Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Fantastico

LA STRANA VICENDA NEL PARCO DELL’HOTEL “Muttejosefine" DI VIENNA

Pubblicato il 29/01/2022

Tragedia nel circo, con applausi.

21 Visualizzazioni
6 Voti

LA STRANA VICENDA NEL PARCO DELL’HOTEL “Mutte Josefine” DI VIENNA

A Vienna nel grande parco dell’Hotel Muttejosefine era comparso il tendone di un circo. Artisti e animali esotici vagavano tra i sentieri provocando sorprendenti incontri agli ospiti divertiti.

Ma la sera dello spettacolo la febbre virale aveva falcidiato la truppa degli artisti.

Praticamente erano in grado di lavorare solo Mandolina, la contorsionista, e Fugacampo Orsa, cantante. Anche Chunit l'indiano, e il suo dromedario, Krosta.

Ma anche Krosta dava segni preoccupanti. Dopo pochi passi tendeva a sedersi, ovunque capitasse, anche in una pozzanghera. Si accasciava improvvisamente con un rantolo di immensa stanchezza. Chunit si sedeva a terra e gli parlava nell'orecchio, minacciandolo finché riusciva a farlo alzare.

La notte dello spettacolo Mandolina uscì per prima con la divisa del Maresciallo Horwitz, che sudava nel suo letto in preda alla febbre alta.

Poiché lo scopo era confondere le idee allo sparuto pubblico, più che illustrare un programma che in pratica non c'era, Mandolina incominciò declamando in latino:

...Quis fuit horrendòs

Primùs qui protulit enses

Quam ferùs et verè

Fèrreus ille fuit!

...Tum caedes hominum generì

Tum proelia nata

vertimus in scaevàs

quod dedit ille feràs!

Il pubblico applaudì anche se nessuno aveva capito nulla.

Allora dall'alto si calò un trapezio che prese a dondolare nel vuoto sopra le teste, e vuoto rimase, con i nastri colorati che sventolavano all'aria. Ma il pubblico cominciò a esclamare:

...Ohhhh!

...Ohhhh! …Ohhhh!

A quali invisibili evoluzioni e di chi, non era dato sapere.

Il numero finì con un urlo simultaneo delle venticinque o trenta bocche spalancate dapprima verso l'alto e poi rivolte verso il basso come seguendo la traiettoria di una caduta.

Uno scroscio di applausi accolse il tonfo, sì, perché si sentì un tonfo, di qualcosa che era precipitato tra le braccia tese di Orsa Fugacampo, improvvisamente comparsa sulla pista.

Orsa se ne liberò lanciandolo in avanti.

E ci furono salti, piroette e inchini prima dell'uscita con un secondo scroscio di applausi. Tutto finto, meno gli applausi.

A quel punto una musica con assordanti grattate di statico si diffuse sotto il tendone e Orsa incominciò a cantare.

Cantò Ghost of Yesterday Looking Through My Window... quella cosa tristissima con cui cominciava sempre le sue performance perché le faceva ricordare la sua Chicago.

Ma poi si lanciò in un mambo, e gli spettatori uno ad uno le si accodarono in un trenino dondolante in mezzo alla pista, in un crescendo di disperata allegria che faceva sgorgare le lacrime.

Poi Orsa si dileguò repentinamente dietro la tenda.

E fu così che Mandolina si trovò in mezzo alla pista con venticinque o trenta persone che piangevano sonoramente singhiozzando all'unisono.

Bell'affare.

Chunit e Krosta, per fortuna, si affacciarono e incominciarono una marcia, prima con un certo fare baldanzoso e poi rallentando ... rallentando ... rallentando ... finché Krosta stramazzò al suolo, morto.

Silenzio. Neanche più i pianti. Silenzio.

Fu a quel punto che Mandolina prese una decisione. Incominciò a distribuire soldi a tutti. A restituire il prezzo del biglietto.

E infine disse: "Via! A casa! Go home!!! Viaaaaaa!!!" Lasciando tutti di stucco.

Così, in fila indiana, a testa china, tutti gli spettatori lasciarono il circo.

Non si sentì una parola, neppure quando emersero dal tendone per arrendersi all'assedio della notte. Che se li mangiò, voracemente.

Logo
3480 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (6 voti)
Esordiente
4
Scrittore
2
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Applauso e... perché il latino?Segnala il commento

Large e03480fe 1c4f 4ed0 a7d7 1e77161567aa.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Flying_Dan ha votato il racconto

Esordiente

Si, è la seconda storia che leggo scritta da te e non posso che applaudire al tuo stile. Mi prende per le punte dei piedi e mi fa girare, brava!Segnala il commento

Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large ll mare dei surrealisti.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

proprio bello. Segnala il commento

Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Bello! Se posso essere sincera, credo che potresti usare tutte le battute per renderlo ancora più godibile, forse in alcuni passaggi vai un po' troppo di corsa. Ma già così è un bel racconto, con una grande atmosfera.Segnala il commento

Large andy  blue shoe.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Eleonora Gregorat

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work