Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Mare brutto

Di lucioaru - Scritto da Esordiente
Pubblicato il 13/06/2018

Due uomini siedono sulla pietra, vicino al mare. Uno dei due tira fuori un coltello. Poi, comincia a parlare.

27 Visualizzazioni
6 Voti
Mi aveva invitato a sedere su una pietra piatta, ancora calda di sole. Poi aveva tirato fuori dalla tasca un coltello con il manico di corno, la lama era piena di graffi. E con la voce roca di salsedine aveva cominciato a parlare. "È una condizione, l'isola, non un posto fisico." Affettava la salsiccia tenendola ferma con una mano sulla pietra porosa. "Chi non ci è nato non lo sa e non lo potrà mai capire. E chi se ne è andato quasi si dimentica e, quando ci torna, in questa terra di contraddizioni, si disinnamora. E poi si innamora ancora. In un ciclo continuo. Ché per mare o per cielo ci si deve arrivare, qui. Ogni volta. Ed è lungo quel tragitto che succede. Succede che questa condizione cambia forma. Di volta in volta, in un moto perpetuo. Questa è l'isola." Mi aveva offerto una fetta di salsiccia adagiandola su una foglia di pane carasau. Masticando, guardavo il mare dietro di noi. Lo chiamano mare brutto quando è arrabbiato e sporco di alghe e di schiuma. Era brutto. Era bruttissimo e minaccioso. Ed ero di nuovo innamorato.

Il tempo di rigirarmi verso di lui e lo ritrovai nudo, i suoi vestiti sparpagliati sulla sabbia, con il vento che già aveva preso a giocarci, tentando di sotterrarli. Aveva le gambe tozze e pelose, abbronzatissime. I piedi rozzi mai curati. Il suo petto naturalmente gonfio era disseminato di pelucchi neri, né lunghi né corti, sparsi qua e la. Le sue spalle erano larghe e glabre, anch'esse colorate di sole. Mi guardò per qualche secondo con uno sguardo nuovo, che non gli avevo ancora visto addosso. Era come se quella nudità fosse una dichiarazione: di resa o di sfida. Mi guardò ancora, come per assicurarsi che stessi guardando a mia volta. Quella pelle, quelle ombre, le linee dritte delle sue gambe, la curva del suo pene venoso. Poi si mise a correre verso il mare, che lo inghiottì in un attimo e lo fece sparire dalla mia vista. 

Ci misi un po` a trovare la forza di seguirlo, non mi è mai piaciuto tuffare in mezzo alle onde enormi e temibili. Mai mi ha divertito. Le mie spalle non sono larghe e le mie gambe sono zampe sottili di fenicottero. Venne fuori da un'onda come un enorme tritone, mi guardò ridendo e cominciò a sputarmi l'acqua addosso. Si gonfiava le guance e poi faceva partire gli zampilli. 

Pensai che non ero mai stato così felice e così stupido. E che i due fossero sinonimi. Mi misi a nuotare incontro ai cavalloni, così li chiamavamo da bambini io e i miei cugini. Dopo pochi minuti lo vidi sul bagnasciuga. Il vento forte gli muoveva peli e capelli, tremava e non gliene fregava niente. Mi fece cenno di seguirlo.

Non la definirei casa. Era più simile a una stalla. Aveva però porte e finestre, anche se rimanevano sempre spalancate. Passai là dentro cinque giorni. 

Con Pietro imparai un alfabeto fino ad allora sconosciuto: era fatto di suoni senza alcun senso compiuto, era fatto soprattutto di silenzi. Il silenzio scandiva il tempo di quelle mura rovinate e sporche di storie. Il silenzio disegnava ogni ruga del suo viso, ogni centimetro delle nostre pelli che si mescolavano e si scambiavano, l'una scoloriva un po` e l'altra prendeva una doratura nuova.

Al sesto giorno mi resi conto che sarei potuto rimanere per sempre. Allora misi le quattro cose che avevo nella mia valigia di cuoio e me ne andai. Lo feci mentre Pietro era col gregge, fuori albeggiava e faceva fresco e gli rubai una camicia di un cotonaccio rozzo e pesante. Non lo avrei mai più rivisto.

Mentre scrivo mi sfioro il ginocchio destro e con le dita ripercorro un piccolo solco, orma indelebile di una caduta dalla quale non mi sarei mai più voluto rialzare.



Logo
3607 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (6 voti)
Esordiente
5
Scrittore
1
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore
Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore
Large avatar2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Maurizio Vicedomini ha votato il racconto

Esordiente

Bel racconto, forse mortificato un po' dalle dimensioni ristrette. Bella la chiusa.Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large aef1279e 3569 4d57 bd84 489222bbd0ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta Spagnoli ha votato il racconto

Scrittore
Large large australia.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Fiorito ha votato il racconto

Scrittore
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

di lucioaru

Scrittore
Bellevilletypee logo typee typee
Bellevillemilano logo typee
Bellevilleonline logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee