Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Le brave persone

Pubblicato il 08/10/2021

Racconto presentato per la borsa del corso Scrivere di notte. Per il soggetto mi sono ispirato a un fatto vissuto dal mio bisnonno materno.

32 Visualizzazioni
12 Voti

Sono salito sul treno verso mezzogiorno. Non ricordo l'ora precisa, ma so per certo che portava ritardo.

Il piccolo vagone era quasi pieno. C'era gente che tornava dalla fiera, una maestra in gita con la classe, una coppia di anziani borghesi. 

C'era poi un tale che mi pareva di conoscere. Ho pensato parecchio a chi fosse, credo un operaio della fabbrica di bottiglie che viaggiava con la famiglia a seguito.

Ho scelto un posto un po' isolato vicino al finestrino e ho appoggiato il mio sacco sotto il sedile, per non occupare due posti. 

Il giornale che avevo tra le mani era talmente sgualcito che sarebbe stato buono oramai solo per scacciare le mosche che affollavano il vagone, e del resto, anche fresco di stampa, sarebbe stato difficile trovargli un utilizzo migliore.

Avevo fatto talmente tante volte quel viaggio che quando incrociavo con gli occhi il Capotreno eravamo soliti salutarci con un cenno del capo. 

Non scriverò il suo nome, ma sapevo da conoscenti che era una brava persona e questo mi spingeva a restare tranquillo ogni volta che era in servizio. Ho imparato nel tempo a distinguere le brave persone da pochi segni: la loro voce, la foggia del loro cappello, il modo in cui fumano.

Quel giorno però il Capotreno non c'era. Era la prima volta che capitava. La mia mente sobbalzava con gli scossoni dei binari e non riusciva a concentrarsi su un solo pensiero. Guardavo fuori dal finestrino e fischiavo il Nabucco.

Arrivati allo scalo principale, mentre la maestra radunava i suoi alunni e la signora anziana rideva felice quando il suo cagnolino si metteva su due zampe, sentimmo una sirena e il baccano rauco degli altoparlanti della stazione. Il messaggio era stato dato in due lingue e poco dopo il dileguarsi della sua eco, due squadre in equipaggiamento da guerra uscirono correndo verso l'ingresso dei vagoni. Tutti scesero ordinatamente.

Mi accorsi subito di essere rimasto l'unico passeggero. L'operaio era sceso per primo, come un lampo. Lo scorsi poco dopo che se ne andava dalla stazione a passo svelto, ma forse proprio per questa sua fretta, una pattuglia lo aveva fermato.

I soldati montarono sul treno berciando. Non essendoci ragazze da impressionare, ero io l'unico destinatario delle loro oscenità.

Dovevo stare tranquillo. Avevo imparato al fronte che quelli più spaventati dalla morte alla fine morivano per davvero. 

La mia mano tastava la rivoltella che avevo in tasca. Potevano anche prendermi, ma due o tre di loro me li sarei portati via con me, chissà dove. Chi scegliere? Quello che faceva finta di pettinarsi e mi spiava dal finestrino? Quello con la faccia rossa che bestemmiava di continuo? Quello che fumava il sigaro e rideva forte?

Dopo quarantacinque minuti il treno con uno stanco sfiato giungeva a destinazione. Presi il sacco e mi avviai verso l'uscita. 

Le giunture mi dolevano già. Camminavo lento davanti occhi che mi squadravano con sospetto.  Infine scesi dal predellino. 

“Fermati nonno!” Mi disse uno, abbaiando con rabbia. La sua mano era tesa verso di me: “Il tuo giornale!”.

Il carrettiere con l'asino aspettava al solito posto, lungo il muro dei Cappuccini. Lasciai il sacco e me ne andai in cantina. 

Il vino da quelle parti era buono: se non altro Aristide avrebbe bevuto bene. "Alla tua, figlio."

Me ne stetti un po' là a riposare. Pensavo alle brave persone e tastavo di tanto in tanto con la mano la rivoltella che tenevo in tasca.

Logo
3394 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (12 voti)
Esordiente
8
Scrittore
4
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large 35546859 683587435316843 3447866515343278080 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Novalis ha votato il racconto

Esordiente
Large ef3fdfd2f39a4f5d4a9f5557c0f21246.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2022 04 02 at 13.44.08.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

E' vero: accade nulla ma tu sai creare tensione. Scrittura pulita, fluida. Se posso, ti suggerisco di riscriverlo aggiungendo qualche elemento in più. Buon lavoro Francesco.Segnala il commento

Large 20220917 234924.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Non so se per la borsa di studio avevi dei limiti stringenti per le battute, forse era quello che ti ha tolto parole, ma anche io ritengo che qui 45 minuti mancanti abbiano nuociuto al racconto, per altro scritto bene e di valore.Segnala il commento

Large 910dc58f c51d 4d5c 932c a9b686be34e1.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

L’idea è interessante da raccontare, ma ha forse bisogno di più azione di un climax o forse di una spinta immaginativa Segnala il commento

Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Secondo me c'è quel difetto che dice Palu, un buco di quarantacinque minuti a partire dal momento in cui il protagonista si interroga su cosa succederà, però a parte questo è un buon racconto. A me è piaciuto.Segnala il commento

Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large 9788894548259 0 536 0 75.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large foto del 15 09 21 alle 09.22  3.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

palu ha votato il racconto

Esordiente

Mi pare una buona storia. Migliorabile in alcuni aspetti, a mio modesto giudizio: manca una connotazione temporale, il lettore non dovrebbe riferirsi alla tua nota per sapere in che epoca si ambienta il racconto e soprattutto, leggendo, dovrebbe aspettarsi che viaggiare su quel treno per il personaggio può essere pericoloso...; poi ritengo che ci sia un buco dopo che i soldati son saliti a bordo, il personaggio fa le sue riflessioni, ma non succede nulla: non viene aggredito e non deve usare l'arma che ha con sé... questo mi pare fosse un primo apice nella tensione generata con l'arrivo dei militi, ma risulta interrotto e riprende con "Dopo quarantacinque minuti..." buono, invece, il secondo momento di tensione dove viene intimato di fermarsi... solo per il giornale. Spero non me ne avrai per il commento un po' articolato, e grazie per la lettura, PaoloSegnala il commento

Aoh14gjaydde0xx0klmdn8xav1mkmg25dbcq0nyke6jl=s96 c?sz=200

Signor Fabiani ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Ci sono cose stilisticamente eccezionali e altre davvero pessime. E, come sempre accade in questi casi, è il pessimo a rovinare l’eccezionale (e non certo l’eccezionale a nobilitare il pessimo). La precisazione iniziale – per cui il racconto è ispirato a una storia vera – è universalmente considerata un segno di grande insicurezza, una confessione a cielo aperto di incapacità (è come dire: “io lo so che non so scrivere, però, ehi, quella che vi sto raccontando è una storia vera, quindi leggetemi lo stesso”)Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large chapter01.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Francesco Manciola

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work