Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Fantastico

Matu

Pubblicato il 11/09/2021

un orso e un ragazzino. indecisa se fantastico o young adult. ho dovuto, per via della lunghezza, dividerlo in due parti: questa è la prima. l'incipit è noto perché così diceva il bando, dovrei modificarlo ma non mi riesce.

47 Visualizzazioni
18 Voti

Parte prima


Per molto tempo mi sono coricato presto la sera. E solo dopo aver bevuto una tazza di camomilla bollente, che mi preparava mamma. Ne versava due tazze, una per me e una per lei, e metteva in ciascuna un cucchiaino di miele. Quando veniva a bussare alla mia camera, mi alzavo e la raggiungevo subito. Il fumo che saliva dalla camomilla mi appannava gli occhi, e solo allora potevo raccontarle quelle cose su cui mi aveva interrogato durante la giornata, ma che non avevo avuto cuore di dirle. Come: Nonna quando le ho portato il pranzo mi ha scambiato per lo zio morto in guerra. Oppure: Ti sei dimenticata dell'affitto, è passato il padrone a dire che siamo in ritardo col pagamento. Tutto questo, però (la camomilla il fumo le parole la pena), succedeva prima che incontrassi un orso nel bosco.


Andavo spesso nel bosco dopo la scuola. C'era una robinia in tutto uguale a quella che qualche anno prima stava fuori dalla nostra vecchia casa. Papà strappava delle foglie e me le porgeva, io le riducevo in tanti pezzi che poi facevo volare come coriandoli. Ero già grande ma papà mi trattava ancora come un bambino; non era riuscito a stare dietro al tempo, ci vedevamo così poco allora. Non faceva che ripetermi di stare attento a questo e a quello, di non andare qua e non andare là. Mamma mi diceva solo: Esco, fa' colazione con nonna poi va' a scuola, buona giornata; e mi stampava un bacio in fronte. Ci aggrappavamo a gesti abitudinari (il miele il bacio le foglie la speranza), per credere di essere una famiglia unita.

Sotto questa robinia nel bosco leggevo Canzone per un orso, un tascabile bianco con lo schizzo di un orso in copertina. Era un libro di poesie d'amore per qualcuno che l'autrice chiamava orso. Certi libri parlano dell'amore senza nominarlo, invece quello diceva amore amore amore sempre sempre sempre, e si capiva cosa voleva dire anche se l'amore è diverso per ognuno. Ecco, la prima volta che vidi l'orso, pensai che fosse proprio quello di cui raccontava il mio libro.


L'orso ballava con un albero e io mi fermai a guardarlo. Non è certo la prima immagine che viene in mente pensando a un orso, un ballo. Avevo di fronte l'incredibile e i miei parametri saltarono tutti insieme dentro di me: quello che avevo imparato fino a quel giorno non sarebbe servito a niente, la mia esperienza pregressa non mi avrebbe guidato nell'azione più opportuna.

L'orso si voltò, doveva avermi sentito, e si avvicinò. Gli occhi erano piccoli, tondi e neri, e mi fissavano senza pudore, come se non sapessero che anche i miei occhi vedevano, che non erano solo due cerchietti verdi in mezzo alle orbite.

Sembrava che l'orso stesse valutando se potesse fare di me uno spuntino. Era già metà pomeriggio e anche a me brontolava lo stomaco. Cercavo di rimanere immobile e zitto, ma il suo sguardo mi infastidiva, era come se scavasse nel mio corpo. Cominciavo a tremare, ma ero deciso a fare in modo che l'orso non se ne accorgesse, allora mi misi a urlare contro il suo muso.

«Basta! La tua pelliccia è buona per l'inverno, ora me la prendo! E il tuo grasso, sai che con 50 grammi del tuo grasso si ottiene luce per due ore?»

«Ragazzino, lasciami solo», disse l'orso.

La sua voce era più triste che minacciosa. Sentii che la mia schiena si incurvava, sotto la sua tristezza.

Finsi di andarmene ma lo tenevo d'occhio da lontano. Si allontanò piano tra gli alberi, si fermò a darsi una grattatina alla schiena contro un tronco, e si infilò in una grotta.

La grotta era pregna di un odore ursino che mi stordiva. Lo sentivo in gola come l'incenso quando andavo a messa, mi pungeva e mi grattava, mi faceva quasi tossire. Era qualcosa di cui non avrei saputo più fare a meno. Allora in quel momento decisi che la grotta buia e umida sarebbe diventata la mia chiesa, e l'orso il mio dio o il mio re.

[entrare in una grotta significa sempre passare da uno stato a un altro]

Il mio re ursino. E io, il suo ragazzino.


Ero consapevole del fatto che mamma riuscisse a leggere cose nei miei occhi che neanche io sapevo di avere dentro. Non potevo presentarmi davanti a lei come al solito, a sorseggiare camomilla dicendo Tutto bene, ma', tutto bene. Dopo cena le dissi che mi sentivo qualche linea di febbre e che mi sarei coricato subito. Non mentivo, non ne ero mai stato capace: il pomeriggio nel bosco mi aveva lasciato una patina di stanchezza mescolata a un'eccitazione nuova che nemmeno il bagno caldo aveva pulito via. L'odore della grotta era nelle mie narici nonostante lo shampoo alla vaniglia. La mia pelle aveva assorbito le vibrazioni di una voce che parlava solo per me. Ero stato toccato da qualcosa di grande e sconosciuto.


