Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Umoristico

L'uomo che parlava ai cani

Pubblicato il 08/06/2020

Quando la lingua salta di specie: dall'animale all'uomo

29 Visualizzazioni
10 Voti

«Muoviti, devo andare la lavoro» Ugo strattona Pocho invitandolo a sbrigare le sue faccende in modo rapido.
Sono le sette del mattino di un qualsiasi giorno feriale e Ugo è in giacca e cravatta, sbarbato e profumato, con il viso ancora umido bagnato dal suo dopobarba preferito.

Ugo è un tipo preciso, deve marcare il cartellino alle otto e non tollera ritardi.

Al contrario, Pocho non ama l'orologio, preferisce seguire l'olfatto alla ricerca di un suo simile.

Pocho è un bassotto, giovane, energico, egoista - soprattutto la mattina.

«Se no ti dai una mossa, giuro che ti faccio una mazziata!» minaccia Ugo, sempre più spazientito e con lo sguardo concentrato sull'orologio.

Pocho continua a non sentir ragioni, chiuso nel suo mondo e col naso continua ad odorare l'asfalto.

«Ho capito, questa mattina hai deciso di farmi di arrivare in ritardo» ripete Ugo, con un tono meno minaccioso e più conciliatorio.

Pocho non lo degna nemmeno di uno sguardo, col muso sniffa la strada dirigendosi verso il marciapiede più vicino, quasi avesse identificato una pepita.

Dopo l'ennesimo strattone al guinzaglio, Ugo incalza: «guarda che se continui così, ti giuro che te la farò pagare!», alterandosi quanto basta per far capire al quadrupede che il tempo è scaduto.

Pocho sembra accusare il colpo. 

L'animale si avvicina ad un paletto, lo annusa, lo reputa un luogo degno per lasciare i suoi ricordi, si accosta, alza la zampa posteriore destra e si libera. 

«Finalmente, Pocho te lo voglio dire: ogni giorno che passa, peggiori. Stai diventando insopportabile! E ora forza, rientriamo subito che devo correre in ufficio, io sono un tipo preciso dovresti saperlo» sentenzia Ugo.

E strattona Pocho per tirarselo verso casa.

 «Bau bau bau» risponde il cane oramai rinvigorito (e alleggerito).

 «E no! Ora rientriamo, ci pensavi prima così impari» si vendica Ugo che aspettava il momento giusto per rinfacciare al cane la sua angoscia.

 «Bau bau» Pocho continua gioioso, nemmeno avesse trovato la pepita che cercava.

 «Ma che ti prende Pocho? Che sono tutte ste moine? Fai il serio!» e con un colpo deciso, Ugo rimette Pocho nella giusta direzione.

Ma, all'improvviso dall'angolo della strada, spunta il Vigile Urbano.

Colto in flagrante, con la prova non raccolta ancora al centro del marciapiede, Ugo con disinvoltura prosegue fingendo di non essere mai stato sulla scena dello sporco crimine. 

Ma all'occhio attento del Vigile, le prove sono schiaccianti.

E così, mentre Ugo e Pocho rientrano a casa, il cane - felice e leggiadro - ascolta le ingiurie dell'uomo che, multato, arriverà pure in ritardo al lavoro. 

Dopotutto, riflette Pocho, lui continua a parlami ma poi, quando rispondo, perché non mi ascolta?

Logo
2679 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (10 voti)
Esordiente
7
Scrittore
3
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large altro mondo.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Clarissa Kirk ha votato il racconto

Esordiente
Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Un racconto piacevole, che fa sorridere. Chiunque abbia un cane, ne sono certa, mentre lo legge annuisce convinto.Segnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Piaciuto l’umorismo pacato del rapporto uomo cane, in cui le gerarchie risultano leggermente confuse. Il Vigile Urbano, scritto maiuscolo, è una chicca. BravoSegnala il commento

Large unam.jpg f detail 558 h 720 w 1280  p f h w a5d6741.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Santiago66 ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large 0f6af098 82af 4cce a467 9173710a6edc.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Con il fatto che ho un bassotto di nome Ugo ogni tanto mi confondevo. Scherzo comunque è una razza divertente e che tende a fare di testa propria. Anche il racconto è carino e secondo me puoi aggiungere ancora più dettagli e scenette spassose Basta osservarli e Al prossimo :)Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

L'incomunicabilità è quello che ci rende espressivi...:-)Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Stai tirando fuori il tuo "tono", leggero e garbato, ma si capisce che dal quel "cilindro" usciranno storie sempre più intense, complesse e strutturate... se continuerai ad ascoltarti, e a seguire la tua voce...Segnala il commento

Large 20220521 204723.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Helenas ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large mariomonfrecola social 2020.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di mariomonfrecola

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work