresi che mio figlio di soli quattro anni si era fatto molto male ad un occhio. Così, disperata, chiesi permesso per andare via e scappai subito a casa già immaginando il bambino con il volto insanguinato, che rischiava di perdere la vista.

Arrivata a casa, per prima cosa afferrai con delicatezza il viso di Federico, per capire in quale occhio si fosse fatto male, ma poi realizzai che, per fortuna, la cosa era meno grave di come me l’ero immaginata; “acchetto”, infatti, in dialetto siciliano, o almeno nella lingua di mio padre, vuol dire asola, occhiello, ovvero Federico si era fatto solo un taglietto sulla nuca sbattendo contro lo stipite di una porta, si trattava di un taglio profondo, però, che necessitava di qualche punto di sutura.

Queste incomprensioni si creano ogniqualvolta mio padre, entrando in agitazione per qualche motivo, comincia a parlare in siciliano, lingua a lui più congeniale, quella che spontaneamente emerge nelle situazioni di forte impatto emotivo.

Così come quando, in barca con mio marito, allora ragazzo, si ritrovò con l’ancora incastrata sul fondale. I due, genero e suocero, un po’ come Totò e Peppino, iniziarono, quindi, la manovra per liberarla; mio padre, l’armatore della barca, ricopriva il ruolo di mozzo addetto proprio all’ancora, mio marito quello di capitano, addetto al motore. La manovra richiedeva molta abilità, e necessitava anche di una certa sensibilità perché il mozzo doveva cogliere il momento esatto in cui avvertire il capitano di spegnere il motore.

Ad un certo punto mio padre tutto concitato gridò: - “Astuta u muturi…astuta u muturi”!

Alessandro, mio marito, anche lui poco allenato al dialetto, confuse “astuta u muturi” con “a tutto motore”, iniziando così ad accelerare anziché rallentare, rischiando di rompere la cima che teneva legata l’ancora.

-“Astuta u muturi”! - continuava a gridare mio padre, e Alessandro, sempre con più grinta e convinzione, caparbiamente accelerava, finché, finalmente, l’italiano tornò tra le parole di mio padre che, scandendo bene ogni termine, gridò: - SPEGNI IL MOTORE!!


Ecco, di situazioni di questo tipo ce ne sono diverse, ma tutte hanno contribuito ad arricchire il nostro lessico famigliare e a creare dei tormentoni, per cui “acchetto” e “astuta u muturi” ricorrono spesso nei nostri racconti e ogni volta ci fanno sorridere.

Logo
4593 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (25 voti)
Esordiente
16
Scrittore
9
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large pexels brett sayles 2896889.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zoyd Gravity ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Valentina B ha votato il racconto

Esordiente

Ho sorriso anche io Segnala il commento

Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Pier Giuseppe Politi ha votato il racconto

Esordiente
Large 138319914 3587147738030116 1524317747080685121 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

nadelwrites ha votato il racconto

Scrittore

Anche un mio amico usa "poverino" come essere meritevole di affetto. Mi piace, propone usi alternativi della parola.Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Mi piace questa incursione nel gergo familiare, mi hai fatto meditare su quali siano le espressioni ricorrenti nella mia famiglia. Uno studio molto interessante, si capiscono molte cose. Grazie!Segnala il commento

Large 13 34 51 v2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Scrittore

hai fatto sorridere anche me.Segnala il commento

Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Molto bello.Segnala il commento

Large 20210427 022249.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente

Molto interessante Segnala il commento

Large img 1431.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore

La leggerezza e la semplicità della narrazione rendono piacevole la lettura, e si apprendono parole ed espressioni nuoveSegnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Non tutti sanno che il siciliano non rientra tra i dialetti, ma tra le lingue. Invero, al pari dell’italiano, deriva dal latino volgare. Anche l’UNESCO riconosce al siciliano lo status di lingua madre, tanto da considerare i siciliani bilingue. Non avrei usato i termini "povero" e "poverino", ma i siciliani "mischinu" e "mischineddu". Apprezzo molto il brano che esplora i tesori della lingua siciliana.Segnala il commento

Large 49199479 758130297888306 1334725198208827392 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large 291786 273806129306614 239035103 nbis.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Dalcapa ha votato il racconto

Scrittore
Editor

La semplicità, la leggerezza, le emozioni dei ricordi, della memoria. Ben scritto, mi ha lasciato stampato un sorriso. Bello!Segnala il commento

Large img 20190420 144156149.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Mong ha votato il racconto

Esordiente
Large typee.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

carlomariavadim ha votato il racconto

Esordiente

Molto godibile e simpatico. Brava.Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore
Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore
Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Delizioso Segnala il commento

Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20190702 wa0006  2  2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sonia A. ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20210705 011756.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ti Maddog ha votato il racconto

Scrittore
Large ritratto.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di occhineri

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee