Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Mentre le renne guardano l'aurora boreale

Pubblicato il 13/01/2020

106 Visualizzazioni
27 Voti

Era l’ultima volta e lo sapeva.

Lo sapevano le renne che nella loro onniscienza avevano compreso e stavano zitte, e gli elfi che si erano riuniti nella stanza dei giochi in attesa che il vecchio tornasse.

Sapevano tutti che quello era il punto di non ritorno, se l’aspettavano da secoli e adesso era arrivato.

A dire il vero l’avevano capito nell’attimo in cui la Signora aveva chiuso gli occhi dopo aver posato un bacio pieno di fatica sul naso del vecchio.

Lui aveva ricambiato poggiandole le labbra sulle labbra, ma lei era scivolata indietro sul cuscino con la levità di un velo da sposa trascinato sulla neve.

I suoi grandi occhi verdi si erano offuscati e riempiti come di nebbia, segno che il gelo le aveva invaso il corpo e nemmeno il fiato magico del vecchio, capace di trasformare frustrazione e fatica in un oh-oh-oh giocoso per la gioia di grandi e piccini, sarebbe riuscito a spolverarglielo via dall’anima.


Era morta, finita. Il vecchio aveva tirato su con il naso un paio di volte, poi aveva tossito e provato a dire qualcosa ma non c’era riuscito. E così quella sera aveva indossato gli abiti che lei non aveva fatto in tempo a stirare, stretto la cintura intorno al ventre ampio come una piscina di dolore dove il suo cuore desiderava solo tuffarsi, ma non poteva: era la grande notte.


Gli elfi non riuscivano a smettere di lacrimare, si premevano le mani da nani contro le bocche che non conoscevano età e singhiozzavano, alcuni disegnavano ghirigori con la punta dello stivale sul pavimento, altri – le elfe – stavano invece eseguendo la preghiera che il vecchio aveva loro rivolto: “Truccatela e pettinatela, ravvivatele i capelli e rendeteli vaporosi, picchettatele le guance con i petali delle rose più gonfie di vita che riuscite a trovare e colorategliele come se fosse ad un passo dalla gioia e dal pudore, come quando l’ho conosciuta”. E perché il lavoro delle elfe fosse più facile aveva adagiato sul cuscino, accanto al viso esanime della moglie, un ritratto di quando era ragazzina, e quelle si erano date da fare, anche se le lacrime non smettevano di rigare i loro visi e cadendo sulle gote della Signora distruggevano romanticamente il loro stesso lavoro.


Quando fu sera lei era bellissima. L’avevano vestita col suo abito più bello, sembrava una nuvola in procinto di esplodere in mille arcobaleni, calzava i suoi stivaletti e le mani sapienti delle elfe le avevano disegnato con una rispettosissima pressione anche due piccole fossette ai lati della bocca, così che la Signora sembrava sorridere gentile.

Lui ringraziò tutti e disse che era ora di andare, di preparare la slitta, di regalare alle renne due zollette di zucchero in più e di grattarle dietro le orecchie perché fossero più liete e contente.

Poi tornò in casa a prepararsi, e pochi attimi dopo fu pronto.


La folla di elfi si aprì come una grande V arroventata che scioglie la neve, erano tutti con i berretti in mano e gli occhi rossi.

Il vecchio era maestoso come sempre, ma prima di andare via lasciò che quegli omini e donnine gli si stringessero contro, lo abbracciassero tutti insieme e inzuppassero il bordo di pelliccia del suo vestito di lacrime e parole di cordoglio. Lui carezzò quanti più visi poté, arruffò i capelli ai più inconsolabili e si allontanò lentamente.

Salì sulla slitta e mormorò dolcemente alle renne di partire.

Loro eseguirono, e la slitta si levò in cielo sibilando appena come una forbice che attraversa la seta a bocca aperta.

