Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Fantastico

L'immortalità può attendere. Parte 2/2

Pubblicato il 25/07/2022

61 Visualizzazioni
13 Voti

La Visconti batte la punta della scarpa tre volte su una delle radici, incarognita con l’albero.

«Quanto devo aspettare signor Derni? Ha già ricombinato il DNA di Stefano col platano?»

«Berni, mi chiamo Marco Berni signora e no, eseguo il taglio del segmento di DNA in questo momento.»

«Berni, Derni…è uguale. Si sbrighi. Quell’idiota mi deve dire dove ha nasc— Non importa.»

Estraggo l’iniettore dalla borsa degli attrezzi e lo infilzo nella radice più massiccia. Un liquido denso penetra nell’albero insieme al DNA del defunto e ai nanobot di veicolazione. Smanetto sul monitor touch. Il software non rintraccia i segmenti di DNA ricombinante nel platano per il match con quelli di Stefano, strano. La donna sbuffa, tira un calcio al tronco, salta via un pezzo di corteccia appuntito che le smaglia i collant .

«Maledetto, ti rifiuti di legarti al mio Stefano? Mi hai anche rovinato le calze!»

Accarezza la smagliatura con i polpastrelli sormontati dalle unghie bordeaux a pois bianchi, fulmina con lo sguardo l’incolpevole pianta, allarga le braccia e trasferisce gli occhi incendiari su di me.

«É in grado o no di eseguire il lavoro? Mi avevano assicurato che lei è il miglior tecnico della Perpetual Connection!»

Certo che sono il migliore! Vuoi che te lo dimostri in un altro modo, zoccola?

Un latrato di cane salva la Visconti. Il monitor dell’albero vicino, una betulla dal tronco snello, rischiara la penombra del sottobosco. Cavolo, il sole è tramontato.

La Visconti si avvicina alla betulla.

«E tu che hai da lamentarti? Almeno ti hanno ricombinato. Guarda qua invece.»

Si gira verso il platano, gli occhi fuori dalle orbite.

«Guarda qua dico! Lo vedi? Questo stupido albero non si vuole ricombinare con il mio Stefano.»

La osservo camminare da un tronco all'altro con i pugni sui fianchi.

Ma perché ci tiene tanto a contattare in fretta e furia il suo amante defunto?

Il cane ricombinato con la betulla abbaia più forte. La signora Visconti lo fissa rassegnata, un animale qualsiasi è riuscito ad accedere alla vita eterna e il suo amante no. Sposta gli occhi lucidi su di me, singhiozza.

«Faccia smettere quel cane per l’amor del cielo.»

Ti metti a piangere stronza? Mi avvicino alla betulla. Sul monitor scorrono dati illeggibili. Piano piano emergono i piedi di un umano, indossa scarpe da running. Sì, stanno correndo insieme. La ripresa va su e giù, spuntano delle braccia e una lingua che lecca una guancia. La memoria del cane.

«Jack! Il Jack Russel di Stefano.»

La signora Visconti punta il dito, allunga il braccio e si appoggia alla betulla.

Il video riprende l’uomo da dietro, cammina in un giardino, trova una finestra, schegge di vetro cadono all’interno. Una gamba dopo l’altra l’uomo scavalca il davanzale, inciampa in un tappeto damascato, finisce contro lo spigolo di un camino in marmo, smanaccia in cerca di un appiglio, prende al volo un candeliere d’oro prima che impatti sul parquet. La Visconti strabuzza gli occhi.

«Quella è casa mia!»

Appoggia il dorso di una mano sulla fronte, la testa all’indietro nel gesto di svenire.

Dal piano superiore arrivano gridolini, ansimi. L’intruso sposta un quadro, apre la cassaforte. Estrae una scatola, rovescia il contenuto in un sacchetto di iuta e lo lega sopra la schiena del cane. Il cane abbaia. Scende qualcuno dalle scale, è una donna con capelli a spazzola color argento. La donna spara. Il cane salta fuori dalla finestra.

Zampe scavano sporche di terra. Il video si interrompe.

Alzo lo sguardo, incrocio quello della Visconti. Gli occhi sbarrati, le braccia strette contro il petto.

«Io…io non volevo ucciderlo. Mi ha costretta il maledetto ladro!»

Che stronza! Allora non te ne frega niente del tuo amante... Mi gratto la testa, cammino a passi lenti intorno alla donna, il lattice del vialetto sprofonda e torna alla posizione originale. Ecco perché non sono riuscito a ricombinare il DNA dell’uomo con il platano. Non c’è nessun bug nel software. Stefano rifiuta l’immortalità, semplice. Chi potrebbe biasimarlo?

Luci bianche e blu illuminano il vialetto, lampeggiano sui tronchi. Custode ha chiamato la polizia, bravo.

Basta me ne vado, col cazzo che resto in questo posto col buio.

Logo
4141 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (13 voti)
Esordiente
8
Scrittore
5
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore
Large 20210422 011503.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large 20220917 234924.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Aoh14gjaydde0xx0klmdn8xav1mkmg25dbcq0nyke6jl=s96 c?sz=200

Signor Fabiani ha votato il racconto

Esordiente
Editor

"La osservo camminare". Come c@$$o ha fatto a sfuggire questo minchia di verbo di percezione? La forma [verbo percettivo]+[percezione] - in questo caso [osservo]+[camminare] - è sbagliata. La forma corretta è [percezione]+[effetti della percezione sul personaggio]. Quindi sarà qualcosa del tipo "cammina sculettando" [percezione visiva] + [scegli tu quale effetto provoca sul personaggio lo sculettare della Visconti]. Una precisazione ancora. Non è che "il fantastico è un genere che se riesce bene è bello, altrimenti corre il rischio di scadere nel ridicolo". Questo NON E' un problema del fantastico, questo è vero SEMPRE: o scrivi bene oppure scadi nel ridicolo. E per scadere nel ridicolo basta scrivere cose del tipo "Che ore sono?", chiese Giulia. "Le dieci e mezzo", rispose Paolo.Segnala il commento

Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

fa pensare …Segnala il commento

Large mino.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Jacopo C. ha votato il racconto

Esordiente

Devo leggere la prima parte per capire meglio...poi magari aggiungo un commento. P.S. Letta, e devo dire che è fantastico davvero, mi ha ricordato certi racconti di Ray Bradbury. Certo che il fantastico è un genere che se riesce bene è bello, altrimenti corre il rischio di scadere nel ridicolo. Insomma è un genere non per tutti...per me, come scrittore, non lo è. Come lettore sì. Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Dei tuoi racconti apprezzo molto: la fantasia che compone le trame, la volontà di esplorare e creare per noi mondi lontani, la scrittura scorrevole. Lo sai, l'ho già detto. Questo l'ho sentito particolarmente vicino.Segnala il commento

Large thumbnail.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Frato ha votato il racconto

Esordiente
Large ef3fdfd2f39a4f5d4a9f5557c0f21246.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente

Alcune piccole parti mi hanno ricordato Altered Carbon, la prima serie o il libro. Segnala il commento

Large 675e5471 05e0 4107 8ba7 e542a5b70562.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

MMarianella ha votato il racconto

Scrittore

È abbastanza amaro il finale, secondo me, però sicuramente lascia uno spunto di riflessione importante. Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large 9788894548259 0 536 0 75.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large altro mondo.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Clarissa Kirk

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work