Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

L'abbacchiatura

Pubblicato il 11/01/2023

Lasciamoli annegare. E con loro marciscano la dignità umana, i diritti inalienabili, i principi e i valori democratici, la sacralità della vita. Mi scuso: ho ritirato per un refuso.

128 Visualizzazioni
18 Voti

Cosa è successo?

L’ultima cosa che ricordo è l’impatto con l’acqua gelida, i vestiti che s’impregnano come spugne: zavorre che mi spingono sul fondo.

Dove sono?

Apro gli occhi, le pupille mi restituiscono una nebbia lattiginosa che brucia come acido. Poi il nulla.

Il ticchettio alle tempie è insopportabile. Non riesco a pensare, a ricordare. I polmoni si dilatano, e il dolore esplode come una scarica elettrica che attraversa ogni cellula, gli spasmi contraggono i muscoli, stritolano le ossa in una morsa.

Voglio solo che finisca, ma cosa? Il dolore? L’amnesia? La cecità? Il ticchettio?

Devo concentrarmi, ignorare le domande e la paura che sale dalle viscere. Devo riattivare i sensi e raccogliere dati, per capire, recuperare le risposte che la ragione reclama. M’impongo di regolare il respiro. Pochi minuti e il battito cardiaco si sincronizza su una frequenza quasi normale.

Ora il dolore arriva a ondate, come le doglie poco prima del parto. Tra un’onda e l’altra tento di aprire gli occhi. La palpebra destra obbedisce al comando, ma si ferma a mezza strada come una saracinesca unta male, un ingranaggio rugginoso che s’inceppa. La palpebra sinistra non vuole saperne: resta chiusa, come se presagisse l’orrore che mi aspetta. Provo a girare il capo, una fitta trapassa il cranio e si dirama sulle vertebre. Stringo la mandibola e il sapore del sangue aumenta la nausea.

Non posso cedere, non voglio morire senza sapere dove e perché. Ho bisogno del viatico di risposte alle domande che mi martellano sino al midollo. Con cautela schiudo la palpebra destra. Sono dentro una stanza che non ho mai visto. Dal tetto crepato pendono una lampadina attaccata a un filo elettrico lercio e due catene agganciate a uncini distanti un metro l’uno dall’altro. L’intonaco è staccato in diversi punti e agli angoli la muffa disegna strane figure astratte.

Tento di sollevarmi per osservare tutta la stanza, ma le braccia e le gambe non hanno presa sulla superficie viscida su cui sono sdraiata.

Piego il viso in avanti e quello che vedo è un sudario steso sulla parete di fronte: macchie rosse e marroni, scolature e grumi, e una poltiglia spiaccicata sul muro. Sono un medico, se potessi osservarli meglio sono certa che riconoscerei schegge d’ossa, pezzi di cervello e di altri organi umani.

Il miscuglio di sangue, escrementi e putrefazione rende l’aria irrespirabile. Devo vomitare, ma per farlo dovrei girare il capo, ed è uno sforzo che al momento non posso tentare. L’occhio mi brucia, cola lacrime e dolore. Lo richiudo per allontanare il disgusto.

Sento urla disperate, schiocchi, rumori metallici e spari.

Ora ricordo.


Siamo arrivati dopo il tramonto in un campo che credo si trovi a nord-est tra Al-Bayḍāʾ e Tobruk. Il camion è stipato di bambini, vecchi che si ostinano a fissare in basso e a sgranare sbiaditi misbaḥah per non perdere la conta e la speranza dei dhikr, e donne e uomini che per tutto il viaggio hanno evitato di guardarsi.

Ci fanno scendere e ci conducono verso un altro gruppo in attesa. Due uomini passano in rassegna la massa dei nuovi arrivati e indicano chi deve avviarsi verso il camion fermo a una decina di metri e chi deve risalire su quello che ha appena scaricato il carico umano. Pochi minuti e siamo tutti a bordo. Nessuno fiata quando i camion si avviano in due direzioni diverse.

L’autista si dirige verso un punto preciso. Credo si orienti con le montagne che si scorgono in lontananza.

Devo essermi assopita. Mi svegliano i violenti sobbalzi del camion. Abbiamo lasciato la strada sterrata e procediamo lungo un sentiero di terra appena battuta, probabilmente una nuova pista. Il carico umano è sbatacchiato, molti cadono addosso a quelli seduti sul fondo del camion, i bambini si svegliano terrorizzati e cercano i genitori nella calca di corpi aggrovigliati e dolenti che faticano a riprendere posto. Un ragazzo approfitta del caos per sfidare l’ordine del conducente e guardare fuori. Un vecchio gli afferra la mano e lo costringe a sedersi. Il ragazzo non fa in tempo a rivelare che ha intravisto un luccichio a un centinaio di metri, e l’oscurità è dilaniata dai fari di quattro Suv. L’autista accelera e in pochi istanti si ferma a quattro, cinque metri dai Suv. Chi può si alza in piedi con la speranza di scendere dal mezzo, sgranchirsi le gambe e respirare aria che non puzzi di vomito, sudore ed escrementi. Ma l’autista urla di non muoverci e l’ordine avvia la sinfonia di pianti, lamentele, gemiti e imprecazioni.

Due ragazzini si avvicinano e ci puntano contro i fucili. I vecchi smettono di lamentarsi, le donne di supplicare e gli uomini di maledire. Resta il pianto dei bambini a manifestare la fatica del viaggio.

Dopo qualche minuto l’autista torna in compagnia di due uomini. Osservano il carico e arriva l’ordine di ripartire: “un 80 da 15”. Nessuno comprende l’ordine, tranne un ragazzo che conosce il gergo degli scafisti: significa caricare almeno 80 persone su un natante omologato per trasportare non più di 15 adulti.


Ci siamo staccati dalla costa da almeno due ore, ma anche chi non è mai salito su un natante capisce che qualcosa non va. Il gommone è troppo lento. Il panico si diffonde quando il motore inizia a tossire un fumo denso che appesta l’aria. Lo scafista a prua fa segni ai tre a poppa. È il più giovane dei quattro scafisti, un ragazzo di circa vent’anni, forse meno, ma con l’espressione di chi è capace di tutto. È lui il capo, lo s’intuisce da come si muove e da come lo guardano gli altri scafisti. Estrae un cellulare da un sacchetto di plastica trasparente, di quelli che si usano per surgelare il cibo. Sussurra con le mani incrociate sul cellulare per attutire la voce. Resta in ascolto per qualche secondo. Gli altri fanno sempre più fatica a governare il gommone. Il capo comunica di aver ricevuto l’ordine di fare ritorno, che c’è uno scafo che li attende, saranno tutti caricati e riprenderanno il viaggio. È un messaggio in codice: significa che devono liberarsi del carico, che c’è un pattugliatore che li cerca, e con il motore in avaria non hanno alcuna possibilità di superare le acque territoriali. Nessuno gli crede. Un anziano urla che non ha senso tornare indietro, lo scafo può raggiungerli, trasbordarli e proseguire il viaggio.

Lo scafista ripone con cura il cellulare dentro la bustina di plastica. Il primo a cadere in mare è l’anziano. Ha inizio l’abbacchiatura. Gli scafisti colpiscono alla cieca. Non c’è tempo per scegliere i capi d’abbattere, ma i primi a cadere sono i più deboli e i bambini incapaci di risalire sul gommone, di costringerli a una doppia fatica. 


continua...

Logo
6591 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (18 voti)
Esordiente
11
Scrittore
7
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Aedftp7jbkjrsipb b ar0nhery2ojfrxjcumirx64e1=s96 c?sz=200

Isabella Ross ha votato il racconto

Esordiente
Large 675e5471 05e0 4107 8ba7 e542a5b70562.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

MMarianella ha votato il racconto

Scrittore

Un altro attentato alle mie emozioni del lunedì. Non mollare e continua così. Segnala il commento

Large 20200611 011659.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Amid Solo ha votato il racconto

Esordiente
Large anto 4.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Shirah ha votato il racconto

Esordiente

Realistico e doloroso, molto ben reso.Segnala il commento

Large 20201021 160429.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Cinzia m. ha votato il racconto

Esordiente
Large screenshot 20221107 000309 samsung internet.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente

Bravissima Segnala il commento

Large img 20201104 wa0000.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Howl ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Mi sembra di annegare! Il ritmo ti trascina e non ti dà modo di pensare o distrarti. L'orrore ti entra dentro ti fa stare male. Dettagli e immagini dirette, descrizioni fisiche. Trovo tutto così difficile da sopportare eppure necessario. Una lettura che non ti può non ferire. Ottimo sotto tutti i punti di vista. Aspetto il continuo. Segnala il commento

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Mirabile per la tensione e il realismo. Fai parlare le cose, le bocche mute. Grande cronaca e reportage. Presa cinematografica. Ottimo.Segnala il commento

Large thumbnail.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Frato ha votato il racconto

Esordiente

Come sempre, Adriana. Aspettassimo un milione di anni, saremmo sempre gli stessi. Abbiamo forse qualche privilegio? Perchè? Racconto emozionante e incredibilmente triste e, purtroppo, vero. Ciao, Roberto. Segnala il commento

Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Se volevi colpirci al cuore, lo hai fatto. Bella la struttura con il flash back Segnala il commento

Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

fa male… bisognerebbe urlarlo ogni giorno, grazie Adriana ⭐️Segnala il commento

Large faceapp 1627224793679.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Italo ha votato il racconto

Scrittore

Dura, durissima realtà che non vuole finire, ma deve.Segnala il commento

Large img 20220710 wa0005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Stefano Sabattini ha votato il racconto

Esordiente

Molto bello. Continua...Segnala il commento

Large io.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Coscienza fantasma ha votato il racconto

Esordiente

Senza paroleSegnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore

Potente Segnala il commento

Large default

Raffaele 57 ha votato il racconto

Esordiente

Succedeva nell'8oo con la tratta degli schiavi per le Americhe e adesso si ripete qui anche grazie al supporto delle O N G, un tema controverso e drammatico Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Il termine che dà il titolo rende perfettamente comprensibile l'entità della tragedia. È una disumanità quotidiana che troppo spesso viene taciuta o minimizzata dagli organi di informazione. Il tuo stile rende un servizio civile e umano. Complimenti Adriana!Segnala il commento

Large ll mare dei surrealisti.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente

Una tragedia immane, inconcepibile. Non credo vi siano azioni più riprovevoli, raccapriccianti e abominevoli. Inevitabilmente un testo di forte impatto emotivo, trascina nello sgomento e profondo sconforto interiore, rendendo evidente l'inferno di questa inumana dannazioneSegnala il commento

Large whatsapp image 2022 04 02 at 13.44.08.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Adriana Giotti

Scrittore
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work