Pensavo che nonna fosse l'unica che potesse capirmi, o almeno credermi; viveva continui salti temporali e provvisorie assenze, come se abitasse in una dimensione improbabile tra la fantasia e il ricordo e il desiderio. A volte mi scambiava per il nonno e allora mi rimproverava e mi sistemava il cappotto tirandomelo forte sul collo e spolverando via chi sa che dalle spalle; a volte vedeva in me lo zio morto in guerra che io non avevo mai conosciuto e così mi prendeva una strana inquietudine, come se in quel caso non avessi saputo recitare bene la mia parte. Mi domandavo spesso se il suo non fosse l'unico modo per vivere davvero, con un'intensità superiore ai cinque sensi: era in ogni momento dove il suo cuore voleva essere, come se lo spazio non fosse tangibile e il tempo non fosse una linea continua: era sempre accanto a chi amava perché chi amava abitava il suo cuore.

Andai da nonna perché avevo bisogno di dirlo ad alta voce (un orso sul mio percorso, una confusione come una rivoluzione), di sentirmi mentre lo dicevo, per poi scoprire che forse mi ero sognato tutto.

In casa di nonna c'era profumo di cannella. Lei sedeva in poltrona sotto il suo scialle viola.

«Che vai raccontando? - disse nonna - E cosa vai a fare nel bosco il pomeriggio? Le fiabe non ti hanno insegnato niente?»

«Nonna, le fiabe insegnano ad andarci, nel bosco. Solo così possiamo trovare il nostro destino, o il nostro segreto. Che poi non è che la felicità.»

«Senti, te lo dico io un segreto: scegli bene i tuoi desideri e sii buono.»


Logo
6156 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (18 voti)
Esordiente
10
Scrittore
8
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 20210920 010535.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Valentina Raniello ha votato il racconto

Esordiente

Bellissimo Segnala il commento

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Molto bello.Segnala il commento

Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20200326 wa0003.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Helena ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Piaciuto, mi riservo di commentare dopo aver letto la seconda parte Segnala il commento

Large img 20200606 wa0004.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Loretta 68 ha votato il racconto

Esordiente

Suggestivo, ed anche gotico.....aspetto con ansia il seguito. Fin qui è bellissimo!Segnala il commento

Large img 20210203 wa0000.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Annacod ha votato il racconto

Esordiente

Anche nella tua immagine di profilo vedo un'orso o mi sbaglio? A parte questo, mi piacciono molto sia l'ambientazione sia i personaggi. Forse vivere come la nonna è la scelta migliore. Aspetto di leggere il seguito.Segnala il commento

Large foto del 15 09 21 alle 09.22  3.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

palu ha votato il racconto

Esordiente

Davvero bello sin qui. Incanto, credo sia l'ambientazione; per quanto ancora poco si svela. Se da un lato mi sento di condividere il parere di Adriana sui pensieri di un banbino e, personalmente, anche sul fatto che non avrei mai riconosciuto una robinia in quanto tale, da un altro: nell'incipit, che ho inteso essere imposto, percepisco che si tratta di un adulto che racconta o ricorda l'infanzia. In attesa del seguito, grazie per la piacevole lettura, PaoloSegnala il commento

Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

è un racconto notevole , per tanti motivi. lo sento molto . sei bravissima Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

è che non ho molto da aggiungere. perdonerai. matu ma tu ? qui da noi boschi pochini, diciamo boschetti, robinie a go go. ma a che età finisce l'infanzia ?Segnala il commento

Large messaggio dell imperatore d2edb2ba d29c 49af bf26 49f968c048a9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Bellissimo. Adoro i tuoi orsi, quando compaiono rabbrividisco e gioisco. Questo, come dice Davide, forse sta alla base di tutto. Resto in attesa (trepidante, come si suole).Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Ci aggrappavamo a gesti abitudinari (il miele il bacio le foglie la speranza), per credere di essere una famiglia unita. L’infanzia è più idealizzata della giovinezza. L’infanzia è dura. Non è una banalità dire che un traguardo è rimanere bambini tutta la vita. Basta ricordarci come ci sentivamo allora. Solo che è spesso anche un periodo rimosso. Però ci sono gli oggetti. Essi diventano simboli quindi. C’è un piano reale, la vita in famiglia. Un piano fantastico/allegorico,’l’orso Un piano di tramite morale / la nonna (che non a caso è conmessa alla realtà in un modo tutto suo e vede chi vuol vedere. Bene questi tre piani sono intercambiabili. E cosi il primo diventa il secondo il secondo il primo e anche il terzo è instabile e cambia il modo di vederci (zio, nonno, nipote). Rispondi alla nonna che noi possiamo sapere cio che vogliamo ma non possiamo volere ciò che vogliamo. Hai scritto qualcosa - diciamo - di niente affatto leggero a mio avviso. Una vera e propria impresa. Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Una fiaba. E poi c'è il segreto svelato dell'orso nella tua poetica. La morale che ribalta la paura della selva e poi l'amore scevro della sua più banale componente. Ha scritto un racconto poetico dal fascino luminoso e gotico insieme. Sarebbe bellissimo accompagnato da disegni dipinti da mani di tramatrici di favole. Complimenti Roberta!Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Bellissimo: l'unica cosa che non mi convince è che un bambino parli di "trovare il nostro destino", "la felicità". I bambini vivono l'attimo, il presente. Segnala il commento

Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore

En Attendant Matu.Segnala il commento

Large amelie 1024x593.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Roberta

Scrittore
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work