Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

La lavastoviglie mangia le posate

Di palu
Pubblicato il 01/10/2021

Un vecchio scritto che un po' modificato e risistemato, almeno credo

47 Visualizzazioni
18 Voti

«Quello della lavastoviglie che mangia le posate è un mistero che, salvo poche e non meglio precisate eccezioni, ammanta tutte le case. E cosa ancor più strana: persino quelle dove la lavastoviglie non c’è».

Così, Rufo spiegava a Nico, suo fratello minore, che non serviva inventarsi delle scuse per spiegare come ormai dovevano mescolare il caffè a turno, con l’unico cucchiaino rimasto.

I due fratelli, che da un paio d’anni vivevano da soli dopo che entrambi i genitori erano mancati in un’incidente d’auto, la lavastoviglie ce l’avevano, ma era guasta da quel dì e non c’erano soldi per farla riparare.

Rufo aveva diciannove anni quando restarono soli, interruppe gli studi e finì dietro il bancone di una birreria per poter accudire il fratello, di cinque anni più giovane.

«Sai, Rufo, tra pochissimo tempo saremo liberi da 'sta menata delle posate; faranno delle protesi robotiche da piazzare al posto delle mani che saranno in grado di estendersi: così che da un dito della mano sinistra venga fuori una forchetta, da un altro della destra esca la lama di un coltello… poi ti lavi le mani… et voilà!»

«Ma che minchiate! Vedi di non buttare in pattumiera per sbaglio anche l’ultimo cucchiaino invece, ché con quello che mi pagano al pub non riusciamo a comprarne altri».

Nico, disarmato, guardò il fratello grattandosi la folta capigliatura corvina.

La sua chioma era come quella della mamma, e pareva che da lei avesse preso anche ciò ch’era protetto all’interno di quel testone: la sua fantasia, la sua ribellione; il suo essere sempre un passo avanti a tutti gli altri, come se notasse cose che i suoi contemporanei non erano in grado scorgere, non ancora, oppure che mai avrebbero visto, perché privi di quella sensibilità.

È una donna fantastica! Ricordava Nico di come suo padre descriveva la mamma, parlando con qualcuno. Era un ricordo recente, e gli rammentava quanto il papà fosse innamorato di quella donna mingherlina, tutta nervi, dai guizzi imprevedibili. Erano entrambi innamorati, come fossero ancora adolescenti, com’era Nico adesso, e custodiva gelosamente quel ricordo, insieme agli sguardi che si scambiavano ricchi di stupore e divertimento.


A scuola, Nico non andava benissimo. Non sapeva dire il perché, salvo che i professori lo annoiavano… solo la professoressa di Italiano, per la quale nutriva un amore segreto, era in grado di toccare certe sue corde. Quando, ad esempio, in classe, commentando un brano dall’antologia, parlava dei sentimenti. Lui si eccitava al punto di sognarla poi di notte, masturbandosi mentre lei recitava “Canto d’amore”, ora in italiano, ora in tedesco; trasfigurando quel violino nel corpo di lei, fatalmente attratto dalla sua voce, ché il suo aspetto passava in secondo piano.

Rufo non lo avrebbe capito, non poteva capirlo. Nico aveva deciso così. Senza che mai gliene avesse parlato, perché sprecar fiato? era preso da tutti quei problemi coi soldi, le bollette, il mangiare da mettere in frigo… Lui era come il papà, una persona concreta: visto che non c’erano altri parenti, aveva preso in mano la situazione e s’era dato da fare, testa bassa… un mulo. Un mulo buono però, e gli era riconoscente. Gli voleva bene.

Pazienza, mi terrò tutto per me, si diceva Nico serafico barando con sé stesso, giacché questa cosa di non riuscirne a parlare con suo fratello gli pesava come un macigno.

Capitò poi, un giorno, che Rufo venne contattato dalla scuola del fratello. Lo convocava l’insegnante di Italiano.

«Tuo fratello mi ha lasciato un biglietto ieri, dopo la fine della lezione» il tono era serio, ma si era rivolta a lui in modo confidenziale, dandogli del tu, in fondo anche lui era stato suo allievo.

«Nico non sarebbe capace di far minacce o cose del genere, non è tipo…» disse Rufo, rivolgendosi più a sé stesso che altri.

«Oh no, non è una manifestazione aggressiva» replicò la prof, abbozzando un sorriso «al contrario, è una dichiarazione d’amore»

«Ma cosa gli è saltato in testa? Questa sera mi sentirà…»

«No Rufo, per favore, non dirgli niente, e soprattutto non vorrei sapesse che ti ho parlato»

«Ma come… perché?»

