Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Marì che va via a fette

Di Silvia Lenzini - Editato da Roberta
Pubblicato il 09/02/2021

153 Visualizzazioni
44 Voti

Si sveglia con una sensazione strana, come se il letto fosse diventato scomodo. Là in fondo, dove stanno i piedi. A mano a mano che il fastidio la rende vigile, identifica con precisione l’origine: il quarto dito del piede sinistro.

Sarà una fantasticheria, un miscuglio di sogni e sonno - sa bene che di notte i dolori si ingigantiscono. Prova a cambiare posizione, cerca di riaddormentarsi, ma il fastidio è ancora lì.

Si alza e va in bagno, a tentoni accende la luce. Si aspetta di vedere che il piede non abbia proprio niente di strano, e invece eccolo: il quarto dito gonfio e violaceo.

Seduta sul water, tira su la gamba per osservare meglio.

Una volta, era ancora una ragazzina, ha avuto una specie di incidente a questo piede. Una giornata di luglio in cui il calore sembrava non arrivasse dal cielo ma dal basso, dal nucleo della Terra. Indossava jeans corti - shorts, si chiamavano - una canotta di seta chiara e un paio di sandali eleganti senza tacco. Aveva raggiunto la macelleria, una di quelle con le tende di plastica colorate. In seguito ha sempre pensato che da dentro non si vedesse l’esterno, altrimenti quel gigante si sarebbe accorto di lei, dei suoi sandali dorati sotto il gradino. Comunque sia, l’uomo uscendo aveva scaricato tutto il peso del corpo - un armadio quattro stagioni, più o meno - sul secondo dito del suo piede sinistro.

Marì abbraccia entrambe le gambe, e col mento sulle ginocchia si guarda i piedi: nella sua famiglia si tramanda per linea materna questa faccenda del secondo dito più lungo dell’alluce. Ride, pensando alla favola dell’intelligenza superiore alla media che si raccontano per consolarsi. E poi smette di ridere, quando si accorge che il dito più lungo del suo piede infortunato è l’alluce. Di poco, ma è l’alluce.

Ricorda il rumore della falange che andava in frantumi. L’uomo aveva eseguito anche un piccolo movimento in scivolata, sufficiente a staccarle l’unghia. Un’esperienza di dolore sconcertante.

Allora lei aveva ancora gli organi e i tessuti assegnati dalla nascita.

A una certa età si va via a fette - ripeteva sua nonna. Marì ci ha ripensato spesso, a questa frase - uno potrebbe pensare che sia una metafora, che si riferisca alla perdita di competenze, o sensibilità. Oppure forza, o acutezza.

Questo piede dal dito viola non è suo: è un fatto evidente. È reale. Sua nonna neanche sapeva cosa fossero, le metafore.

Afferra il barattolo del burro di cocco dal ripiano di marmo. A contatto con il calore delle mani il burro inizia a liquefarsi, e quando lo massaggia sulle gambe, sulle braccia, la sua fluidità grassa penetra nella pelle, la distende.

Non riesce a smettere, potrebbe andare avanti tutta la notte. Questa nuova pelle - la vecchia è andata da tempo, perduta un giorno in fessurazioni molteplici - le va a pennello. È forse un po’ scura per lei, per i suoi occhi azzurri da fototipo I, per i capelli biondi che brillano alla luce dei faretti posti sopra lo specchio. In realtà l’occhio sinistro è azzurro chiarissimo, il destro ha dentro una specie di raggio verde.

Successe una sera d’autunno, di quelle con il cielo viola. Ricorda che era contenta per la pioggia, le sembrava che regalasse lucentezza a quel quartiere povero, una specie di accoglienza dedicata solo a lei. Da quando è sola il suo corpo reclama amplessi frequenti e promiscui, spesso mercenari. Per questo si trovava là, in quella zona sconosciuta: un appuntamento con un uomo - forse due, ora non ricorda. Era appena entrata nell’ascensore di un vecchio condominio quando una donna si era infilata dietro di lei, urtandola con il suo carico di buste della spesa. Indossava, la donna, un cappottino beige finto cammello e stivali schizzati di fango, e aveva iniziato a perdere sangue dal naso. Marì ricorda gesti stupidi - le buste della spesa appoggiate agli stivali nella speranza immotivata che i gambali servissero a sostenerle, la ricerca di un equilibrio per l’ombrello fradicio, l’esplorazione affannosa dell’interno della borsa; una bottiglia di latte, una lattina di legumi e un cavolfiore che rotolavano fuori dalle buste; l’ombrello subito scivolato sul pavimento. Certo avrebbe potuto darle uno dei suoi, di fazzoletti, ma c’era quella cascatella di sangue che rincorreva se stessa sulla stoffa del cappotto e lei si era incantata a seguirne il percorso: il sangue scorreva sulle fibre sintetiche e si diffondeva in sottili ramificazioni - sembrava che andasse a costituire una nuova rete capillare, come se quel cappotto anemico volesse rianimarsi. Quando le porte si erano riaperte, la donna aveva infilato gli oggetti alla rinfusa nelle buste ed era uscita a testa bassa, mormorando delle scuse. Marì aveva continuato la salita. Pensava a quanto fossero assurde quelle scuse e si passava il dorso della mano su una guancia bagnata.

Si guarda allo specchio mentre ripete il gesto, si mette un dito in bocca come quel giorno.

Aveva raccolto con l’indice il liquido che le usciva dall’occhio destro e l’aveva assaggiato: salato e acquoso, non appiccicoso - senz’altro lacrime. Non piangeva da anni, e certo non avrebbe mai pianto per quella tipa. Quindi l’occhio non era suo, l’aveva scambiato con qualcun altro.

È da allora che ha questa lieve eterocromia, di cui nessuno sembra accorgersi. Nemmeno la sua inclinazione a piangere da un solo occhio desta stupore.

Quella non era stata la prima volta. La prima volta è stata con Paolo, quando credeva di vivere in una bolla - di respirare la stessa aria, credeva, e la chiamava amore - e all’improvviso era venuto fuori che la qualità del sentimento di Paolo ammetteva molte variabili. Alcune prevedevano che il suo letto, le mani grandi, il sesso vellutato, non fossero un’esclusiva per lei.

Si guarda le mani. La cosa che ricorda meglio è la fatica che le costò capire come fosse solo una questione di capacità, e intende capacità come misura di volume.

Oggi è facile ripensarci, non ha più lo stesso sentire di allora - anche per questo ci sarà una spiegazione: la memoria dei giorni le appartiene, ma il dolore appartiene a qualcun altro.

Comunque, fu lì che accadde la prima volta. Vide la pelle di tutto il suo corpo lacerarsi in tante ferite e da ogni squarcio uscire una parte di sé. Questa fase fu lenta, o forse la ricorda così ma era solo l’acutezza del dolore fisico a dilatare il tempo.

Marì si spalma ancora burro di cocco sulle braccia, sulla pelle omogenea e liscia.

Infine, il cuore si fermò. Non sa per quanto tempo. Quando lo sentì battere di nuovo, seppe che non era più il suo. Tutto si fece chiaro: l’anima di Paolo riusciva a contenere un sentimento grande come un bricco che potesse stargli appoggiato sul palmo della mano. Limite di capacità: basso.

A ripensarci ora le sembra di leggere un saggio. Non c’è intensità in alcun aspetto del suo vivere e sta bene, sarebbe bugiarda se dicesse che non sta bene.

Ieri è andata a pranzo da sua madre. Aveva una fame da lupa che allatta, spazzolava tutto quello che veniva servito.

Non ti riconosco più - le ha detto sua madre.

Mamma, l’Universo è caratterizzato da milioni di trilioni di particelle subatomiche in continuo movimento. Passami ancora il formaggio, per favore. Buonicchimo quetto fommaggio. Le patticelle sci ccontrao, mmm, si scambiano.

Cosa dici, Marì, non capisco niente.

Un’altra fetta di pane, grazie. Tto dicendo che nettuno di noi retta guale, mmm, siamo plastici come Didò, sciamo meccolabli.

Oh, Gesù, cosa stai farneticando. E smetti di parlare mentre mangi! Ma chi sei, tu?

Si guarda allo specchio. Dalle spalline troppo lunghe del pigiama esce un seno, il capezzolo grosso come una mora di bosco, con l’areola scura e larga - senz’altro un fototipo 5.

Preme l’interruttore, raggiunge il letto.

Che conforto il buio, il materasso morbido, e tutto quello spazio. Allarga gambe e braccia, come a fare l’angelo sulla neve. Un giorno forse diventerà più alta, ma poco poco, così nessuno lo noterà. E accadrà senz’altro che il suo cuore smetta di nuovo di battere, o i polmoni di respirare. In quel momento, qualcuno crederà che sia morta. Sorride, mentre si lascia andare al sonno.

Che poi, se alla fine dovesse succedere - di morire, ma non c’è motivo di pensarlo per come vanno le cose - la consola l’idea che non sarà lei ad andarsene: di quella che è stata, non sarà rimasto niente. 

Logo
8278 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (44 voti)
Esordiente
32
Scrittore
12
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 6tntz4.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Valentina Raniello ha votato il racconto

Esordiente

Leggendo, ho letteralmente vissuto un viaggio bellissimo. Grazie! Segnala il commento

Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore
Large 10407628 10153280480267839 8270592823095192652 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

NicolaDimo ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Maria Ria Patty Paterno ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large me.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Germano Antonucci ha votato il racconto

Esordiente
Aoh14gjrmag78hkjcqoaqnabg2burrwlxqbfnbsubad36q=s50?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Scrittore

Alla fine l'ho trovato il link. Sei brava. Solo che pendi un po'. In linea col paesaggio natio :-DSegnala il commento

Large 675e5471 05e0 4107 8ba7 e542a5b70562.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

MMarianella ha votato il racconto

Esordiente

è talmente ben dettagliato da rendere tutto vero, in quest'atmosfera utopica e surreale. Segnala il commento

Large io.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Coscienza fantasma ha votato il racconto

Esordiente

atmosfera Bladerunneriana... da "ho visto cose... "Segnala il commento

Large screenshot 2020 10 27 07 35 59 526 com.google.android.apps.photos.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Camposeo ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Profondamente femminile e partecipato, tanto che l’autrice sembra fondersi a tratti con la protagonista. Racconti con un tratto dolorosamente vero il disagio che porta all’annullamento di sè attraverso una sorta di martirio immaginario. Bravissima come sempre.Segnala il commento

Large 30171222 10213201699611638 5108754746813683842 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Biodegradavide ha votato il racconto

Esordiente

Un viaggio affascinante nell'ignoto di un'altra persona... un viaggio molto ben raccontato. Grazie!Segnala il commento

Large pexels brett sayles 2896889.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zoyd Gravity ha votato il racconto

Esordiente
Photo

Isabella☆ ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210226 wa0003.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Howl ha votato il racconto

Scrittore

Certo, imponi al lettore una partecipazione attiva, non distratta, e lo ripaghi appieno. E' una lettura fisica, di stomaco, di testa, che t'affatica - in senso buono. Fa male - fa bene - e quanta bellezza! Grazie Silvia!Segnala il commento

Large img 20200910 155353.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Danilo Gori ha votato il racconto

Esordiente
Large cubo.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

MeAlCubo ha votato il racconto

Esordiente

Bello, si legge con ritmo, curiosità a tratti von fastidio. Ma alla fine restano solo riflessioni e stupore. Brava davveroSegnala il commento

Large 20210114 141221.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente

Fantafuturistico angosciante. Bravissima ;)))Segnala il commento

Large cimg2750.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

albertomineo ha votato il racconto

Esordiente

Quando ti leggo mi sembra che quello che scrivo io sia superficiale, ma non me ne preoccupo, è uno stimolo a scrivere meglio.Segnala il commento

Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il Verte ha votato il racconto

Scrittore

Soggetto pazzesco trattato con una densità quasi angosciante, ed enorme sensibilità. In particolare ti adoro quando maneggi la decadenza. Segnala il commento

Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large mia.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Germinal68 (Sandro) ha votato il racconto

Esordiente
Large mariomonfrecola social 2020.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

mariomonfrecola ha votato il racconto

Esordiente

in genere, preferisco i racconti con messaggi espliciti. Nel caso di Marì, ho dovuto rileggerlo ma, anche alla seconda lettura, credo mi sfugga qualche dettaglio. Sicuramente è demerito mio ma trovo la storia - in alcuni punti - troppo intimistica e onirica. Racconto scritto benissimo - come sempre Silvia! - però stavolta ho la sensazione che manchi quel pizzico di magia per rendere più esplicito il sogno di Marì :-)Segnala il commento

Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

L'ho letto più volte, e ogni volta, lo iniziavo aggiungendo, in automatico " Marì si sveglia con una sensazione strana... etc. etc... come se non potessi farne a meno, di dare subito un nome alla protagonista, anche se mi rendo conto, che il titolo del racconto contiene già il nome. Ma... tant'è. Molto interessante l'argomento, e la progressiva "decimazione" sensoriale e fisica di Marì, che ripercorre e narra le proprie vicissitudini - reali, immaginarie, o sognate che siano, è poco importante, sul piano dell'economia narrativa - con la morte, che poi arriverà a decimazione già avvenuta. La morte si sconta vivendo, disse qualcuno. Non c'è niente da fare: l'ho riletto un'altra volta, iniziando sempre con: "Marì si sveglia con una sensazione strana... Segnala il commento

Large img 20190702 wa0006  2  2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sonia A. ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200326 wa0003.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Helena ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1431.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore

"la memoria dei giorni le appartiene, ma il dolore appartiene a qualcun altro": in queste parole, forse, il succo della narrazione. Una metamorfosi lenta, amputazioni successive per dimenticare il dolore. Metamorfosi amara, ma anche buffa, come nel pranzo con la madre: ”non ti riconosco più". Perché così è la vita, e pianto e sorriso talvolta si sovrappongonoSegnala il commento

Large typee.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

carlomariavadim ha votato il racconto

Esordiente

Ma brava! Hai la capacità di sorvolare la realtà: un po' la osservi, un po' te ne allontani. Alla fine il tuo racconto sembra una grande nuvola bianca sospesa in mezzo a un cielo blu. Complimenti. Ah, solo una cosa: ma quando Marì è seduta sul water la tavola è abbassata o sollevata?Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Esordiente

La metamorfosi come rivalsa contro la morte, il dardo dell'ironia scagliato contro la paura, il piacere che vince la noia, il "conforto del buio" che compensa l'assenza o l'impossibilità di una risposta plausibile. Bellissimo quel dialogo a tavola che si conclude con la domanda "Ma chi sei, tu?": un tiro che centra il lettore. Segnala il commento

Large img 20200826 180718.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Esordiente

questo racconto mi sembra che abbia il sapore del mito. e poi è proprio tuo: la metafora, la resa di certe scene attraverso dettagli visivi nitidissimi, l'alternarsi dei piani temporali. super come sempre, e io davvero onorata. Segnala il commento

Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Potente e doloroso, persino l’ironia di certi passaggi lo rende ancora più tragico: essendo forse l’unica arma di combattimento. Osservazione chirurgica e sensibile dei mutamenti che la vita ci impone con violenza. E il tuo stile è perfetto ed efficace Segnala il commento

Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Ottimo, Silvia. Mi ha stupito il flusso psicologico, la scioltezza del narrare. La leggerezza anche nell'andare in fondo a pensieri ed emozioni.Segnala il commento

Large drouk12176 rectangle.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

[K] ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Tella ha votato il racconto

Scrittore

Moto bello Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Il nostro mutamento. Sei riuscita a spiegarmelo in una maniera così chiara da rendermi consapevole. Complimenti Silvia!!!Segnala il commento

Large on the road.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

omALE ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore

Tutto congiura per portare alla beffa finale, quella nei confronti del destino che pretende di governarci e spadroneggia sulle nostre emozioni, paura della morte in primis. Forse finire a rate è nel nostro DNA, ma alla prova dei fatti c'è l'ironia, a ricomporci. Ineffabile Segnala il commento

Large mario smokers.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

emmebelloc ha votato il racconto

Esordiente
Large icotipee3.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ti Maddog ha votato il racconto

Scrittore

illice, trillice, pondolo e mellino sono i fratellini dell'alluce del piede, per identificarli con precisione, piuttosto che secondo o quarto dito del piede ;) il soggetto è davvero interessante. Bau! Ti Segnala il commento

Large img 1919.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

come se tu ricamassi Segnala il commento

Large foto0001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large ritratto.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

occhineri ha votato il racconto

Esordiente

Tutto si trasforma e tu l'hai raccontato in modo quasi poeticoSegnala il commento

Large default

Montag ha votato il racconto

Esordiente
Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Silvia Lenzini

Scrittore
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee