Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Fantastico

Ma il cielo è sempre più blu

Pubblicato il 10/02/2021

Il mio racconto per la venticinquesima ora, non mi hanno selezionato ma almeno lo posso far leggere a voi, che siete la mia giuria preferita

54 Visualizzazioni
20 Voti

“Non più lacrime / sulle sparute ciglia / occhi di sabbia” recita il vecchio giapponese seduto su uno sgabellino in legno su un marciapiede della quinta strada. Vicino a lui un piccolo amplificatore, con un microfono a filo in cui declama i suoi haiku, le parole escono gracchianti e leggermente distorte ma si intonano bene col rumore di fondo di Manhattan.


“Sbiaditi lampi / di malate stagioni / cielo spietato”, il vecchio offre un’altra perla ai passanti, qualcuno getta una moneta nel piccolo bacile colmo d’acqua al quale è appoggiato un cartoncino con su scritto “Pontanadetrevi”, accanto la foto di una giovane giapponese sorridente. Il signor Tanaka, questo il nome del vecchio, nel mondo di prima era stato a Roma con la moglie Mieko, uno splendido viaggio nel quale avevano compiuto il rito del lancio della moneta nella fontana. Si erano guardati negli occhi e lui le aveva detto “Torneremo a Roma”. Non era mai successo, era arrivata la pandemia e Mieko era morta durante la nona ondata, l’ultima e più letale.


Anche Miru ha gettato una moneta nel bacile mentre passava, gli piacevano gli haiku del signor Tanaka, erano tanti i vecchi giap che facevano quel lavoro ma lui era il migliore, il più prolifico e gli faceva sentire una specie di struggimento, come una nostalgia per qualcosa che non aveva conosciuto.


Miru ha vent’anni, è nato dopo la pandemia ed è claudicante. Tutti i nati dopo la pandemia lo sono, una delle mutazioni genetiche conseguenti al virus. L’altra è una parziale afasia che ha colpito i nuovi nati, le strade di New York sono adesso percorse da una massa spettrale di persone zoppicanti tutte allo stesso modo e per lo più silenziose o che emettono faticosamente suoni che sembrano disarticolati.

La città è diventata un enorme mercato all’aperto, tutti vivono sui marciapiedi vendendo quello che possono, dalle parole agli occhi dei loro morti che si possono acquistare e farsi impiantare in una delle cliniche all’aperto nel quartiere di Soho, diventato il quartiere dei chirurghi. Gli ascensori non funzionano più, i grattacieli sono abitati solo fino al quinto o sesto piano, il resto degli alti edifici è appassito e secco come i rami apicali di una pianta ai quali non arrivi l’acqua.


Miru vive sulla terza strada, con la vecchia zia e una gatta che si chiama Pandemikku. La zia è cieca perché ha venduto gli occhi al mercato nero, ha detto al nipote che non c’era più niente che volesse vedere e che il denaro sarebbe servito a lui per crearsi un futuro.

Ma Miru non ci è riuscito, non capisce nemmeno bene cosa voglia dire crearsi un futuro ma alla zia non l’ha detto per non farle dispiacere. Così esce la mattina, vaga zoppicando per tutto il giorno e la sera torna a casa e racconta faticosamente alla zia le cose che ha visto. In realtà le racconta i ricordi che compra dal signor Tanaka, è a lui che Miru un poco alla volta dà i soldi degli occhi della zia, così è come se le restituisse la vista sulle cose belle che conosceva e non ci sono più.


Ma il cielo è sempre più blu a Manhattan, un blu intenso, implacabile, uno sfondo in chromakey, senza nuvole di giorno né stelle di notte. Un blu dipinto di blu.

Logo
3157 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (20 voti)
Esordiente
15
Scrittore
5
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large whatsapp image 2022 04 02 at 13.44.08.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Riempie di tenerezza il tuo cielo blu. Segnala il commento

Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210211 180704.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Cristina Emme ha votato il racconto

Esordiente
Aatxajzt7nsl rzh7o6rq5jptmxfuictattxrdrhbzfn=s50 mo?sz=200

Andreasololettore ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1431.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore

Racconto apocalittico (e spero che rimanga tale), ma non spettrale. C'è dolcezza nella figura del vecchio, uno scorrere lieve nella narrazione e tanta poesiaSegnala il commento

Large inbound3051366725596695036.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Claudiadec ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210422 011503.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large mariomonfrecola social 2020.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

mariomonfrecola ha votato il racconto

Esordiente

racconto apocalittico ma personaggi pieni di umanità. Piaciuto soprattutto come disegni i pensieri di Miro e costruisci quel filo di speranza (blu) che, nonostante tutto, appare all'orizzonte., Bravo AlbertoSegnala il commento

Large 20220806 144353.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Helenas ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20190702 wa0006  2  2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sonia A. ha votato il racconto

Esordiente
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

bellissimo Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Bello. Anzi: bellissimo. Complimenti al Alberto!!!Segnala il commento

Large amelie 1024x593.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Scrittore

vedo personaggi stilizzati che hanno dentro tanto dolcezza, e sento, in questo racconto, una grande forza. piaciuto davvero. un piccolo quadretto che ha tanto da dire.Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large 20220917 234924.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente

Molto bello :)))Segnala il commento

Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

È bellissimo. Ha proprio la delicatezza di una china giapponese. Mi spiace molto che non sia stato selezionato, davvero. Mi sembra perfino più bello del mio :)) Per me hai vinto tu.Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore

Che meravigliaSegnala il commento

Large 9788894548259 0 536 0 75.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large cimg2750.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di albertomineo

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work