*

Giunti all’altezza alla quale di solito il viaggio per raggiungere ogni bambino del mondo iniziava, il vecchio non smise di tendere le redini, e così le renne continuarono a salire e salire e salire, fino a quando il mondo sotto di loro non fu che una pallina fatta di terra e di acqua, tutta percorsa da filari di luci e candele notturne.


Poi il vecchio sussurrò “ci siamo”, e quelle semplicemente smisero di salire, fluttuando nell’aria come cavallucci a dondolo animati da un refolo di vento bonario. Le giovani renne si chiesero cosa stesse avvenendo, le più anziane finsero di guardare la piccola aurora boreale che lumeggiava da qualche parte sulla terra, scuotendo la testa per dissimulare una commozione profonda che aveva cominciato a ricamarsi intorno ai loro cuori.


Il vecchio sciolse il nastro intorno al sacco e con la tenerezza di mille madri scostò metri e metri di tulle dentro il cui bozzolo aveva adagiato la Signora.

La tenne tra le braccia come secoli prima, quando per la prima volta avevano varcato la soglia di casa nel primo giorno della loro vita insieme.

“Buon Natale, amore mio” sussurrò.

Poi le poggiò le labbra sulle labbra freddissime, compì un piccolo passo in avanti e non smise di stringersela al petto mentre precipitavano nel buio della notte.

Logo
4715 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (27 voti)
Esordiente
20
Scrittore
7
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Aatxajxbil4nhlwbyv91uz0lzmcfxg1wvxml7zcnqw2d=s96 c?sz=200

Avalon ha votato il racconto

Esordiente

E' forse Fantasia il nome della Signora?Segnala il commento

Large altro mondo.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Clarissa Kirk ha votato il racconto

Esordiente

Magia pura. Scrivi magnificamente Segnala il commento

Large freshpaint 5 2019.03.22 04.18.34.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Maurizio Melzi ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200226 075137 754.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

paroleemusica ha votato il racconto

Esordiente

Più che bello Più che romantico Più che commoventeSegnala il commento

Large default

Paola Taboga ha votato il racconto

Esordiente
Large t  2  31 .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

SteCo15 ha votato il racconto

Scrittore

Decisamente bello per originalità e scrittura. E poi commuove. Una grande fiaba!Segnala il commento

Afdzucrfic hvttxbbi5bd2dxmsn8nqbsbyutj9nruu2lw=s96 c?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Scrittore

PoeticoSegnala il commento

Large default

annalisaesse ha votato il racconto

Esordiente
Large default

camaleoman ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Marco Verteramo ha votato il racconto

Scrittore

Alcuni passaggi mi riportano per intensità, dolcezza e potenza a "Margherita" di Cocciante. Segnala il commento

Large win 20210713 10 57 29 pro.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Messina Giuseppe ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210427 021713.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large bd177824 d2fb 4a2e a04a 932874cb0846.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Philostrato ha votato il racconto

Scrittore

Questo racconto l'avrei chiamato "morte romantica del capitalismo natalizio" eheh. Bello stile e bella idea!Segnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Fantastico. È una scelta o è casuale averlo pubblicato dopo Natale?Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore

bau più! Lo svelamento della prima riga aggiunge. Bravo.Segnala il commento

Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20191110 005622 627.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

RoCarver ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Mi hai fatto venire i brividi. L'amore che sopravvive alla morte. Bellissimo!! Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Roberta ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20210705 011756.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ti Maddog ha votato il racconto

Scrittore

bauSegnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Molto bello, empatico, ben scritto...non manca niente. le elfe che abbelliscono la Signora mi hanno ricordato il film Departure. Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Assolutamente bello.Segnala il commento

Large 6cfb3a8f 5475 43fe 81fa c84b569118cd.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Ondata di magie e incanti :)Segnala il commento

Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor

;)Segnala il commento

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Sei entrato nel mito. Vita e morte. Segnala il commento

Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Federico D. Fellini ha votato il racconto

Scrittore

Magico, misterioso, malinconico, post natalizio.Segnala il commento

Large default

di esteban espiga

Scrittore
Editor
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work