Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

La linea di fuoco

Pubblicato il 06/05/2019

Lei sa bene di non appartenere a questo tempo, e da un po’ ha iniziato a sospettare di non appartenere a nessun tempo in particolare, o a tutti contemporaneamente.

25 Visualizzazioni
10 Voti

La scala arriva direttamente dal primo piano del palazzo, gli appartamenti al piano terra hanno l'ingresso indipendente sui piccoli giardini recintati. Architettura popolare, ferro e mattoncini a vista, cemento e odore di pulito raschiato e consumato. L'entrata è un po’ troppo buia per essere mattino.

Lei scende l'ultima rampa di scale e il suo sorriso è aperto ma non del tutto esploso. La bocca infatti rimane chiusa, e osservandola attentamente si può intuire un velo di malinconia agli angoli, un'ombra umida come un opaco presagio.

Attraversa con calma il vialetto, quando esce dal cancello il chiacchiericcio che proviene dai capannelli di parenti e amici si affievolisce senza cessare del tutto, e allo stesso tempo qualche finestra si popola di facce curiose e attente. Lei vede, o meglio, percepisce tutto questo alla periferia dei suoi occhi, che invece rimangono fermi, tesi verso un punto invisibile, e sta pensando che se potesse disegnare le traiettorie degli sguardi probabilmente sarebbero tutti o quasi sul suo ventre, ma non le importa. Cammina tranquilla andando incontro a chi l'aspetta, schiena dritta e pace nel passo. Lei sa bene di non appartenere a questo tempo, e da un po’ ha iniziato a sospettare di non appartenere a nessun tempo in particolare, o a tutti contemporaneamente.

Ora lei sta attraversando la strada, il suo sguardo scende verso l'asfalto freddo nel punto in cui, poco più avanti, l'ombra che l'accompagna si interrompe con un taglio netto, e là irrompe il sole, quello vero, il sole che scioglie il ghiaccio dalle ossa, e che avrebbe voluto trovare già ad incendiare il portone di casa. Un attimo di esitazione, rallenta un passo, il fiato sospeso, in qualche modo intuisce che abbandonare quell'ombra rassicurante significa avviarsi verso qualcosa di sconosciuto e definitivo, dolce triste e infinito. Ma lei ha già deciso, non ci ha poi pensato nemmeno troppo, la sua piccola e tenera mamma le ha sempre detto che se una cosa va fatta è inutile rimuginare, quindi si scrolla i dubbi con un brivido che le cade ai piedi, e prosegue.

Le persone in attesa adesso non parlano più, e la osservano stupiti mentre attraversa la linea di fuoco. Il suo vestito candido cattura in un lampo tutta la luce del mondo e la spara in orizzontale a cancellare le ombre degli alberi e dei balconi. Qualcuno si scherma gli occhi con una mano.

C'è una macchina ad aspettarla, ed è blu, come la notte che confonde, che si mangia i particolari, che nasconde. E lei adesso ha fretta di sparire, di sfuggire al lampo che acceca e al fuoco che brucia. Vuole solo lasciare le persone a cuocersi al sole, e rifugiarsi in quella notte senza luce, perché quando arriva il freddo ci si può coprire e stringere più forte. Non desidera nient'altro che fondersi in un abbraccio infinito, dove la paura non può entrare perché lo spazio dentro è riempito di amore e malinconia. L'ombra è vita e la luce morte pensa, per te ho scelto la luce, ma restiamo al buio fino a che possiamo, e abbracciami e proteggimi, per favore.

Sente che qualcuno dietro le sorregge il vestito perché non si impigli, in silenzio ringrazia e si siede con le mani incrociate sul grembo. Chiude gli occhi e aspetta con ansia che la macchina ingrani la prima e parta.

Vuole con tutto il cuore solo fuggire da li. 

Logo
3292 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (10 voti)
Esordiente
9
Scrittore
1
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Viola ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20190103 150448.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lisa M. ha votato il racconto

Scrittore
Large 1556961005612516394346.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

ANNA STASIA ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore
Large default

enrico pi ha votato il racconto

Esordiente
Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210427 022249.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large radiocienfuegos.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Radiocienfuegos

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee