Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

La notte

Di isa
Pubblicato il 18/11/2018

Ciascuno si porti, anche in patria, una ferita (Om. Iliade, VII)

132 Visualizzazioni
32 Voti

Il semaforo lampeggia d'arancio, batte luce umida - un palpito - sul selciato nero. Nera anche la notte, un cunicolo, una grotta fonda, che aspetta solo il mattino. Ma ancora respira, pulsa spicchi di luce sull’asfalto – battiti d’arancio, semafori staccati - su tappeti di foglie di bronzo, appuntite, ossidate - i platani malati del lungotevere - sono punte di lancia, trilobate, impossibili.

Cediamo dunque alla nera notte, ma non salgano, almeno, sulle navi gli achei.

A metà della notte tutto è in ordine, vero o apparente, per chi dorme nel suo letto, o dà baci sul pianerottolo, o ripete appunti d’esame – l’appello, finalmente, l’indomani - o cerca di prendere sonno, quando ormai è impossibile e inutile, con un vecchio film lasciato scorrere sullo schermo – lampeggi di luce muta - o sogna tra le palpebre qualcosa che non ricorderà.

La notte è in ordine per chi viaggia sull’oceano – il vicino ha bevuto, russa, ma non c’è turbolenza, non c’è paura – o per chi lavora in camice o in divisa, o su una piattaforma in mezzo al mare. L’ordine apparente è quello di chi saprà, di chi sta solo tardando nel sapere, nel chiedere, nell’aprire il giornale o la televisione, nel sentire la notizia trapelata, ammesso che trapeli, ammesso che qualcuno se ne interessi, la racconti, la celebri. Non so, non ne ho sentito parlare, non ne ho saputo nulla.

Domani mattina – è già mattina, odore di dolciumi e rumore di tazzine, vicino la stazione – ci sarà una notizia, forse mal scritta, ridondante o sbiadita, trascurata o cavalcata, macabra e voluttuosa insieme – che atrocità – di un delitto partorito dalla notte, ennesima trovata sanguinolenta o livida, del circo degli orrori. Com’è irrilevante e anonimo – ce ne sono tanti, non si ricordano i nomi, si ripetono ogni giorno – com’è atroce.

Alcuni – i delitti - in uno stanzone di pareti spoglie, sbucciate, l’intonaco cadente. Sembra tutto bello e accettabile comunque dopo la dose, il corpo pieno e soddisfatto. Dove sono i miei amici, non ci sono veri amici. La lampadina appesa ad un filo sul soffitto, oh come si muove il soffitto, come ruota. Che bella festa, stasera, come volteggia, ora, la lampadina. Se sarò io ora la festa di qualcuno – non ci sono veri amici - non mi importa più.

Oppure tra gli alberi – foglie sul selciato come lame di bronzo – di un viale grande, bello, dietro l’angolo. Sarebbe migliore il mondo senza angoli, solo linee curve, aperte, luminose. Angoli che di giorno sorridono, villini liberty e macchine lunghe, scure, targhe vaticane, o straniere, intoccabili. Angoli luminosi, strette di mano, preludi a riunioni, sorrisi sbiancati, appunti sottobraccio – vi si acquattano decisioni allargate agli altri, com’è vulnerabile la vita degli altri - cravatte allentate, caffè serviti da signorine in tailleur – silenziose, anche sui tacchi, dei fantasmi - sui lunghi tavoli di vetro.

Il vetro si sporca, si opacizza, perde lucentezza nella riunione, ogni decisione lo imbratta, lo macchia, le ditate, gli appunti, ma ci sarà chi passerà i prodotti, con il panno, chi luciderà. Forse si affaccerà un istante da una finestra illuminata sul bel viale in penombra – ci sono angoli e foglie - che si prepara, il viale, si cambia d’abito per la notte.

La notte - stesso viale – è lavoro anomalo, riunioni diverse, accidentali e forzate. Riunioni dentro le macchine, se si fermeranno – tacchi e pelle nuda, passi incerti, a volte inesperti, verso il finestrino abbassato, per convincere e contrattare – riunioni asimmetriche, sbilanciate, ad esito già deciso, l’esito della riunione è già deciso.

Chi sei tu che te ne vai per il campo, solo, lungo le navi, nella notte oscura.

Ed è accaduto anche stanotte, forse non qui, ma può essere accaduto – è lontano il giorno in cui non accadrà - in qualunque città che abbia e conosca la notte, i suoi grandi boulevards umidi di pioggia – sono della notte - o banchine alberate, separate da acque gelide di fiume che scorre, o da macchine – comunque un fiume - corrente meccanica, lo scorrere, il mutare. Mentre lampioni di ferro nero – medievali, o lo sembrano, lune artificiali nella nebbia – stordiscono di aloni fluorescenti, pallore minerale.

Cadde l’eroe con fragore, velò i suoi occhi la tenebra.

Incontri che non risultano, di cui nessuno si ricorda, nessuno c’era o ne sa nulla, si cancelleranno rapidamente, nessuna macchina era ferma, nessuno c’era con la ragazza nello stanzone. Ogni momento finisce dissolto, svanisce, a meno che non si sia in ritardo con le notizie, e vi sia qualcosa, la mattina, che si è fermato – raccontato, distorto, approfondito, celebrato – su una bocca, o su una pagina, nell’odore di caffè, nello sbattere di tazzine.

Non salgano, almeno, sulle navi senza affanno

ciascuno si porti anche in patria una ferita

Un altro delitto, che atrocità, un altro delitto, che banalità. E davanti un altro giorno, che fortuna, i nostri errori provvisori che si potranno rimediare, e notti e vite in ordine. O solo in ritardo con le notizie del mattino. 

Logo
4996 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (32 voti)
Esordiente
28
Scrittore
4
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large default

francesca colombo ha votato il racconto

Esordiente
Large large australia.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Fiorito ha votato il racconto

Scrittore

Una poesia più che un racconto scritta con una penna che assomiglia più al magico pennello di un pittore.Segnala il commento

Large lord ganesh wallpaper.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Fiorenzo ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Viola ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20170605 104842.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberto ha votato il racconto

Esordiente
Large vardaman.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Vardaman Burden ha votato il racconto

Scrittore
Large forrestgump.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Jean per Jean ha votato il racconto

Scrittore
Photo

Gianpaolo Ferrara ha votato il racconto

Esordiente

Veramente coinvolgente. Segnala il commento

Large aef1279e 3569 4d57 bd84 489222bbd0ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta Spagnoli ha votato il racconto

Scrittore
Large 1505078293604.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Emanuela ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Perfetto. Il ritmo è anima e sostanza. Molto molto bello.Segnala il commento

Large default

Chiara Filippi ha votato il racconto

Esordiente

Mi unisco al coro. Bellissimo!Segnala il commento

Photo

Mela Golden ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Perfetto. Aggraziata e poetica. Segnala il commento

Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Mi ero dimenticata di votarlo dopo averlo letto 3 volte... per dirti come mi ha rapito, concordo con i tuoi precedenti lettori, su tutto...Segnala il commento

Large chapter01.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Francesco Manciola ha votato il racconto

Esordiente

da rileggere a voce alta. Bellissimo.Segnala il commento

Large default

Mara ha votato il racconto

Esordiente

Scritto benissimo. Segnala il commento

Large 291786 273806129306614 239035103 nbis.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Dalcapa ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Wow!!!!! E non aggiungo altro… anzi… aggiungo "bellissimo". Scorre scorre scorre e penetra. Ritmo perfetto. Wow! Non aggiungo altro. =0)Segnala il commento

Large img 20210428 111521.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Rosnikant ha votato il racconto

Scrittore

La notte come paradigma del tempo, oggi come ieri, nella notte dei tempi, l'eterna battaglia fra bene e male! Meravigliato!Segnala il commento

Large img 20190103 150448.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lisa M. ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Grazia Ferro ha votato il racconto

Esordiente

Come già altri tuoi racconti, questo lo metterei nella sezione poesia. Prendi per mano e porti via. Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

semplicemente bellissimo! Segnala il commento

Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore
Large 8star.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zeta Reader ha votato il racconto

Scrittore
Large 15538988180051355796347.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giata ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Vocabolario ricco, metafore e immagini come lucciole in una notte estiva, costruzione densa, struttura articolata, stile personale...Segnala il commento

Large img 20200719 104218.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Linea O Linda ha votato il racconto

Scrittore

Quanta poesia in questo racconto!BellissimoSegnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore

Brava Segnala il commento

Large fb img 1455357798620.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Hollyy ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1431.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore

Come sempre una prosa ricca, preziosa, che apre a immagini che emergono, si sovrappongono, sfuggono, in uno spazio-tempo dilatato. BravaSegnala il commento

Large 20190214 152239.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di isa

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee