leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Fantastico

La donna del bosco

Di Barbara - Editato da Barbara
Pubblicato il 15/03/2019

Era misteriosamente intrappolata in quella selva oscura,la paura le attanagliava lo stomaco

5 Visualizzazioni
1 Voti

La fanciulla  vagava da giorni in quel bosco, un  vento  gelido  le sferzava  il viso.                  Era  misteriosamente  intrappolata in quella selva oscura, incapace  di uscirne.                   La paura  le attanagliava lo stomaco, faticava  a mantenere  la calma, si sforzava di rimanere  vigile, il panico  si era impadronito  di  lei.                                                                Gli animaletti del bosco, che aveva incontrato ,avevano  diviso  con lei le  loro provviste, grazie  ad esse  era sopravvissuta, purtroppo  erano terminate ed ora iniziava ad avere  sete e fame.                                                                                                                        Era scesa la notte, un buio pesto era calato nel bosco, aleggiava nell'aria un silenzio sinistro che contrastava  con  il sibilo  del vento, in lontananza vide un bagliore.                  Camminava verso di lei  una leggiadra  figura femminile , quando le fu vicino vide            i suoi lineamenti  soavi, i suoi lunghissimi  capelli  dorati, l'azzurro  della sua veste.          "Sono la Signora del bosco  il tuo pensiero  mi  ha invocata ,ti posso aiutare?".                   Celeste dall'emozione  non riusciva  a proferire parola, infine mormorò:                             "Mi sono persa,ho fame e sete,vi prego  aiutatemi  a ritrovare  la  strada  di casa, ".               

"In  questa borsa ci sono pane e acqua ,buona fortuna figlia  mia ".                                          "Non andatevene ,portatemi   con voi!".                                                                                            "Devi trovare la strada giusta  da sola, non  avere paura, in te è  nascosta  la forza               necessaria, credimi."                                                                                                                         "Il nostro incontro dimostra che il destino ti è amico "-detto ciò  scomparve-.                     La memoria  di Celeste era  bloccata alla settimana prima, si rivide nella sua camera          mentre tentava di studiare  a memoria  i  primi versi della Divina Commedia.                    "Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai  in  una selva  oscura  che  la diritta       via era smarrita...."  - il suono del cellulare  la interruppe-                                                       "Sono Alberto, ti va un gelato?"                                                                                                     "Dieci minuti  e  sono davanti alla gelateria, aspettami ".                                                           Celeste osservava Alberto affondare il cucchiaio  nella panna montata, era  innamorata di lui dalle elementari e da anni si accontentava di essere  la sua migliore  amica.                                                                                                                                        "Non riesco a dimenticare Monica, mi ha tradito ,lasciato  ed io soffro  ancora ".                 La giovane taceva rassegnata  era abituata ai suoi sfoghi,lo conosceva bene,nel giro di         qualche settimana le avrebbe presentato la sua nuova ragazza.                                            Lui era fatto così, si disperava e poco tempo  dopo voltava  pagina senza rimpianti.           Per Celeste starlo a  sentire era un'agonia ,così  si inventò  un appuntamento, si salutarono  con la promessa di trovarsi al bar della scuola la mattina successiva.                  La fanciulla camminava verso casa con la testa tra le nuvole,giunse sovrappensiero  al semaforo, mugugnando sul suo mal d'amore.                                                                            Non si accorse che fosse rosso ed attraversò  ,vide un auto nera in lontananza,poi il buio.                                                                                                                                                    Celeste apre gli occhi,non capisce dove sia,è sparito il buio del bosco ,è  in una stanza dalle pareti bianche e sua madre  urla come una pazza.                                                            "Correte si è  svegliata! "                                                                                                                  La sua forza le ha ridato la vita, ora i ricordi sono nitidi , lo scampato pericolo le          ha fatto capire come sia bizzarro il destino:ora che ha ritrovato la via,non permetterà  mai più a nessuno di prendere  il suo cuore e farlo a pezzi.                               "Aspettate....Mi sembra di vedere un giovanotto in lontananza, stringe un mazzo                di fiori di campo tra le mani e va verso Celeste.......


   

Logo
4752 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (1 voto)
Esordiente
1
Scrittore
0
Autore
0
Ospite Belleville
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large foto.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Alex Chiapparelli ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Barbara

Esordiente