Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Soggetti per il cinema/teatro

Interludio. Mondrian e Miró. Primo Atto.

Di Federico D. Fellini - Scritto da Esordiente
Pubblicato il 23/12/2019

40 Visualizzazioni
17 Voti

Mondrian era inginocchiato sul bagnasciuga. Usava una canna di bambù per tracciare righe verticali e orizzontali sulla sabbia. Lavorava senza fretta. Intensificava la tensione di una linea, frantumava una figura geometrica, ricomponeva un angolo da una nuova prospettiva. Si fermava poi a osservare il mare, il cielo e le stelle, fino a che un’altra intuizione su possibili equilibri di forma e spazio lo spingeva a disegnare solchi ortogonali con una diversa armonia – in un modo razionale, ma non calcolato.

L’Artista sobbalzò quando Miró, giunto silenzioso da dietro, con una voce squillante disse: «A volte penso che solo Chuck Jones sia andato oltre il Cubismo».

Il catalano ridacchiò alla reazione scomposta dell’altro. Quella sera indossava una divisa da postino, che gli dava un’aria vangoghiana, alla Joseph Roulin. Si sentiva depositario di messaggi fondamentali per l’umanità.

Mondrian alzò il viso, lo riconobbe e sospirò prima di alzarsi e chiedere: «Chi?».

I due s’incamminarono in direzione del porto tenendo le scarpe in mano. Il mare, come un grande cane, ne leccava i piedi nudi con l’umida lingua salata.

«Chuck Jones, l’inventore della saga di Wile E. Coyote». Alle loro spalle, un soffio di vento trasformò quello che Mondrian aveva appena disegnato. Alcune linee sparirono, altre assunsero inclinazioni diverse. Ora sembrava un Grande Arpione roteante in un cielo stellato.

«Sai cosa succede» proseguì Miró. «Wile E. Coyote se ne sta lì, in mezzo al deserto, lontano da amicizie e affetti, in perenne attesa di Bip Bip, in un paesaggio ridotto alle forme essenziali: i punti della sabbia, il piano del deserto, le linee geometriche dei canyon e delle montagne. È sconvolgente, sì, sconvolgente: seguire quei due è sconvolgente come vedere, in un cielo immenso, la falce della Luna che si alza o il Sole che la rincorre e la rincorre e la rincorre». Aveva la tendenza nevrotica a ripetere le parole, agitando le braccia in una modesta imitazione di Rocky.

«Per questo nei tuoi quadri dipingi minuscole forme che si muovono in grandi spazi vuoti».

«Già. Già. Già». Miró, sorpreso dall’acutezza dell’osservazione di Mondrian, s’interruppe per qualche secondo, ma ben presto si riprese. «Perché, capisci, capisci bene, che lo spettacolo dello spazio siderale fa sentire noi umani irrisori, insignificanti, inutili. Allo stesso modo il deserto disegnato da Chuck Jones mette in risalto la relatività delle vite melodrammatiche dei suoi eroi – con tutto l’apparato di appostamenti minuziosi e inseguimenti senza esclusione di colpi, idee geniali e fallimenti clamorosi, grottesche ritorsioni e vendette autolesionistiche, lanci di macigni con catapulte in precario equilibrio sulla punta acuminata di montagne altissime e cavalcate a dorso di razzi che esplodono, corse folli nella prateria e rovinose cadute in canyon abissali, precedute da patetici addii al mondo vergati su cartelli cui si rimane abbarbicati restando sospesi nel Vuoto per qualche ultimo, impossibile – impossibile! Impossibile! – istante».

Miró mimava come un tarantolato ogni gesto degli eroi di cartone che evocava, sotto lo sguardo freddo di Mondrian. Arrivato a questo punto senza fiato, dovette fermarsi. La sosta durò pochi attimi, appena il tempo necessario a riattivare una respirazione quasi normale.

«Ma è lo scenario – quegli spazi vuoti (Miró sferrò un potente jab a un refolo d’aria che gli aveva sollevato il fazzoletto intorno al collo), quegli orizzonti vuoti (un diretto, preciso, venne piazzato ai fianchi dell’impertinente fantasma), quelle pianure vuote (ancora un jab) – in cui avviene tutta questa agitazione scambiata per azione che mi ha sempre impressionato, come tutto quello che è spoglio e fermo, fisso, immutabile (saltelli intorno al corpo immaginario dell’avversario a terra)».

«È un buon modo per superare i limiti dell’arte tradizionale, che pure prendeva a modello il mondo naturale, sulla base però di un equivoco». Mondrian sembrava indifferente al fatto che Miró stesse salutando un pubblico immaginario con le braccia levate al cielo, in segno di vittoria, mentre muoveva le labbra simulando di urlare: «Adriana!!!».

«I colori della natura, il ritmo degli esseri viventi e le relazioni delle singole parti del tutto, tra loro esprimono un senso che non può essere risolto attraverso forme di rappresentazione della realtà che siano un mero adeguamento ai modi in cui essa appare. Occorre andare oltre il visibile» continuò a dire impassibile, con la pacatezza e il rigore di una logica inappuntabile.

«Proprio così. Proprio così. Proprioooo…. così!». Il catalano tirò ancora un paio di colpi all’aria, prima di concludere: «Il punto è questo, sì questo, questo: la realtà pura che viene espressa da Chuck Jones riducendo le forme naturali alle figure geometriche fondamentali e i colori a poche sfumature di quelli primari – se non unicamente a un polveroso giallo seppia – è l’estrema sintesi dell’immaginario mitico western: ne esprime l’intima Verità».

Logo
4978 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (17 voti)
Esordiente
11
Scrittore
6
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Grissinotunatuna ha votato il racconto

Esordiente
Large foto0001.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large default

esteban espiga ha votato il racconto

Scrittore
Editor

parallelo raffinatissimo. stile impeccabile. Mirò che argomentando mima un pugile è iconico e fa ridere.Segnala il commento

Aoh14gjrmag78hkjcqoaqnabg2burrwlxqbfnbsubad36q=s50?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Scrittore

Originale, godibile e ben scritto. Piaciuto.Segnala il commento

Large default

Francesca Lodoli ha votato il racconto

Esordiente

Un racconto molto colto e raffinato; geniale l'idea di utilizzare artisti famosi come protagonisti. Complimenti!Segnala il commento

Large img 2435.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Bello, e come sempre originale. I tuoi post hanno il marchio di fabbrica. Segnala il commento

Large img1.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

palu ha votato il racconto

Esordiente

Davvero bello, un ACME di contenuto che però spalmi bene. Questo mi è piaciuto.Segnala il commento

Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Molto apprezzato.Segnala il commento

Large images.jpeg.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente

Il Coyote spunto x riflessioni filosofiche! OriginaleSegnala il commento

Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore

Padrone della forma e del merito. Comme d'habitude (je vais sourire).Segnala il commento

Large default

Tella ha votato il racconto

Scrittore

ComplimentiSegnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Tu sei evidentemente un genio. L'accostamento con Chuck Jones è meraviglioso. Ti porterò rispetto fino alla fine...ed oltre!!! ;-))) Segnala il commento

Large foto rocio marian ciraldo.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

RoCarver ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Sembra un trattato filosofico, complimenti! "Il mare, come un grande cane, ne leccava i piedi nudi con l’umida lingua salata" geniale.Segnala il commento

Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Il Verte ha votato il racconto

Esordiente

Per me il tuo migliore, per N motivi che faccio miei Ps L'immagine che dai del mare è strepitosa, Segnala il commento

Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large 20190710 115436.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Interessante come scrittura: ricca, dettagliata, ben miscelata e gravida di spunti, ma esiziale, drammaturgicamente...Segnala il commento

Large img 1371.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Federico D. Fellini

Scrittore