Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

LA BAMBOLA GONFIABILE

Pubblicato il 15/05/2020

Sono diventata una bambola gonfiabile. No, non sono ingrassata. Oddio, un po’ sì, del resto la quarantena, poco movimento, senza poter lavorare. Insomma, intere giornate trascorse fra letto, divano, passando per il frigo! Sì, per il frigo!

73 Visualizzazioni
19 Voti

Sono diventata una bambola gonfiabile.

No, non sono ingrassata.

Oddio, un po’ sì, del resto la quarantena, poco movimento, senza poter lavorare.

Insomma, intere giornate trascorse fra letto, divano, passando per il frigo.

Sì, per il frigo!

Io per andare in camera passo per il frigo, va bene? Lo attraverso proprio.

Il frigo! Questo grande passaggio segreto.

Ricorda un po’ Narnia, il passaggio attraverso l’armadio per andare nel paese magico.

Ecco, io sono un po’ come i protagonisti di Narnia, apro il frigo, ci entro, e per magia mi trovo distesa sul letto, e nel passaggio mi sono pure rinfrescata.

Figo. O meglio, frigo!

E mi sono pure rifocillata.

Strafrigo.

E sono ingrassata.

Franculo.

Va beh, stavo scherzando.

E comunque sono diventata una bambola gonfiabile, non solo perché sono ingrassata, no, ma anche per via della bocca. Sì, la bocca.

Sto parlando ovviamente delle bambole gonfiabili di plastica, quelle che si gonfiano tipo materassino al mare, non quelle che ci sono adesso, super moderne, in silicone. Quelle non si gonfiano. Quelle sono talmente belle che sembrano vere, e costano un casino, che allora uno si chiede, che cazzo ci spendi tutti quei soldi? Scopati una donna vera, no?

Sì, certo, una bambola in silicone te la prendi, te la scopi, e poi la rimetti nell’armadio, senza complicazioni pre e post coito. Insomma, niente preliminari, niente “ti è piaciuto”, “sei venuta”, “te ne vai?”, e intanto mentre te la scopi sembra che lo stai facendo con una donna vera, e oltre a tutto strafiga.

E non parla!

Quelle gonfiabili, tipo materassino, non sono certo così belle, ma costano poco, e quel che conta, non parlano e sono adatte allo scopo. Ecco, qui potrebbe anche starci un bel doppio senso:

lo scopo…

le bambole gonfiabili…

Va beh, torniamo alla bocca.

Le bambole gonfiabili hanno la bocca tonda, sì, proprio un cerchio quasi perfetto, per farci passare il coso, ci siamo capiti, no? Ecco.

Questo è quello che ho fatto io. Ho preso una mascherina, ho ritagliato un tondo perfetto all’altezza della bocca, ho messo una guarnizione di plastica grande quanto basta e poi ho chiuso il buco con un tappo, sì, un tappo, tipo quelli dei rubinetti, quelli di una volta, con la catenella.

Certo! Ci ho messo anche la catenella! Così tutte le volte che lo tolgo, poi, non devo stare lì a cercare dove l’ho messo.

Funziona così: quando arriva un cliente lo accolgo con la mascherina, attraversiamo il frigo, andiamo in camera e, quando è il momento, tolgo il tappo.

E così divento una bambola gonfiabile.

Che lavoro faccio?

L’operatrice sessuale.

Puttana?

No, scusate, ma ci tengo, operatrice sessuale!

È un po’ come dire operatore ecologico o spazzino.

Non è la stessa cosa, no!

Provate a dire spazzino a un operatore ecologico.

L’operatore ecologico ha una sua dignità, opera per l’ecologia, si preoccupa, si preoccupa per il benessere di tutti.

Ecco, lo stesso vale per me. Ho una mia dignità, mi preoccupo, mi occupo, mi occupo dei miei clienti, opero per il loro benessere sessuale. È importante. È un lavoro. È un lavoro nobile e importante. Sì, certo, non tutte lo fanno come me, per vocazione, per professione, forsanche per necessità. Insomma, ci sono quelle sfruttate, schiavizzate, ma io l’ho scelto, certo, non avevo molte alternative, ma per me alla fin fine è un lavoro, un lavoro come gli altri.

E infatti mi pagano.

Eppure, triste a dirsi, nessuno si preoccupa per noi.

Non ci considerano.

In tutti i decreti legge emanati per l’emergenza virus, mai che abbiano preso in considerazione la nostra categoria. Nessuna linea guida, nessuna indicazione, nessun aiuto economico. Cazzo.

E qui nessun doppio senso.

Cazzo e basta!

Io per un po’ me ne sono stata buona in casa, ho stoppato gli annunci sulla bakeca online degli incontri, ho spento il cellulare per i miei clienti affezionati, poi, dopo un mese, e con il frigo sempre più vuoto, ho cominciato a pensare a delle alternative.

Così ho attivato la webcam, per fare degli spettacolini, e poi ho iniziato anche a fare delle telefonate erotiche.

Insomma, non ho fatto altro che fare tutto quello che stanno facendo gli artisti, perché, in fondo in fondo, un po’ artista lo sono anche io, e gli artisti, alla fin fine, sono un po’ tutti puttane! O no?

Quindi, spettacoli online, letture al telefono e foto e messaggini postate su Facebook e su Instagram, anche se queste ultime non rendono niente, ma è pur sempre pubblicità gratuita, per non farsi dimenticare.

Insomma, bisogna pure inventarsi qualcosa?

Ma così non si guadagna abbastanza!

E il governo? Il governo cosa fa? Il governo pensa a tutti i lavoratori e, pensate un po’, pensa anche agli artisti, certo, e se questi hanno pazienza e riescono a districarsi nel mezzo delle questioni burocratiche, forse, dicesi forse, un aiutino economico riescono anche ad averlo. L’ho visto, giuro che l’ho visto, nella tendina sul sito dell’INPS per la richiesta dell’erogazione una-tantum c’è l’indicazione “operatori dello spettacolo”.

Eccoli, altri operatori riconosciuti.

Ma andate a vederla, la tendina, andate a vedere se ci sono le operatrici sessuali.

No, ve lo dico io! Non ci sono.

Però stabiliscono le regole, le regole del distanziamento sociale! Geniali!

Ma ditemi, come faccio io a operare sessualmente a un metro di distanza? Si, ho un coso molto lungo, va bene, un coso, un cazzo, va bene, va bene un cazzo!

Cazzo, va bene, insomma!

Tanto già l’ho usato questo termine, sì, prima, per imprecare che non ci danno aiuti economici.

Ecco, quindi direi che lo posso sdoganare.

C’è l’ho lungo, il cazzo!

Sì! Ho il cazzo, va bene?

Sono un’operatrice sessuale transessuale, ma il discorso non cambia, e per quanto sia lungo, insomma, a un metro non ci arrivo, nemmeno con la prolunga.

Allora? Allora cominciamo con il ridurre la distanza. Facciamo mezzo metro?

Ecco, poi basterebbe stabilire che la distanza di mezzo metro vale solo per le bocche e i nasi, per le facce, insomma.

Le teste devono stare a distanza di mezzo metro.

Ecco, specificato questo, poi si tratta solo di usare le posizioni giuste. Niente posizione del missionario, per esempio, con buona pace dei missionari e del clero tutto.

Ottima quella alla pecorina. Ancor meglio il 69.

E a questo punto il sesso orale tutto e sempre lecito, salvo per i clienti talmente bassi da avere la testa a meno di mezzo metro dal loro membro. Per loro solo pecorina!

Sì, lo so, ora andrete tutti a misurare la distanza del vostro membro dalla testa. Tranquilli, io, che non sono alta, ce l’ho a 54 centimetri.

Bene, risolta la questione della distanza ecco un altro problema: l’obbligo della mascherina!

Ed è qui che mi è venuta l’illuminazione:

la mascherina “bambola gonfiabile”.

Un buco tondo, una guarnizione e poi un tappo, e quando si inizia a lavorare, via il tappo.

Ho depositato il brevetto.

Ho fatto anche la versione sadomaso.

Al posto del buco tondo, una cerniera

e la mascherina

la mascherina è nera.

Devo dire che questa ha ancor più successo. Unico problema i peli, che si incastrano nella cerniera, non per niente è sadomaso, per quelli a cui piace la trasgressione, piace soffrire.

Ho iniziato a produrle in larga scala, per le mie colleghe.

Vanno a ruba.

Sto pensando anche ad atre versioni, con il buco a forma di imbuto, oppure con stampate delle bocche famose, o con una piccola tagliola o una trappola per topi per gli amanti del sesso estremo.

Insomma, sono solo all’inizio.

Ma non ho smesso con il mio lavoro.

Sono un’artista e la mia è una vocazione.

Qualcuno vuol fare una prenotazione?

Se siete passivi la mascherina è in omaggio!

Il frigo è aperto…

Logo
7481 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (19 voti)
Esordiente
14
Scrittore
5
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large schermata 2020 06 18 alle 10.45.58.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

carres ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200820 wa0039 2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

paroleemusica ha votato il racconto

Esordiente

Amara e divertenteSegnala il commento

Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20191110 005622 627.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

RoCarver ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Mi hai fatto ridere un bel po'! :) Segnala il commento

Large images.jpeg.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20201104 wa0000.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Howl ha votato il racconto

Scrittore

Geniale :) Segnala il commento

Large 11262011 10205534610276575 4722687293382208811 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Isa.M ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1919.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large 0f0b7462 96be 4e97 a613 bebcd14c473c.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente
Aaue7mczxevud7mmtod10ctjdeqrojbibkihyxmkzkkkmq=s50?sz=200

LadyEffe ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large default

Anonimo Piacentino ha votato il racconto

Esordiente

Spassoso e fresco, da frigorSegnala il commento

Large 20200907 082706.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200326 wa0003.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Helena ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Tella ha votato il racconto

Scrittore

GenialeSegnala il commento

Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Un bel monologo teatraleSegnala il commento

Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Prova ad etichettare in un solo genere il cinema di kubrick o di Allen... ciao e complimenti!!!Segnala il commento

Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large 291786 273806129306614 239035103 nbis.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Dalcapa

Scrittore
Editor
Bellevilletypee logo typee typee
Bellevillemilano logo typee
Bellevilleonline logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee