leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

La notte dell'uragano.

Pubblicato il 14/06/2017

Racconto ispirato a "Ascesa e Caduta della Città di Mahagonny" di Brecht.

49 Visualizzazioni
21 Voti

La notte dell'uragano è arrivata. Non c'è più scampo.
Tutti hanno cercato di mettersi al riparo, tranne me. Io aho deciso che preferisco camminare tra le vie spettrali della città, immaginandomi gli altri tutti ammassati come lepri terrorizzate, nella cantina di qualche casa. 

La notizia è giunta qualche giorno fa, mentre tutti eravamo al bar come al solito. C'è stato un momento di incredulità: com'è possibile che proprio la nostra bellissima e sregolata città sia stata scelta tra il milione di altre città nella lotteria della distruzione? Dopo di che, ovviamente, si è diffuso il panico. Tutti hanno voluto vivere degnamente il loro ultimo giorno. I farabutti si sono buttati sull'alcol, quelli più coraggiosi hanno cercato qualche prostituta. Io me ne sono stato zitto, seduto ad un tavolino nell'ombra del locale. Osservavo.

Ho aspettato l'arrivo della mia ultima notte per salutare questa vita. Mentre gli altri smaltiscono la sbronza con le ginocchia che tremano di paura io sto qui, all'aria aperta. Guarderò la fine in faccia. D'altronde, io sono un vero uomo del Montana, non come quei fannulloni che sono venuti fin qui dall'Alaska a procurarsi soltanto occhi gonfi e altre rogne di vario genere.


Ah, la luna dell'Alabama. 

Tutto è calmo, esattamente come ci si aspetta che sia il mondo l'attimo prima di un disastro. Non ci sono nuvole, il cielo risplende di un miliardo di stelle che io non avevo mai visto. Non avevo mai alzato lo sguardo con la consapevolezza di farlo per l'ultima volta. Non mi ero mai soffermato a pensare a quanti mondi lontani, isolati, potrebbero esistere al di fuori di me stesso. Non sono mai stato un poeta o un romantico. Mi sono sempre accontentato di essere soltanto un vero uomo del Montana, che ha fatto fortuna allevando vacche una uguale all'altra e ora sta qui, in questa città dove ha perso tutto quello che aveva nell'attesa di perderci anche la vita. 

Forse è questo quello che in molti chiamano destino; e dire che non avevo mai voluto crederci. Stronzate, per un vero uomo del Montana.


Non so niente di questa città senza storia. So che qualcuno l'ha fondata per accalappiare uomini assetati di sbronze e sesso. So che per chi ci abita non esiste legge e che nemmeno la polizia si azzarda a venire qua a prendersi i sospettati e i ricercati che qui si sono furbamente nascosti.

Io sono venuto solo per un po', o almeno così mi ero detto. Sono arrivato due settimane fa con mille dollari, perché volevo vivere qualcosa che fosse degno di essere raccontato a quei poveri imbecilli che sono rimasti in Montana. Ho visto donne bellissime e vissuto avventure incredibili, ubriaco con tutti i miei compagni di soggiorno. Ora mi restano meno di cinquanta dollari e niente di concreto. Solo sensi di colpa per aver sprecato tutto in così poco tempo. 

Ah, la luna dell'Alabama. Sta ferma lassù, al solito posto di sempre, incurante delle nostre vite da formichine e dei nostri uragani. Che ci pensi la Terra stessa a spazzarci via, lei evidentemente ha di meglio da fare.


Improvvisamente sento delle voci. Eccoli lì, i fannulloni dell'Alaska, nascosti come dei coniglietti in casa assieme alle loro prostitute. 
"Guarda, il mondo è così: pace e concordia non ce n'è mai; ma gli uragani, quelli ci sono, e i tifoni, se non bastasse. E anche l'uomo è come i tifoni: deve distruggere quello che c'è.", sento dire a una voce che mi sembra quella di Jack. O almeno credo si chiami così. Bei ragionamenti gli fanno fare l'alcol e la paura assieme.

Sai che ti dico Jack? Hai ragione. E mentre voi elaborate una nuova legge per cui non debbano esserci leggi di nessun tipo in questa maledetta città, io faccio i bagagli e me ne vado. Ho solo cinquanta dollari e non è il caso di ritrovarsi senza denaro qui, ad aspettare di morire spazzato via dagli elementi. 

Torno a casa, alla vita traquilla e banale di prima, che è la mia vita. Abbandono l'aridità di questo posto e torno tra le colline verdi del Montana, a vedere mille vacche l'una uguale all'altra che pascolano, mentre la vita passa piano e magari si ferma anche a salutarmi.


Ah, luna dell'Alabama, ti saluto per non rivederti mai più.

E l'uragano ha risparmiato Mahagonny.

Logo
4157 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (21 voti)
Esordiente
21
Scrittore
0
Autore
0
Ospite Belleville
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large charles lindbergh.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

eubaz18 ha votato il racconto

Esordiente
Large 16997668 1284917194934054 5410189884644567027 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Eva Prima ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large hunter.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

johnnyfreak ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Luca Gramoni ha votato il racconto

Esordiente
Large b4f01faa 7950 43d1 b364 5c1377b2667d.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Phi ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Mrs.Glass ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

VINCENZO DELLEDONNE ha votato il racconto

Esordiente
Large 426117800 66318.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Nunziato Damino ha votato il racconto

Esordiente
Large tesseract.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

WAR.E. ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Daniel Moon ha votato il racconto

Esordiente
Large occhio verde.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Lady Nadia ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20180730 185850 850.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Irene Raschellà ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

RaVen79 ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large 217245 108064892611657 1678963 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Michele Pagliara ha votato il racconto

Scrittore
Large image.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Paola Martinatto Maritano ha votato il racconto

Esordiente
Large large australia.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Paolo Fiorito ha votato il racconto

Scrittore
Large fb img 1455357798620.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Hollyy ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20170602 wa0005.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Danilo ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Tella ha votato il racconto

Esordiente
Large 15590653 1387436257979247 1476470206391788711 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Edema Ruh

Esordiente