«Credevo fosse corretto che tu lo sapessi, ma non certo perché gli facessi una ramanzina. Non ha fatto niente di male e ti assicuro che il suo messaggio non è osceno, né scurrile, ma piuttosto… poetico. Domani parlerò con Nico, e cercherò di spiegarli perché possa non essere opportuno rivolgere a me le sue attenzioni; magari la prenderà bene, o magari questa cosa gli causerà qualche turbamento ed è questo che vorrei chiederti di osservare sapendo di cosa si tratta, perché tu possa stargli vicino. Per me sarà stata solo una sciocchezza, ma per lui forse no».


Due giorni dopo, a colazione, Rufo chiese: «Ehi, Nico, a scuola come va?»

«Non me lo chiedi mai… ma sì, piuttosto bene, tutto sommato. Sai, la prof di Italiano mi ha parlato ieri…»

«Ah sì, e cosa ti ha detto?»

«Dice che me la cavo bene con la poesia… roba strana: non ci avevo mai pensato» rispose Nico, mescolando il caffè con il culo di una forchetta.

Logo
4984 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (18 voti)
Esordiente
11
Scrittore
7
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 20220509 wa0004.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Anacleto ha votato il racconto

Esordiente
Large io.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Coscienza fantasma ha votato il racconto

Esordiente

Se è autobiografico è davvero bello... se non è autobiografico è eccezionaleSegnala il commento

Large thumbnail.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Frato ha votato il racconto

Esordiente

Che bel ritratto di due giovani così diversi, ma anche tanto uguali. E quanto cara l'insegnante e tenera. Complimenti. Ciao, RobertoSegnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

L’incipit fa pensare a un raccontino umoristico, invece la faccenda delle posate sparite è un pretesto per raccontare con tono leggero la complessità del periodo adolescenziale, soprattutto nella situazione che descrivi, con i due giovani rimasti solo troppo presto. Bello davvero, pervaso di sentimento ma senza retorica. Il finale strappa un sorriso. BravoSegnala il commento

Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

la tenerezza... mi è piaciuta molto anche la professoressa. grande sensibilitàSegnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Una delle cose migliori che hai scritto, per me. Tenero, in fondo, ma anche smargiasso e adolescenziale. Una piccola "storia" che scorre una meraviglia, nel tono, nel lessico e nella trama. E molto belle le ultime quattro righe, con il culo della forchetta che mescola il caffè, riannodando le fila del discorso, creando altresì un movimento narrativo circolare.Segnala il commento

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

OttimoSegnala il commento

Large ef3fdfd2f39a4f5d4a9f5557c0f21246.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore

Bello Segnala il commento

Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Piaciuto molto anche a me. Il tono moderato, il buon ritmo, la scelta delle parole: si sente tutta la cura che ci sta dietro. Buono anche il soggetto, cui hai saputo dare un taglio originale. Ottima lettura.Segnala il commento

Large thumbnail outlook image.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

GAP ha votato il racconto

Esordiente

Mi è piaciuto, soprattutto il modo che hai trovato per "chiudere" la storia, parole che possono invece aprire nuove porte per Nico: insomma, quello che dovremmo sempre ricordare di far tutti perché le parole, quelle scelte con cura nei confronti degli altri, possono regalare nuovi sentieri.Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Hai colto il segreto dell'età più bella perché ce ne accorgiamo di averla vissuta solamente a conti fatti... Racconto strepitoso. Complimenti!Segnala il commento

Aoh14gjlvazzdfxynwackl9od6qnyhu5ynaaa46 uhe0eg=s96 c?sz=200

orianamorreale ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore

Mi è piaciuto. È raccontato nel tono giusto e con un linguaggio che aderisce al soggetto senza sbavature, direi. Malinconico e romantico come può esserlo un'adolescente che s'innamora della professoressa di lettere e, insieme, della poesia.Segnala il commento

Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large pp.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Bruno Gais ha votato il racconto

Esordiente
Large la concretezza del pensiero.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Bruno Magnolfi ha votato il racconto

Esordiente

InteressanteSegnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Ci sono tre parole nel racconto che catturano l'attenzione del lettore: "sensibilità", "stupore" e "divertimento". Lo stupore è indotto dalla tua capacità di passare da un tono divertito e adolescenziale, a un tono serio, drammatico ma non teatrale. I sentimenti, l'amarezza, il dolore sono espressi a tinte leggere, senza appesantire il testo. È quando affronti il passato che si comprendono le azioni e le reazioni dei personaggi, e il loro profondo legame. La parte finale è una chiusa perfetta in cui i tre elementi si fondono benissimo.Segnala il commento

Large foto del 15 09 21 alle 09.22  3.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di palu

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work