Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Young Adult

La vocina

Di Ne1s0n - Scritto da Esordiente
Pubblicato il 18/01/2019

Arriva una carovana in paese

38 Visualizzazioni
12 Voti

La notizia si sparse come un incendio: era arrivata una carovana in paese. Che tipo di carovana fosse nessuno lo sapeva con certezza, qualcuno parlava di acrobati e giocolieri, qualcuno di predicatori e sant'uomini. A Marta, la figlia del maniscalco, non importava poi molto: a undici anni ogni novità è un'avventura e lei non vedeva l'ora di andare a spiare questa meraviglia.

Ma sua madre non voleva. Sua madre portava i capelli fermati da un unico pettine d'osso e badava alla casa e badava all'orto e raccoglieva le castagne e intrecciava le ceste e aveva sempre qualcosa da fare e trovava sempre qualcosa da far fare a Marta e alle sue sorelle e ai suoi fratelli. Undici in totale, ma la famiglia crescerà ancora. Il padre di Marta lavorava molto, ringraziamo il cielo e i cavalli dei signori, e ormai Marta era quasi grande e c'era bisogno di lei in casa. Che ci andassero gli altri, come tanti pecoroni, tu stai qui e non se ne parla.

E ci andavano, gli altri. Marta rosolava a fuoco lento per ogni nuova voce, per ogni nuovo pezzettino di storia che le arrivava, portata dalle famiglie vicine, dagli altri ragazzi, persino dal prete. Un acrobata aveva saltato sopra quattro botti infuocate, un uomo dei miracoli camminava sui carboni ardenti, un predicatore parlava dell'inferno con parole così vive che tutti sudavano, a sentirlo. Già stavano allestendo una grande catasta, già si sapeva che ci sarà una pira, a sera, e attorno alla pira tutti balleranno e canteranno ed è il giorno più bello dell'anno e Marta deve stare qui, a filare la stupida lana.

«Oppure no.»

C'era la solita vocina, dentro di lei. Cioè, non era proprio una voce che si sente con le orecchie, come qualcuno che ti parla piano. Era più come quando pensi alla voce di qualcuno, alla voce di tua madre o di tuo fratello che ti chiamano. E riesci a pensarci, riesci a immaginarla, vicina. Ecco. La voce nella testa di Marta le parla così, e le dice, ogni tanto, di fare qualcos'altro. Qualche dispetto. Qualche trucco. Non cose cattive, eh. Cose, insomma, un po' egoiste.

Marta non vuole pensare che sia qualcuno che gliele dice, che ci sia un diavoletto che le sussurra le cose. Ma allora se non è un diavoletto vuol dire che la voce le viene da dentro, che è un po' di lei che pensa quelle cose, e non le piace questo pensiero. Guarda il sacco sul tavolo: è ancora mezzo pieno, la mamma dice che ha fatto un affare, un intero sacco di lana appena tosata. Marta tira fuori un bioccolo. È bianco grigio e sa odore di animale. Molto, molto soffice. Chissà perché, le viene in mente che brucerebbe bene. In un attimo andrebbe in fumo e non si lascerebbe dietro niente. Si guarda attorno: sua sorella Paola fila senza fare storie, canticchia una stupida canzone e assomiglia a una mucca. È sempre brava, Paola. E anche la piccolina, Ermanda, ci prova ad aiutare, che se la guardi ti viene da ridere, con le sue ditine non riesce a stringere bene la lana ma ci vuole provare ad aiutare le sorelle grandi.

«Solo un momento, dai. Trova una scusa.»

Marta non sa da dove le viene quel pensiero, ma adesso si sta facendo insistente e farebbe proprio bene a tacere, che lei non vuole dare noie e finire nei guai. Stasera ci sarà tempo. Sicuramente dopo cena sua mamma le darà il permesso di andare, hanno filato tutto il giorno e un po' di riposo ci vuole e insomma bisogna anche mettersi il cuore in pace.

Si è quasi convinta, ha quasi deciso che basta, oggi farà il suo dovere come è giusto che sia. Ma poi arriva la musica: prima i tamburi, un ritmo facile e veloce, di quelli che li impari subito. Poi si avvicinano e si sente il resto: i flauti e le pive, le vielle e le trombe, tutti quanti tutti assieme con gioia. Marta conosce la canzone, che la cantano anche i frati al convento, e però è diversa, più ritmata, come più calda. Resiste ancora un momento, si guarda attorno, cerca aiuto: Ermandina si mette a ridere e prova a camminare verso la porta, verso il fuori. Paola la acchiappa e la rimbrotta bonariamente: "Dove vuoi andare, tu? Su, su, guarda quanta bella lana." La musica giunge al culmine, è proprio qui fuori, vicina, vicinissima, e Marta non ce la fa più: lascia cadere il fuso ed esce. Sente a malapena sua sorella che la chiama, un po' preoccupata, un po' compiaciuta: "Guarda che la mamma si arrabbia!" Ma Marta è già fuori, che balla.

Logo
4321 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (12 voti)
Esordiente
11
Scrittore
1
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 20210421 183135.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Camposeo ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large dsc 3809.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Simonetta 63 ha votato il racconto

Esordiente
Large me 1.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giuliana Greco ha votato il racconto

Esordiente
Photo

Mela Golden ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1431.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore

Mi è piaciuto l'incipit. Bella l'idea e ben narratoSegnala il commento

Large 910dc58f c51d 4d5c 932c a9b686be34e1.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Mi piace molto l’idea e’ ben scritto e ben raccontato ma si sente poco lo scalpitio di Marta in termini emotivi. Segnala il commento

Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large c87c1a33ed3df05a138c807bcca7d0e2.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Ne1s0n

Scrittore
Editor
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work