leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

La figliata

Pubblicato il 04/06/2019

Domenico pensava al padre; pensava al figlio; non pensava allo spirito santo ma alla moglie, ma il senso di colpa c'era lo stesso

118 Visualizzazioni
32 Voti

Domenico pensava al padre; pensava al figlio; non pensava allo spirito santo ma alla moglie, ma il senso di colpa c’era lo stesso. Saliva guardingo il pendio di vico dell’Imbasciata, e arrivato a metà della strada che portava su verso Sant’Elmo si fermò, diede un’occhiata furtiva alla strada e bussò a un terraneo.

“Teso’ entra, è aperto!” squillò una voce dentro. Domenico spinse la porta e sentì l’odore buono di cucinato lento. Si fece avanti mormorando un “permesso” timido.

“Te piace la genovese? sì?”

Domenico guardò le tendine alla portafinestra, il pavimento di piastrelle beige sbreccate e il letto in un angolo. Vide ai fornelli la figura di spalle, la vita stretta dai lacci di un grembiule e il sedere generoso nella gonna.

Maronna quanto è femmina pensò, e sentì lo scroto mollo e caldo per l’eccitazione e la vergogna e la colpa di quello che aveva pensato; si sedette e poggiò una bottiglia sul tavolo.

“Pure il vino? Ma allora è un appuntamento!” Lo scroscio di risa che seguì fece allegria a Domenico, che si rilassò un poco.

Seduto paziente aspettava le portate, godendosi la premura a cui non era più abituato. E beveva, beveva, sperando che il vino stordisse il senso di colpa e la sensazione di sbagliato; e invece gli erano venuti gli occhi lucidi e le mani irrequiete.

“Allora, t’è piaciuto?”

Domenico fece sì con la testa e si accese una sigaretta appoggiato allo schienale della sedia. Quando gli fu portata la tazzina del caffè sbirciò nella scollatura. Si alzò un po’ malfermo e sentì il tepore di due braccia intorno al collo e i seni che gli premevano al petto. Affondò il viso nel profumo dei capelli. Poi ebbe un soprassalto, come un ripensamento e chiese:

“Ma tu, lo tieni ancora ‘o pesce?”

Rise allora Titina, rovesciando la testa all’indietro e tenendosi forte a Domenico. “E non lo vuoi vedere?” disse poi piano all’orecchio di Domenico, che sentì di nuovo rimescolarsi sotto l’ombelico la colpa con l’eccitazione.

Domenico di Dio guardò il seno rifatto e i capelli tinti di Titina ed ebbe un’intuizione, di quelle che pure i più disgraziati hanno almeno una volta sulla propria vita: pensò alla moglie, che gli era moglie ma non gli voleva più bene da quando l’aveva messa incinta, a quando diceva scendo a lavorare e invece andava a fare il parcheggiatore abusivo a piazza Cavour; pure a quando teneva fame e si contava gli spiccioli in tasca. E allora, pensò, pure la bellezza falsa di Titina andava bene.

Si fece condurre al letto ma chiese comunque: “Se lo tieni ancora come facciamo?”. Titina lo fece stendere, si poggiò di fianco a lui e sorrise: “E vedrai che qualcosa ci inventiamo”.

Fu dolce come ogni prima volta dovrebbe essere.



Gridava quella sera la moglie di Domenico; rideva e chiamava ricchione lui e cornuta se stessa e rideva ancora battendosi il petto perché, cornuta di chi? Di una femmina che non c’era? Stringeva i denti e si teneva con le mani la pancia gonfia e piena di vita e avrebbe voluto che crepassero lui e il bambino, il padre che voleva andarsene e la creatura che voleva arrivare, l’uomo che l’aveva tenuta ferma e il bambino che l’aveva inchiodata; non smise nemmeno quando la pancia si fece dura per i crampi, piegata su un ginocchio sputava saliva e bestemmie a Domenico.

Gridava pure Titina, rivoltata e tòrta sul pavimento beige, e i femminielli amici suoi la tenevano ferma, che non si facesse male, e litaniavano. Titina gridava per l’uomo che non c’era, e pure per quello che era nella stanza e purtroppo era lei, gridava dove sei a Domenico e pure a se stessa.

