Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Autobiografia

Mi mancavi da poltrire

Pubblicato il 15/08/2018

Spaccato in cui mi concedo di parlare d' amore, a modo mio.

42 Visualizzazioni
13 Voti

Quando ci reincontrammo seduti su un muretto umido di birra e discorremmo su Dio ed Eckhart,

non era mia intenzione violentare la scelta di non essere più coppia.

Trovando, però, un inaspettato consenso nei tuoi movimenti, nelle tue distanze, cedetti all’impulso di baciarti.

Mi scansasti, mi riversai sconfitta sulla tua spalla, unico spazio concessomi per riporre le mie intenzioni.

Quando ostinata, in estate, ti invitai alla rassegna di film all’aperto, mi incurvai nella panchina, accanto a te. Trovavo già ardito averti coinvolto in quell' elemosina di amore, allora mi irrigidii come le assi su cui poggiavo, mimetica, per cercare di non farti sentire costretto, in quella panchina.

Quell’estate pedalavo ricurva come un giunco, stordita dalla musica elettronica.

Come un giunco ero piegata, goffa a vedersi, ma nonostante le più estreme sensazioni di vuoto che mi avessero mai colto, non mi spezzai. 

Le articolazioni, però, mi facevano un male…

Cambiai città, cambiai casa, rinnovai gli amici e la Facoltà.

Nel nuovo domicilio, nudo, mi rannicchiavo nella poltrona di vimini ascoltando Chavela Vargas, mi stiracchiavo sul letto documentandomi su Paco de Lucia: esigevo la legittimazione dei miei sentimenti nello struggimento degli altri.

Cercavo, stesa sul pavimento, metafore altisonanti per rendere giustizia ad un sentire che immaginavo unico. 

La verità era che non mi ero mai sentita così impotente di fronte ad aggettivi ed avverbi, così banale nella semplicità umana di quello che sperimentavo, da potermi compiacere solo nelle parole già scritte da altri. Almeno scoprii la poesia, lettura a cui prima non sapevo dare spazio nel tempo frenetico dei miei pensieri.

Agli inviti dei compagni ad uscire rispondevo con una passeggiata di neanche un chilometro di passi,

mi sedevo su una panchina orientata verso il fiume e cercavo senso nelle anatre che si abbandonavano (ferme) al suo scorrere.

Se mi distraevo era ad un bar con gli amici, reidratandomi con la freschezza del luppolo, mentre osservavo coi gomiti inchiodati al tavolo i miei sospiri ritratti nel gioco di fumo che usciva dalle labbra. Spesso la sigaretta mi cascava beffarda dalle dita, molli.

Nel tentennare sul da farsi venisti a trovarmi a Torino, dove abbiamo camminato davvero, come non avessimo mai smesso di farlo. 

Io lo chiamavo amore, tu nostalgia.

Allora, chiusa nell’ unica stanza tutelata da una serratura, mi sedetti sulla lavatrice, aspettando l'avvenuta disinfezione dei tuoi odori dai miei capi, e piansi rabbia.

Queste cose le faccio ancora, per la mia recidiva indole sedentaria, avendo però capito che al mondo ci sono tantissime ed inedite superfici su cui apoggiarmi, diverse da te.

Logo
2669 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (13 voti)
Esordiente
13
Scrittore
0
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 20200908 212426 008.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Verde ha votato il racconto

Esordiente

Molto bello!Segnala il commento

Large dsc 3809.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Simonetta 63 ha votato il racconto

Esordiente
Photo

Mela Golden ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large 291786 273806129306614 239035103 nbis.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Dalcapa ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore
Large 8star.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zeta Reader ha votato il racconto

Scrittore
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Gianluca Zuccheri ha votato il racconto

Esordiente
Large graffitiwall.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Superfrancy ha votato il racconto

Esordiente
Large fb img 1455357798620.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Hollyy ha votato il racconto

Esordiente
Large default

rheya ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Mi piace molto il modo in cui è scritto. Brava .Segnala il commento

Large img 20180810 125454.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Caterina Gradenigo

Esordiente
Editor
Bellevilletypee logo typee typee
Bellevillemilano logo typee
Bellevilleonline logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee