Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

La notizia è infondata

Pubblicato il 30/04/2017

Ci sono notizie che non si vorrebbero mai sentire come la perdita di una persona cara o la distruzione di una città, luogo carico di affetti come in questo caso. La protagonista per superare l'angoscia della notizia tanto drammatica arriva a pensare che sia falsa e addirittura "infondata".

12 Visualizzazioni
6 Voti

“Bagdad è caduta, non c’è più, stanotte un bagliore, un fuoco un lampo un rumore assordante, poi più nulla. Bagdad è caduta, l’hanno distrutta, massacrata”.

Elisa inchiodata alla TV mentre ascolta con sconcerto la notizia non fa che scuotere la testa incredula. Pensa che la guerra, qualunque guerra anche la più cruenta sebbene distrugga luoghi e persone non ce la farà mai a distruggere completamente ricordi, emozioni di quei luoghi legati alla gente che li ha abitati.

Arriva a pensare che la notizia sia “infondata”.

Per il momento però non ha elementi per contrastare le parole espresse durante il telegiornale.

E’ tardi, deve andare a dormire ma non è tranquilla stanotte. “E se fosse davvero così come è stato detto? “, dice a se stessa accusando una stretta al cuore.

Lei certo non ha i mezzi per far fronte a un simile dramma.

Ha soltanto tanti ricordi di quella città la cui bellezza da sola dovrebbe bastare a salvarla da eventuali aggressioni.

Elisa non dorme, molti ricordi si affacciano improvvisi alla mente. Nel buio della stanza a tratti spezzato dal bagliore dei fari dell’auto che attraversano la strada ripensa alla vita in quella che sente essere stata anche la sua città. Ha impiegato del tempo a conoscerla e a scoprirne i molti segreti, ma quando è riuscita a penetrare nel suo intimo e l’ha capita, l’ha amata.

Bagdad le è diventata familiare, si è fidata di “lei” così come ci si fida di una vera amica.

Nel dormiveglia ricorda le giornate calde di ottobre sotto un cielo azzurro tra la frenesia delle strade affollate fin dal mattino di auto rumorose e di gente in un continuo via vai.

Anche i lunghissimi pomeriggi estivi sotto la calura accecante, passati all’ombra delle stanze, attaccata al ventilatore dell’aria condizionata, sono un ricordo indelebile.

E’ stata coinvolta dall’inerzia di tante ore silenziose in cui la città cadeva in una specie di oblio, chiusi i magazzini, le strade deserte. Si è arresa alla forza del sole e ha scoperto la notte. Le lunghe notti stellate, le notti luminose di Bagdad sono state una sorpresa affascinante per la vitalità delle sue strade affollate in quelle ore impensate.

Ha camminato accanto a quelle persone, uomini vestiti con lunghi camici larghi, donne con raffinati monili d’oro sopra abiti semplici, modesti.

Nonostante fosse una “straniera le è piaciuto adeguarsi al suo ritmo di vita frenetico e scoprire i forti aromi della sua cucina speziata.

Nel suk, il grande mercato della città, ha ritrovato tra i mercanti di tappeti e di manufatti di rame e d’argento l’antico splendore di un grande passato. Ha quasi pensato di farne parte nell’andare a scovare oggetti sepolti sotto anni stratificati di polvere.

E’ così convinta che Bagdad sia stata la sua città che a volte, parlando con le amiche, l’ha perfino confusa con Milano la città dove vive da sempre.

E’ notte fonda, Elisa è stanca.

Prima di addormentarsi ripete a se stessa che la notizia data in TV è sicuramente falsa come lo sono tutte le notizie che non tengono conto di sentimenti ed emozioni.

Nulla e nessuno potrà uccidere Bagdad, la città è viva almeno nella sua mente.

La notizia è infondata

Il sonno l’assale, chiude gli occhi.

Logo
3179 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (6 voti)
Esordiente
6
Scrittore
0
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore
Large img 1664.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

davidez ha votato il racconto

Esordiente
Large martaself.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Marta Balestreri ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Adriano ha votato il racconto

Esordiente
Large 217245 108064892611657 1678963 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Michele Pagliara ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

di vita e passione

Esordiente
Editor