La incitavano quelle intorno: perché quell’amore raggrumato non aveva un ventre cavo dove attecchire e lo aveva fatto nel vuoto della vita di Titina, che si teneva la pancia e le faceva male come se stesse per dare un bambino: e le faceva male perché stava per dare un bambino. E perché no, se l’amore di un uomo non ci doveva essere eppure c’era, se donna lei non lo doveva esserlo eppure era lì. Spingeva allora Titina a far uscire il suo dolore e stringeva sudata le mani di quelle intorno che gridavano ‘a figliata ‘a figliata e la incitavano, e quando non ce la fece più, si irrigidì e cacciò un ultimo grido e si lasciò andare.

Il più giovane dei femminielli corse allora da ‘onna Lenora giù in fondo alla strada e si fece prestare la figlia di un mese; la mise in braccio a Titina e insieme agli altri intorno la vezzeggiò e disse che bella mamma.

E che altro poteva fare Titina, se non accontentarsi della femmina che era, se lo era, e di un amore che non sapeva se sarebbe mai tornato; di un bambino che aveva partorito e tra poco non ci sarebbe stato più. Si aggiustò il bambino in braccio e sorrise, e pensò che pure quella vita finta andava bene.

Logo
4683 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (32 voti)
Esordiente
28
Scrittore
3
Autore
0
Scuola
1
Belleville
0

Voti della scuola

Large default

Redazione Belleville ha votato il racconto

Scuola

Una storia del presente che arriva dal passato. Benché la struttura sia un po' confusa, l'idea è originale e la lingua ben caratterizzata.Segnala il commento

Commenti degli utenti

Large dada.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Esordiente
Aaue7mapsppwdqd4osijhuizm0awk5gsr yemegbwyjhnw=s50?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Esordiente

Inaspettato il finale. E ben scritto davveroSegnala il commento

Large default

Viola ha votato il racconto

Esordiente
Large default

esteban espiga ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Christian Mandas ha votato il racconto

Esordiente
Large forrestgump.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Jean per Jean ha votato il racconto

Scrittore
Large 15538988180051355796347.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Giata ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20190611 wa0000.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

elis@baroni ha votato il racconto

Esordiente

Bellissima la prima parte.Segnala il commento

Large large australia.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Paolo Fiorito ha votato il racconto

Scrittore
Large guidoq.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Guido Q ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2417.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

anna siccardi ha votato il racconto

Scrittore

Semplice e complesso, cupo e luminoso. Chapeau! C’e Qualche passaggio poco chiaro ma l’insieme è potente!Segnala il commento

Large 52130127 10157142717077318 6366381691593818112 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Luigi Aristi ha votato il racconto

Esordiente
Large default

BLando ha votato il racconto

Esordiente
Large pc310451.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

elig ha votato il racconto

Esordiente
Large porta san giacomo.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

SteCo15 ha votato il racconto

Esordiente

Da "dipanare" in alcuni punti, ma coinvolgenti l'atmosfera e i sentimenti dei protagonisti.Segnala il commento

Large img 20190428 134731.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Rosnikant ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Etis ha votato il racconto

Esordiente
Large fb img 1553014296220.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Caucasica ha votato il racconto

Esordiente

"Dolce come ogni prima volta dovrebbe essere". Bello.Segnala il commento

Large default

Luca Gramoni ha votato il racconto

Esordiente
Large 27858609 1999420803419562 2806502397028926466 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Ste_roli ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20181226 105305.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Candy ha votato il racconto

Esordiente

La sceneggiata napoletana che fa da cornice alla storia rende il racconto ancora più bello. Segnala il commento

Large 1556961005612516394346.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

ANNA STASIA ha votato il racconto

Esordiente
Large c1d95d75 cf89 4a0c ae7e adbd372f1fe8.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Befana Profana ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Esordiente
Large studio 20181207 231846.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Davvero bello, e scritto con sensibilità del tutto "femminile"...." sentì il buono del cucinato lento"...la Ferrante insegna......Segnala il commento

Large img 20190709 175137.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Lisa Ma ha votato il racconto

Esordiente

Bello! Segnala il commento

Large fb img 1455357798620.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Hollyy ha votato il racconto

Esordiente

Molto, molto bello.Segnala il commento

Large img 1431.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Esordiente

Molto bello. Ti fai largo nella materia densa con precisione e lucidità. Magistrale il finale con il parallelo tra la moglie e Titina Segnala il commento

Large default

Tella ha votato il racconto

Esordiente
Large lord ganesh wallpaper.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Fiorenzo

Esordiente