leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Umoristico

La stagione delle piogge

Pubblicato il 10/01/2019

E' un tema abusato, forse, ma ho fatto del mio meglio per renderlo interessante.

55 Visualizzazioni
25 Voti

Il primo ad accorgersi del ticchettio, insistente e insolitamente secco, fu un pensionato di nome Giovanni. Si alzò con l’intenzione di chiudere le imposte, per evitare che la grandine scheggiasse la finestra e lo costringesse ad una noiosissima ricerca di personale qualificato per riparare il vetro. Fu proprio mentre si accingeva ad abbassare completamente la tapparella, che si accorse dei piccoli incisivi che erano atterrati sul suo davanzale.

Cadevano denti bianchi, grossi come mozziconi su tutto il paese. Uno studente, che, per sua disgrazia, aveva dimenticato di portarsi dietro l’ombrello, fu crivellato dai minuscoli proiettili bianchi, e dovette tornare a casa per estrarseli dal cranio con una pinzetta. Una bimba vide distrutto il suo ombrello di Elsa e scoppiò a piangere. La sorella maggiore aprì lo zaino e iniziò a gettarci dentro molari a manciate, sperando nella generosità della fatina. I nonni di tutto il quartiere, incluso Giovanni, passarono per i viali armati di scopa e paletta, non per un antiquato senso civico, ma, avendo ormai terminato la loro copia della Settimana Enigmistica, sperando di poter riempire le caselle vuote tra le poche zanne annerite e doloranti che si ritrovavano.

Immediatamente si pose il problema dello smaltimento, dato che la pioggia non dava segno d’indebolirsi. Il mercato dell’avorio si impennò come mai in tutta la sua storia. I matrimoni diventarono insolitamente dolorosi. Una volta, addirittura, pare che un canino molto affilato abbia centrato la narice dello sposo, tutto assorto ad ammirare un piccione posatosi su un albero nei dintorni, e che, con un poderoso starnuto, sparò al suocero, trapassandogli il cranio. Fu senz’altro il giorno più bello della sua vita, almeno finché non venne il momento di gustare la torta. Nessuno sa dire con certezza quante lingue si adornarono di piercing indesiderati quel giorno, ma sono ben noti i ventiquattro ricoveri per problemi gastrici, feci sanguinolente ed escoriazioni del colon, come lo sono gli altrettanti casi di gabinetti scheggiati e otturati.

Il sindaco tenne un discorso nella palestra della scuola elementare, spazzando via qualche canino dalla giacca e raccomandando ai bambini di non spaventarsi e di portare sempre con sé un ombrello molto resistente, o, in alternativa, un elmetto metallico, e mai, assolutamente mai guardare in alto senza chiudere la bocca, coprirsi gli occhi e turarsi il naso. Successivamente, scendendo le scale per tornare in comune, scivolò su un cumulo biancastro che i bidelli avevano ammucchiato in un angolo e cadde di faccia, esponendo una parte piuttosto vulnerabile di sé che fu bersagliata da uno scroscio particolarmente potente. Il suo viaggio verso l’ufficio, fu il più rapido che i compaesani ricordino al giorno d’oggi.

Nel pomeriggio, coraggiosissimi volontari, tra presagi di morte e minacce di evirazione, distribuirono avvisi di rimanere in casa fintanto che la pioggia non fosse cessata. Furono costretti a tornare al riparo, trascinandosi dietro le biciclette con le gomme ormai disperse ancor più di quelle di uno studente di liceo, dopo neanche due isolati.

Per cercare di contenere la situazione vennero chiamati i più abili studenti di design della zona, ma, essendo studenti svogliati, istruiti da insegnanti demoralizzati, e alla vita pratica del tutto impreparati, si dedicarono a progettare un immenso ombrello con AutoCad, e poi si scusarono dicendo che, per un ombrello di dimensioni tali da coprire tutta la città, considerando la quantità di memoria necessaria per elaborare il progetto, i tempi per fare il rendering dell’immagine sarebbero stati molto lunghi, diciamo, da sei a nove anni. E così persero l’occasione di trovare un impiego permanente al comune, ma, se non altro, ebbero il tempo di starsene chiusi in casa a finire CSI New York.

Per la strada, alla fine della settimana si affondava nella distesa di avorio fino alla vita, e i vestiti venivano lacerati e consumati a tal punto, che gli assessori si impegnarono per dotare tutti i cittadini di armature in acciaio, con tanto di elmo, per proteggerli dalle ferite.

Le automobili erano ormai tutte di un tetro grigio ferro, identificabili soltanto dalla targa, e procedevano lentissime sui cerchioni, dato che ormai nessuno si dava più la pena di cambiare i copertoni alle auto, anzi, moltissimi li avevano rimossi completamente, illuminando le vie di scintille e rischiando di scatenare incendi.

Una mattina, mentre passeggiava spavaldo nella sua armatura tirata a lucido, il vecchio Giovanni fu colpito con più violenza del solito. Esaminando il dente triangolare e seghettato di dieci centimetri che, non fosse stato per l’armatura, gli avrebbe reciso la carotide, riconobbe il dente di uno squalo bianco. Subito dopo uno schianto terribile lo fece sobbalzare. Alla sua destra, una vecchia Ford giaceva rattrappita sotto alla zanna di un elefante. Giovanni non lo sapeva, ma era solo l’inizio.

Logo
4941 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (25 voti)
Esordiente
24
Scrittore
1
Autore
0
Ospite Belleville
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large theshapeofwater.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Edoardo Radaelli ha votato il racconto

Esordiente

Come tema abusato intendi la pioggia di cose che di solito non piovono? :P bravo comunqueSegnala il commento

Large img 20180327 213857 699.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Viole ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

QuamPulchra ha votato il racconto

Esordiente
Large 309751 235661929815159 1555496147 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Silvia ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large c1d95d75 cf89 4a0c ae7e adbd372f1fe8.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Ops! lo Leggo solo ora :)Segnala il commento

Large default

baccaja ha votato il racconto

Esordiente

Ti piace Sarmago, vero?Segnala il commento

Large type.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Karl Krasnyy ha votato il racconto

Esordiente
Large immagine2.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

DONATO ROSSO ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2661.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Ilariaor ha votato il racconto

Esordiente
Photo

Jacopo Serafinelli ha votato il racconto

Esordiente

Ahahah...che dire! Strano...di una stranezza veramente strana!Segnala il commento

Large img 20170605 104842.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Roberto ha votato il racconto

Esordiente

Molto bello, divertente e surreale. ComplimentiSegnala il commento

Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore
Large fb img 1544195210896.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

tricotilla___ ha votato il racconto

Esordiente
Large studio 20181207 231846.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Paolo Filardo ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20170602 wa0005.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Danilo ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Gabriella Pilotti ha votato il racconto

Esordiente
Large 64632 1397263856044 2158801 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Otorongo ha votato il racconto

Esordiente

Surreale e splatterSegnala il commento

Large default

Tella ha votato il racconto

Esordiente
Large forrestgump.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Jean per Jean ha votato il racconto

Esordiente
Large aef1279e 3569 4d57 bd84 489222bbd0ab.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Roberta Spagnoli ha votato il racconto

Esordiente

Mi hai fatto ridere; divertente, surreale, coinvolgente! Segnala il commento

Large img 20181224 165319 816.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Linea O Linda ha votato il racconto

Esordiente

Non so se hai fatto un riferimento implicito al significato onirico della caduta dei denti, ma è cmq un surreale che mi piace Segnala il commento

Large img 1431.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Esordiente

Confermo surreale e divertente. Per quanto ne so, non è un tema abusatoSegnala il commento

Large fb img 1455357798620.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Hollyy ha votato il racconto

Esordiente

Molto, molto bello ;)Segnala il commento

Large 20190103 101331 profilo.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Roberto Ballardini ha votato il racconto

Esordiente

Surreale. Esilarante. Scorrevole. Piaciuto.Segnala il commento

Large quickmemo  2019 02 14 17 24 11 1.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Lorenzo V

Esordiente