Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Mucchietti di sabbia

Pubblicato il 26/05/2022

Ritrovando Paola

96 Visualizzazioni
17 Voti

La fine della scuola ci dava la sensazione di una ritrovata libertà, con la spiaggia di giugno non ancora affollata, le corse nell’acqua, la pelle bruciata dal sole e le lunghe giornate di luce.

Claudia fu la prima a parlare di ragazzi. «Lo so che vi piace Sergio. Piace a tutte!»

«A me no! È antipatico e se la tira» obiettò Annalisa.

«La volpe che non arriva all’uva» continuò Claudia ridendo.

«Allora chi vi piace? Dai Elena parla, chi ti piace?»

«Non mi piace nessuno» dissi io un po’ scocciata.

«Figurati!» sbuffò Claudia, «come siete noiose! Invece a me piace Sergio, eccome, ma lui vede solo Paoletta!»

Tutte guardavamo te, avevi abbassato lo sguardo e ti concentravi sul piede sinistro, poi spostandolo da un lato all’altro creavi mucchietti di sabbia; quando poi si erano calmati i chiacchiericci, ritornavi l’osservatrice appartata di sempre.

«Facciamo il bagno?»

Claudia l'esplosiva pensai, e rispondemmo in coro. «Un... Due, tre…»

Prima del via arrivò Sergio alle nostre spalle e ci fu un silenzio improvviso e imbarazzato.

«Di cosa parlavate? Vi ho visto ridacchiare.»

«Stavamo per fare il bagno» risposi un po’ scocciata. Lo guardai di profilo. Alto, impettito e lucido, sorrideva con il ciuffo alzato dal vento e il costume attillato.

Mi ignorò, naturalmente, perché guardava te, e continuò con quel tono di voce insopportabile e finto. «Ciao Paoletta.»

Tu sembravi più piccola, pur non essendo bassa, forse per le ossa minute o per la grazia dei gesti, simile a quella dei bambini.

L’attenzione che ti dedicava, ti metteva a disagio, tenevi la testa abbassata sul petto, i capelli castani raccolti da un nastrino lento da cui cadevano due ciocche che cercavi nervosamente di rimettere dietro le orecchie.

La tua bocca era socchiusa e morbida, e di profilo ti dava un'aria imbronciata. Lui ti parlava, e tu eri intenta a fare mucchietti di sabbia.

«Ciao Paoletta… Stai bene?» insistette.

«Bene, grazie…»

«Ho due biglietti per il concerto nel chiostro di S. Agostino» disse Sergio con voce acuta.

«Che noia!» rispose Claudia, pur non interpellata e immediatamente ignorata.

Sergio continuò a puntare Paola «So che suoni il violoncello, Paoletta...»

Viscido, pensai.

«Si …» Eri imbarazzata e incredula, ma lui non ci fece caso.

«Ti piacerebbe accompagnarmi?»

«Non vuole uscire con te!» esplosi.

«Zitta tu» mi liquidò senza degnarmi di uno sguardo.

«Vengo a prenderti stasera dopo cena. Non mi deludere dai.»

Noi tutte ammutolimmo in attesa della tua risposta. Tu alzasti le spalle, come a dire che ci saresti andata comunque.



Il chiostro di S. Agostino ospitava un gruppo di giovani musicisti. Il cielo era stellato e l’aria filtrava leggera. Tu indossavi un abito di chiffon rosa antico aperto sulla schiena e portavi i capelli raccolti sulla nuca, mostrando la linea dolce del collo. Così, anticipando il tuo ordinario e sprezzante cavaliere, avevi la felicità dei puri, incantata dalle note di Schubert e, quando mi sei passata accanto senza vedermi, mi è arrivato il tuo profumo di gelsomino.

A distanza di tempo ti riabbraccio e ti ritrovo ancora malinconica e sempre bellissima. Tieni le mani sulle gambe e hai uno sguardo lontano e il profumo di sempre.

«Come fai a sapere che ero vestita così?»

«C’ero anch’io al chiostro di S. Agostino, Paola. È passato tanto tempo e non so cosa sia successo dopo quella sera, che cosa ti abbia così profondamente cambiato.»

Quasi sussurri. «È successo qualcosa a cui io, forse ingenuamente, non avevo nemmeno pensato. Anzi, qualcosa che non sapevo e non avrei mai immaginato. Qualcosa che non volevo

Il tuo sguardo mi sfugge, come se ti vergognassi.

«Mi sono sentita considerata, io che non avevo mai pensato di piacere a qualcuno. Mi sono fidata!» Hai un' espressione amara e mi guardi con gli occhi acquosi che sembrano ancora più verdi e grandi. «Lui invece si vantava solo della sua collezione di donne.»

Abbassi gli occhi un istante, poi cambi discorso, imbarazzata.

«Sai, qui in paese anche di te non dicono belle cose.»

Scoppiai a ridere:

«Cosa si dice? Che sono lesbica?»

Mi guardi un attimo negli occhi e poi riporti lo sguardo sulle mani che hai in grembo. «Sono cattiverie, lo so. Maldicenze dovute al fatto che non ti sei sposata e…»

«È la verità, Paola, così come è vero che Sergio ti ha usato violenza.»

«Ma cosa dici?»

Sembri spaventata. Poso una mano sulla tua. È fredda.

«La verità è che io sono qui per esserti amica, ma anche perché non voglio più fuggire.»

Mi guardi a lungo, come se ti avessi appena aperto un mondo. Dopo quella nostra conversazione, abbiamo passeggiato molte volte sul molo, il mare si scagliava forte sugli scogli portando il suo odore aspro e vivo.

Quelle sono una coppia e vivono insieme, diceva qualcuno con un sorrisetto di scherno. Noi abbiamo continuato a tenerci la mano, ad ascoltare i nostri silenzi, a sorriderci e volerci bene, anche quando un giorno mi hai detto che ti eri innamorata di Marco, e io ti ho stretto ancora più forte.

 Ora il mare ha un suono monotono però mi arriva ancora forte l’odore dei gelsomini.


Logo
4997 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (17 voti)
Esordiente
11
Scrittore
6
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 20190906 081258.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Hal ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Un racconto in cui confermi la cura e l'attenzione nella scelta dei dettagli, il sottofondo malinconico che caratterizza molti tuoi racconti e la delicatezza con cui tratti argomenti legati alla sfera emozionale. Brava Antonella.Segnala il commento

Large 20200831 131725.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Glauco Ballantini ha votato il racconto

Esordiente
Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Mi era sfuggito, meno male che la scuola si è mossa a colmare la lacuna. Davvero bello, pieno, rotondo. Brava, come sempre.Segnala il commento

Large thumbnail.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Frato ha votato il racconto

Esordiente

Bellissimo Ondine, Ciao Roberto.Segnala il commento

Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Brava, amica. Sono contentissima che la Redazione ti abbia messo in prima pagina, lo meriti eccome.Segnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

D’amicizia e d’amore, sfiorando temi importanti con mano leggera. BravaSegnala il commento

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Di una delicatezza sconfinata. Sottile e attento a ogni refolo. Ottimo.Segnala il commento

Large io.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Coscienza fantasma ha votato il racconto

Esordiente

"La fine della scuola ci dava la sensazione di una ritrovata libertà" vincola tutta la trama, la struttura, i personaggi all'interpretazione in prima persona e alla voce narrante che assume un ruolo di personaggio. Il soggetto è bellissimo, il dialogo immersivo. il racconto risulta ingombrato dalla personalità giudicante, anche se sensibile, della voce narrante. bella la chiusa, realista. Capita sovente che un ricordo intenso richiami all'olfatto il profumo percepito in quell'evento. Leggibilità ok interpretazione ok regia ok se la storia è inventata merita un 10 se la storia è vera merita un 8. Un abbraccio e divertiamoci sempreSegnala il commento

Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

la capacità di “porgere” ogni cosa con la mano giusta Segnala il commento

Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente

Emozioni e ricordi molto bella complimenti Segnala il commento

Aoh14gjaydde0xx0klmdn8xav1mkmg25dbcq0nyke6jl=s96 c?sz=200

Signor Fabiani ha votato il racconto

Esordiente
Editor

https://m.youtube.com/watch?v=035AA6mJZAI. Un video a caso, tra i tanti. Non so chi sia il tipo, ma dice cose giuste, perciò va ascoltato. Guardalo tutto, se puoi, ma in particolare presta attenzione al punto n. 2, dal minuto 6.15, e fai il confronto con il tuo testo. Tutti quei “dice”, “insistette”, “continuò”, “obiettò”, “rispose” etc. non solo risultano stranianti per un lettore evoluto, ma soprattutto denunciano inequivocabilmente una certa pigrizia: sono i tipici dialogue- tag a cui si ricorre quando non si ha voglia di scrivere, ma si scrive comunque. Una scena ben fatta viaggia sulla recitazione dei personaggi, cioè sugli action-tag (o beat) e non sui dialogue-tag. Prova a scrivere senza dialogue-tag la prossima volta. Sarà ovviamente più faticoso, ma sarai la prima a divertirti molto di più.Segnala il commento

Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente

Da brividi, molto toccante, fino a profonda commozione. Le parole cesellate perfettamente e magistralmente per farci sprofondare interamente nella storia come la stessimo vivendo ora noi in prima persona. Un testo che lascia il segno, come pochi, come solo i grandi maestri sanno fare. BravissimaSegnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Dice bene Davide, c'è così tanto, in questo racconto: capacità di analisi, di ascolto e di osservazione, che poi convergono a formare l'empatia nella quale il lettore può ritrovarsi, ad ascoltare i dialoghi "adolescenziali" delle ragazze di allora, intrise di affetto, curiosità e diffidenza. E poi il tema della "sponda sessuale", della violenza e dell'abuso, che riesci ad affrontare, con poche frasi efficaci. È un racconto che ricordavo bene, perché mi aveva colpito molto. Una storia e una narrazione che hanno poco da invidiare ai tuoi racconti più recenti, anche se non so quanto sia cambiato, rispetto alla versione precedente. E poi l'odore dei gelsomini, che "supera" quello del mare, in intensità e resilienza...Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

C'è così tanto in questo racconto... una alternanza di sentimenti, crudeltà e dolcezza. Ci fai un dono pubblicandolo. Grazie Ondine. E complimenti!Segnala il commento

Large fefed82b 81a3 41d5 a994 9656e9960814.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paola Zaldera ha votato il racconto

Esordiente

Molto bello e scritto con tenerezzaSegnala il commento

Large 98f662d3 1d06 41c8 a9a2 b3d398111485.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Ondine

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work