Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Erotico

La fessura

Di isa
Pubblicato il 07/09/2018

Ribaltare il gioco

191 Visualizzazioni
26 Voti

C’è una fessura nel mio cervello. Un buco nero nei miei pensieri. Mi sforzo, lo ignoro, lo supero. No, ci ricado. E’ un desiderio che non posso, una voglia che non si deve. E’ l’apertura della tua borsa di pelle, nera, morbida - sembra umida - quando ci fai scivolare dentro la mano. Ho paura, spesso, quando lo fai. Di prendere due, o quattro. Però.

Ho già detto quanto sono belle le tue mani?

C’è scritto tutto di te, nelle tue mani. La pelle, le vene. Come le muovi, il tocco delle dita. Il modo in cui prendi i libri ad esempio. Li accarezzi prima di aprirli. Li schiudi appena, cercando la pagina giusta. Prima uno spiraglio, poi li spalanchi, ma piano. Non so, sembra che tu stia facendo altro. Quando con il dito passi forte al centro, nella fessura tra le pagine, per tenerle bene aperte.

Leggi, ma non sento le parole. Vedo solo le tue labbra che si aprono in una fessura. Dovrei seguire sul libro, ce l’ho anch’io, davanti a me. Invece no. Vedo delle cose. Cose che non si può. Che non si dovrebbe. Mi sforzo, sai. Non è che lo faccio apposta, anzi. E ne ho di ragazze, finchè voglio, che vorrebbero che le scopassi. Scusa la parola, e scusa se ti do del tu. Ma ultimamente, nei miei pensieri, ci diamo del tu, io e te.

Sento, a volte, che passi tra i banchi. Capita allora, che ti fermi alle mie spalle. Prima arriva il tuo odore, poi, a volte, ti pieghi verso di me. Il calore della pelle no, quello non resisto. So che in quel momento – mica mi posso girare, ma lo so - vicino alla mia spalla, c’è la fessura tra i tuoi seni. E’ da lì, ne sono certo, che viene questo odore buono di frutta, o vaniglia, non so. Voglio pensare che venga da lì. Di più, non potrei tollerare. Il seno, dicevamo. Al pensiero - sì, li conosco a memoria, le punte dure come matite, mentre stampano da sotto il cotone della maglietta, o della camicetta o, in inverno, del pullover - sento il sangue denso e caldo che si gonfia in gola. In fondo alla pancia. Tra le cosce. E spero che non si veda anche in viso, il rossore, il gonfiore del sangue che batte sulle vene.

Anche lì, nella tua mano, tra le tue dita che posano sul mio libro, ci sono fessure. La tua mano è abbronzata, ma tra le dita è bianca come panna. La tua mano è calda, lo so senza toccarla. Certo, mica la posso toccare. E’ liscia, lo so senza che tu mi tocchi. Eh no, tu non mi tocchi mai. A volte sento forte, sai, come un’ombra fredda, la mancanza della tua mano, là dove la vorrei.

Tu indichi le righe, sulla pagina. Le segui con il dito. In fondo anche tra le righe della pagina, tra ognuna di esse e la successiva, c’è una fessura. E’ lì che il tuo dito si appoggia, leggerissimo, e scorre. Penso al mio di dito, che scorre, leggerissimo, sulla tua fessura. E scusami se ti do del tu, nei miei pensieri. Ma non riesco a pensare quello che penso dandoti del lei.

Siamo così vicini, a volte. Chini su un libro, pieno di caratteri strani, a tradurli. O quando tu leggi come li ho tradotti, il pomeriggio, a casa. Forse lo fai alla scrivania. Mi piace pensare che lo fai sul letto. Mi piace pensare che il mio compito sia il primo che guardi. No anzi, l’ultimo. In ogni caso in greco spesso prendo due, o tre al massimo. E’ che non riesco a pensare, quando tu sei nella stanza. O meglio riesco a pensare solo ad altro, non al greco.

Che poi anche l’intervallo, alla fine è una fessura. E anche la porta socchiusa oltre la quale ti vedo lo è. Io nel corridoio, con un caffè in mano, nero e bollente, la sigaretta già pronta in tasca. Tu seduta a un tavolo, che scrivi. Alzi lo sguardo. I tuoi occhi sono fondi, due gocce di liquore. Un’immagine. la stessa tua?

Ho un cerchio alla testa. Dov’è finito il mio caffè? C’è una fessura tra le tue gambe chiuse e sottili, sotto il tavolo. Mi avvicino e poi mi giro. Anche la serratura della porta dietro di me è una fessura – mi dico confuso - un buco con la sua chiave. Gira morbida, penso, mentre me la chiudo alle spalle. 

La mia cerniera è una fessura chiusa, la sento scoppiare. La tua scivola in basso tra le mie dita - la cerniera dico - sul fianco. Ora ti vedo, indifesa, come un libro appena comprato, appena scartato. Scorro il dito, leggero come fai tu sulle righe del libro, sulle tue labbra. Aperte, appena, fessura tra due petali. Ci appoggio sopra le mie. Le nostre lingue si accarezzano, in greco forse. Ma c’è una parte di te che mi chiama, che vorrebbe aprirsi, la fessura più nascosta, il tuo segreto, il gran finale. 

Ti appoggio sul tavolo, sopra il registro, sopra i miei due e i miei quattro. Ti schiudo piano, allontano le ginocchia, ti spalanco, ma con sapienza, sono uno studioso ora, e sono alla pagina giusta. Inizio a leggerti. Ma tu lo sai, io sono sempre lento. Leggo e rileggo, e a volte non capisco. E allora ti leggo di nuovo, senza sciuparti, riga per riga. E scusami se ti do del tu, mentre ti dico che ora devo tornare in classe. E non ti preoccupare se anche oggi ho preso quattro. Farò meglio la prossima volta.

Logo
4950 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (26 voti)
Esordiente
26
Scrittore
0
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore
Large rossodisera.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Rossodisera ha votato il racconto

Esordiente

Lezione di greco Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large default

MAQUET ha votato il racconto

Esordiente

ironico, sognante, delicatoSegnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large 1505078293604.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Emanuela ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Gianluca Zuccheri ha votato il racconto

Esordiente

Bravissima!Segnala il commento

Large vardaman.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Vardaman Burden ha votato il racconto

Scrittore
Large porto maurizio imperia 2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Luxsandro ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Gabriella Pilotti ha votato il racconto

Esordiente
Large pierluigi.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

pier ha votato il racconto

Esordiente

Che brava che sei stata isaSegnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200205 153040 2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Raffocinematic ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Grazia Ferro ha votato il racconto

Esordiente
Large img 3163.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Maurizio Ferriteno ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large t  2  31 .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

SteCo15 ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20200420 203028.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Anna Tomasi ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

...molto bello...Segnala il commento

Large graffitiwall.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Superfrancy ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200719 104218.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Linea O Linda ha votato il racconto

Scrittore

Brava davvero a immedesimarti nella mente maschile di un adolescente; non è cosa facile... Segnala il commento

Aaue7mczxevud7mmtod10ctjdeqrojbibkihyxmkzkkkmq=s50?sz=200

LadyEffe ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large 291786 273806129306614 239035103 nbis.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Dalcapa ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Bello ed efficace il meccanismo di reiterare all'infinito una parola fino a farle acquistare significati oltre...Segnala il commento

Large fb img 1455357798620.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Hollyy ha votato il racconto

Esordiente
Large 20190214 152239.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di isa

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee