Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Nasi

Pubblicato il 03/06/2022

Altro testo autoreferenziale, discretamente nevrotico e un filo inquieto, in cui l'autore gigioneggia con la propria faccia riflessa, perché non ha niente di meglio da fare. E lo ripubblica, per verificare l'assunto di cui sopra.

55 Visualizzazioni
16 Voti




Franck continuava a guardare quel naso, che protrudeva, indefesso, dallo specchio del bagno... Finché se lo trovò davanti, a un palmo di naso dal proprio, nervoso e tremolante, come se lo sforzo compiuto per emergere dal vetro lo avesse stremato, mentre il volto di appartenenza del naso in questione, continuava a guardarlo, vis a vis.

- E tu, che vuoi!? Lo sai, che ce n'ho già uno, di naso, vero? gli fece, toccando la punta di quel naso impudente, con un dito.

Non ricevendo risposta alcuna, Franck continuò a punzecchiarlo, a bella posta, con l'indice. Lo sentì cedere, ma appena appena, cosicché pensò si trattasse di un naso consistente, di quelli che non si facevano intimorire troppo facilmente; no davvero. 

Per capirci qualcosa di più, con due dita dell'altra mano, Franck si toccò il proprio, di naso, lo chiuse in una piccola morsa e avvertì la medesima consistenza. Così conciato, rimase a guardarsi, un dito premuto sul naso che fuoriusciva e due dita dell'altra mano che schiacciavano il proprio. 

Il proprio?

E l'altro naso? Quello che usciva dallo specchio? Non era forse il suo naso, il proprio, anche quello?!

- Certo che sì! Perbacco!!"

E allora com'era possibile che si protrudesse, quell'altro, così sfacciatamente, come un'entità separata e autonoma, dotata della propria corporeità organica, distinta e ben definita? Vuoi vedere che lo sforzo per attraversare la propria dimensione riflessa gli aveva permesso di raggiungerne una propria, dotata di tutt'altra identità, se pur del tutto somigliante all'immagine riflettente, sia al tatto che alla vista?

Ché poi, a guardarla bene, la sua faccia riflessa - quella che era rimasta buona buona dentro allo specchio, per intenderci, decidendo di protrudere verso l'esterno soltanto il proprio naso - era proprio uguale alla sua versione riflettente: due paia di occhi che si muovevano e si guardavano in perfetta sincronia opposta e dirimpettaia, quattro sopracciglia che si crucciavano all'unisono, come dei buoni vicini di affaccio, per di più e tanto più gemelli, e quadrigemini, oltretutto, e la bocca... Eh sì! perfino la bocca, quella riflessa, che partecipava di tutte le movenze cui Franck sottoponeva la propria,  tanto delle smorfie, quanto delle linguacce.

E fu così che Franck continuò a guardarsi, con entrambe le mani occupate, un indice che pigiava quel naso replicante, e due dita che stringevano l'altro, come una pinza. Ma, ohibò! La cosa più interessante, a dirla tutta, era quell'immagine, che continuava a vedere nello specchio : quel volto riflesso che gli appariva in tutto e per tutto identico al proprio, come era giusto che fosse, senonché i due nasi, a guardarli bene, si annullavano l'un l'altro, in mutuo accordo, ma discordi, tanto che non poteva vederne che uno per volta: chiudendo un occhio e abbassando lo sguardo con l'altro, tanto per capirci, riusciva a scorgere il proprio, di naso, quello vero vero, insomma, ma appena tornava a guardarsi allo specchio, vedeva l'altro naso, col suo dito che continuava a pigiarci sopra. 

In effetti, lo specchio rifletteva tutta la sua faccia ma non il naso, né le due dita che lo pinzavano, sicché, non sapendo cos'altro fare, mollò di colpo tutt'e due i nasi, e fissò quello di fronte: poi gli si avvicinò, lentamente, finché arrivo a fare "naso naso", col suo naso, sulla punta dell'altro naso. 

Non l'avesse mai fatto!

Gli partì un formicolio di dentro alle narici, una specie di palletico sottile, che gli pareva ci si fosse infilata dentro una combriccola di formiche nane, intente a giocare a tamburello, con tante palline altrettanto piccole, che, al posto di giocare una partita vera e propria, si stavano divertendo a palleggiare a casaccio, tanto per infastidirlo. 

A quel punto, spaventato da tutto quel palletico nasale improvviso, Franck si ritirò, e si carezzò il naso, per consolarlo, senza smettere di guardare quell'altro. 

- Non c'è da capirci più niente, di questi due nasi!"  borbottò alfine, sconsolato, e l'unica cosa che gli venne in mente di fare, fu un saltino sui piedi: "Hoplà!". Ne fece un paio: "Hoplà! Hoplà! " e poi un altro: "Hoplà" e perfino un quarto: "Hoplà!" finché, dopo il quinto "Hoplà!" decise di riguardarsi allo specchio, come se quei saltini, dovuti più all'imbarazzo che altro, avessero potuto provocare dei cambiamenti sostanziali e chiarificatori.

Ma rivide soltanto i due nasi, uno via l'altro, separatamente, uno suo e l'altro idem, per quanto diversamente altro, e giunse alla conclusione che averne due, di nasi, potesse essere anche divertente, di tanto in tanto.

E poi bastava evitare lo specchio, o farne un uso saltuario,  e tutto sarebbe tornato come prima. Ognuno col proprio naso, i propri occhi, la propria bocca e il proprio modo di parlarne.


Franck uscì dal bagno, fece due passi e incontrò lo specchio del corridoio. Gli lanciò un occhiata, e rivide il proprio naso, che gli fece l'occhiolino, con la narice sinistra. 

E poi con la destra. 




Logo
4928 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (16 voti)
Esordiente
11
Scrittore
5
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 20210421 183135.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Camposeo ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large img20220531174516.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silea ha votato il racconto

Esordiente
Large dante.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente
Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

OttimoSegnala il commento

Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large brothersfarris.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

sinapsineuronica ha votato il racconto

Esordiente

Devo rifarmi la faccia, perché durante un faccia a faccia, ho perso la faccia; Segnala il commento

Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente
Large 2707610f 03de 45d4 972b 7f6d33a43ad5.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Più bello di quanto ricordassi. Un personaggio su cui poter costruire storie memorabili oltre che surreali. Segnala il commento

Large 9915c599 2b93 4177 8e6c 71376ef3be6f.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paola Zaldera ha votato il racconto

Esordiente

Surreale. Bello.Segnala il commento

Large bacio.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Italo ha votato il racconto

Scrittore

Surreale e nasale, ti capisco il mio naso pure fa da sé, l'ho visto mangiare pasta e fagioli, a volte sorridermi e poi scoreggiare :-))Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Bizzarro, barocco, ciranico. Divertente.Segnala il commento

Large pp.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Bruno Gais ha votato il racconto

Esordiente

T'immagino davanti allo specchio mentre pensavi a questo racconto, anche se effettivamente non so neanche come sia fatto il tuo naso, e forse anche per questo motivo che è bello immaginare i raccontiSegnala il commento

Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Franco 58

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work