Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

La serratura 2

Pubblicato il 21/06/2022

Non c’è rosa senza spine.

43 Visualizzazioni
11 Voti

Roma, Marzo 2020 ore 15:00

Non so che fine abbiano fatto quei due in effetti ci devo rimettere l'occhio dietro quella serratura. Intanto prendo il caffè.

- Hiii sa di bruciato! 


Saint Tropez Giugno 1962 ore 19:00

- Nathalie ti ho visto sei dietro la siepe di alloro. Dai vieni fuori. Mi hai promesso un bacio.

- Maramao!

- Presa.

- Mi ami?

Gianni fece scivolare la mano sotto la maglina.

- Non so,

- Ahi! Non darmi i pizzicotti per favore.

- Allora lascia perdere i miei gioielli.

- Uhm figurati! - Gianni si sdraiò sul prato con indifferenza - un giorno vuoi me, un giorno Pierre.

- E tu invece?

- Nathalie! Guarda, c'è del fumo che si alza sopra casa tua.

- Cosa! Ma hai spento la macchinetta?

- Porca miseria no. Dai corriamo prima che bruci tutto.

- Ma ormai sono due ore che siamo fuori! Che ansia. 

Fra uno scherzo e l'altro si erano allontanati di un bel pezzo scendendo la collina e dovevano risalire e sulla casa il fumo era sempre più alto. 

- Dai che ci siamo quasi.

Nathalie si fermò di scatto.

- Gianni ci sono delle macchine e delle persone.

- Sono i vigili del fuoco. 

- Ci sono anche i vicini, i miei genitori e... Oh Gianni!. Adesso che facciamo? Manca solo il prete. E forse avremo anche i creditori in un futuro prossimo. Ti prego stammi vicino.

- Tu sei matta! Se mi vede insieme a te, tuo padre mi lincia.

- Sei un cretino. Pensi che non abbiano capito?

- Puoi sempre dire che eri venuta da sola in treno per... non so... startene un po' sola. 

- Bravo! E il letto, i piatti, le tazzine, gli accappatoi e le ciabatte usati nel bagno?

- Puoi sempre dire che hai fatto una colazione con Pierre.

- Cretino.

- Ci stanno chiamando per nome tutti e due. Allora lo sanno! Ho un'idea; Facciamo un'altra volta l'amore, tanto ormai la casa è sotto controllo e...

Gli elicotteri giravano sopra di loro. 

- Non è bello sai, quello che facciamo. E poi ti senti tranquillo tu?

- Si hai ragione. Dove ti piace di più amore? 

- Qui.

- Nathalie gli prese la mano; qui. Anzi più giù. 

- Qui?

Fece un sospiro e si tolse i pantaloncini e lui si sdraiò su di lei.

- Nathalie... Gianni...  Dove siete? Rispondete.

Era proprio la voce di sua madre ma ora sentiva il respiro di Gianni sul collo sempre più forte, chiuse gli occhi e lo strinse fra le sue gambe.

- Ti amo.

- Anch'io.

- Vieni ti prego, vieni ora dentro di me...

Nathalie... Oh Nathalie!

Storditi con gli occhi chiusi, sudati, rimasero attaccati l'uno all'altra. Si alzò  un vento leggero e fresco che portò l'odore della salsedine e dei pini. Non avevano voglia di parlare, si nascosero dietro un cespuglio di rose e restarono ancora abbracciati.

- Meglio rivestirci.

- Ahi! Una spina.

- Eh non c'è rosa senza spine!

 Dovevano solo ripercorrere quella salita.

Gianni si fermò appoggiandosi al tronco di un tiglio e si guardó le scarpe:

- Scusa ma è meglio che non venga con te.

- Perché?

- Perché...

- Perché sei senza palle... E credi che non ti vedranno uscire dalla pineta? Ma non avevi detto che mi amavi?

- Certo che sì...

- Tesoro mio, posso dirti una cosa? Salgo da sola e tu sei libero di andartene, ma non farti più vedere. Uno, sei un vigliacco e tutti lo sapranno, due domani è di nuovo il giorno di Pierre e non vedo l'ora di fare l'amore con lui.

Ma la conversazione si interruppe: Una squadra con i cani li aveva accerchiati.

- Signorina Nathalie Laserre?

- Si...

- Signor Gianni Biasini?

- Si.

- Tutto bene, siete feriti?

- No.

- No.

- Vi eravate persi? 

- Ehm...

- Sì, ci siamo persi... eravamo spaventati.

- Bene, allora è finita una brutta avventura -  Il soccorritore però rideva sotto i baffi.

- Adesso ne comincia un'altra.

- Gianni i miei non sono così retrogradi. E io non ho intenzione di fidanzarmi con te.

- Ah no?

- E con chi? Con Pierre?

I soccorritori iniziarono a spazientirsi. 

- Scusate ma i signori Laserre vi stanno aspettando.

- Non mi voglio fidanzare con nessuno, men che mai con te.

- Ok! Ora possiamo andare? Lo so, in fondo, non vuoi sposarmi per le macchinette del caffè che dimentico sul fuoco.

Scoppiarono a ridere senza riuscire più a fermarsi. I soccorritori pensarono che fossero un po' pazzi  o che avessero bevuto, o altro. 

- In Costa Azzurra non si fa più vita - disse sottovoce il soccorritore biondo - Con questo giochetto del caffè, a questi gli è andato in fumo un patrimonio. 

Nathalie cercó la mano di Gianni  e ricominciarono a baciarsi si nuovo.


Roma, Marzo 2020 ore 23;00

Ora mi domando cosa mai diranno i signori Laserre a questi due? Ma tutto passa per un verso o per l'altro. 








Logo
4421 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (11 voti)
Esordiente
7
Scrittore
4
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

😊Segnala il commento

Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

bravaSegnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Leggerti è sempre un piacere. Complimenti Ondine!Segnala il commento

Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large la stradina.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Antonio M. ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Storia "divertente", scritta in scia al racconto precedente, ma con meno cura del testo. La trama è ben congegnata, quasi una commedia leggera, ma i caratteri dei protagonisti risultano meno definiti, e diverse "emozioni" , si perdono un po', lungo la lettura, forse perché le dai per troppo scontate. Perché non lo riscrivi?! Come sai fare tu? Segnala il commento

Aoh14gjaydde0xx0klmdn8xav1mkmg25dbcq0nyke6jl=s96 c?sz=200

Signor Fabiani ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Uhm. Va già meglio, ma il conflitto non può impiegare così tanto tempo ad arrivare. Ricorda: se non c’è conflitto (esplicito) ci deve almeno essere una prospettiva di conflitto (conflitto potenziale), perché sennò, davvero, rischi di ridurre il tutto a una versione sofisticata di “io ti amo”, “e io di più”, “no, io di più”, “no, no, io di più” e così via. C’è poi una cosa che non capisco, proprio sul piano logico: lei guarda dalla serratura e vede il passato, d’accordo, ma quel passato lei lo vede ora, adesso, in tempo reale, quindi, a tutti gli effetti è il suo presente, così come è il presente dei personaggi. Perché allora la parte in corsivo è declinata al passato? Tra l’altro, qualunque sia il tempo in cui scrivi, il lettore immagina sempre le cose al presente. Perché complicargli l’immaginazione declinando al passato? Come annotazione a margine, assolutamente non tecnica, lei – il personaggio – a me sembra una zoccoletta mica da ridere…Segnala il commento

Large dante.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente

Viviamo in un mondo difficile. Ci mancava un drone che faceva riprese e un Echo Alexa che registrava i gemiti. Non è facile per noi uomini di oggi. :DSegnala il commento

Large 9915c599 2b93 4177 8e6c 71376ef3be6f.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paola Zaldera ha votato il racconto

Esordiente
Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large 2707610f 03de 45d4 972b 7f6d33a43ad5.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Ondine

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work