Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

La verità tra le lenzuola

Pubblicato il 09/11/2019

Ci sono occasioni, nell'infanzia, in cui solo il caso sembra proteggerci.

56 Visualizzazioni
21 Voti

- Ma davvero non ti vergogni?

- ...

- Rispondi!

- ...

- E allora?

- No.

- No?

- Non mi vergogno.

- Sei in punizione!

- Che novità!

- Cosa hai detto?

- Niente.

La voce di mio padre risuonò dal fondo del corridoio:

- Cosa succede?

- Niente!- ruggì la mamma.

Mia madre ha sempre avuto un suo metodo per educarci. Quando si arrabbia ci tratta malissimo ma non vuole che altri- nemmeno mio padre- si intromettano. La preda è sua.

Passavamo l'estate dai nonni, in campagna. I nostri genitori ci raggiungevano nel fine settimana, e mia madre si sentiva in dovere di recuperare il tempo perduto, ovvero di tiranneggiarci senza posa. Magari era carina, ci voleva bene - niente da dire- però voleva comandare.

Quando stavamo con i nonni filava tutto liscio: potevamo fare ciò che volevamo e, di conseguenza, non avevamo alcun motivo di attrito. Bastava rispettare poche regole basilari e avevamo carta bianca. Le cose cambiavano quando arrivavano i miei. Il sabato e la domenica non erano giorni di vacanza.

Mio padre si chiudeva nello studio a lavorare; mamma, invece, si incaricava di sollevare la nonna dalla nostra cura. Nonno andava a pesca. Una volta gli chiesi perché andasse sempre di sabato e domenica. Mi rispose che c'erano più pesci.

Quel giorno mamma era appena arrivata ed aveva scoperto una ranocchia nel mio letto.

Sì, una ranocchia. A me le ranocchie fanno sinceramente schifo. L'idea che avessi potuto prenderne una per metterla nel mio letto mi sembrava la cosa più assurda che avessi mai sentito dire, però ero l'unica indiziata. Mia sorella era esclusa. Aveva tre anni, a quel tempo, e ciò sembrava sollevarla da qualsiasi sospetto. Ero nei guai. Mamma aveva uno sguardo che non prometteva niente di buono.

Furono cambiate le lenzuola, obiettivamente sporche (non si ha idea di quanto sia sporca una rana finché non ti entra nel letto e si strofina alle tue lenzuola) ed io fui condannata a stare senza cena.

Babbo, dato il momento, aveva addirittura abbandonato il lavoro per stare con me.

Fu la prima di altre, significative occasioni in cui la veranda assistette alle nostre confabulazioni notturne.

Dopo cena ci sedemmo sulla veranda. In casa mamma faceva furoreggiava in casa; nonno e Betta erano fuori con il cane.

- Anna, sei sicura di non saperne niente?

- Ma ti pare?!

- Allora chi è stato?

- Non lo so ma a me le rane fanno schifo.

- Sì?

- Sì, da sempre.

- Non stiamo molto insieme e certe cose di voi non le so.

- Parecchie cose, se è per quello...

- ...cosa?

- Niente, niente.

- Le mie bimbe. Vi conosco così poco.

- Eppure siamo tipi interessanti; soprattutto io sono uno schianto.

Rispose al mio occhiolino con un buffetto.

Mentre stavamo lì un'ombra destò la mia attenzione. Mi girai e toccai il ginocchio di babbo, facendogli cenno di tacere.

Una ranocchietta (identica a quella ritrovata nel letto, gettata dalnonno oltre il giardino) passeggiava sul pavimento della veranda. Si fermò sotto la finestra di camera , poi all'improvviso spiccò un balzo e si ritrovò sul davanzale.

Rimanemmo senza parole. Guardavamo come se avessimo visto un marziano appena atterrato, poi iniziammo ad urlare, verso la cucina:

- Correte, correte! Presto!

Mamma e nonna si precipitarono, temendo chissà cosa. A forza di suoni gutturali e indicazioni con il dito, mostrammo loro la finestra, imponendo un silenzio che eravamo i soli a non rispettare. Mamma sgranò gli occhi e rimase assorta a guardare l'animale, che si girò e con un altro, formidabile balzo, saltò sul mio letto. Ci affacciammo per osservare meglio. La rana, con calma, si avvicinò al cuscino e scivolò sotto le coperte.

Rimanemmo attoniti.

Mamma ruppe il silenzio:

- Anna, ma allora...

- Sì, allora!

- Ma io credevo...

- Credevi?! Te l'avevo detto che le rane mi fanno schifo!

- Sì, ma era nel tuo letto...

Me ne andai stizzita.

Sentii arrivare nonno e Betta, che divertì moltissimo. Anche nonno rideva e prendeva in giro la mamma, che dovette accettare in silenzio.

Salii sulla casetta sull'albero e scesi solo a tarda notte.

La rana non c'era, e le lenzuola erano pulite. Quasi mi dispiacque.

La mattina, mi attendeva una colazione sontuosa.

Dopo un po' che mangiavo entrò mamma. Mi abbracciò. La lasciai fare, poi ricambiai.

- La mia bambina!- esclamò- potrai mai perdonarmi?

- Ho alternative?

- E dai!

- Scherzo, però non è bello.

- Lo so, ma come potevo immaginare che entrasse da sola sotto le lenzuola...

- A me fa schifo solo vederle, figuriamoci infilarle nel letto!

- Ma io non lo sapevo.

- Appunto.

La rana entrò a far parte della famiglia. La sera passeggiava sulla veranda. Alla finestra fu messa una zanzariera. Non dico che facemmo amicizia ma imparammo a convivere. La sera saltellava tra noi. Betta ci parlava e sosteneva che lei rispondesse. Non so. Per guardare, la guardava.

C'è voluta una rana per avere un po' di rispetto. Ho sempre pensato che fosse un personaggio fantastico travestito da rana, mandato per dare una bella lezione ai miei.

A proposito, la chiamammo Emma. La rana Emma.

Logo
4951 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (21 voti)
Esordiente
14
Scrittore
7
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

orfeo58 ha votato il racconto

Esordiente
Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore
Large bd177824 d2fb 4a2e a04a 932874cb0846.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Philostrato ha votato il racconto

Scrittore
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Molto carina, la rana Emma. Nome e storia belli belli.. Peccato che niente faccia intuire perché tua madre fosse così severa...Segnala il commento

Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Molto originale, curioso...Segnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Piacevole.Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Rigel ha votato il racconto

Esordiente
Large default

esteban espiga ha votato il racconto

Scrittore
Editor

simpatico, pulito, scorrevole. forse non volevi calcare la mano, ma l'hai fatto: il ritratto è di una madre gretta, inadeguata e violenta.Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large default

elena.gianni ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large screenshot 20221107 000309 samsung internet.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Alm5wu1epf94oughffqysqoksmpagbuagu6qgg5xdlws9q=s96 c?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Scrittore

Piaciuta!Segnala il commento

Large img 1431.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore
Large dscn0571.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Otorongo ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Simpatico racconto .Segnala il commento

Large forrestgump.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Jean per Jean ha votato il racconto

Scrittore
Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Federico D. Fellini ha votato il racconto

Scrittore

Eccellenti i dialoghi e la chiusa.Segnala il commento

Large foto del 15 09 21 alle 09.22  3.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

palu ha votato il racconto

Esordiente

Davvero molto bello, alcune situazioni gustosissime ("Mi rispose che c'erano più pesci"). Alcuni refusi e qualche battuta non da bimba ma okSegnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large screenshot 20200224 215102.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Silvia Fuochi

Esordiente
Editor
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work