Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Nasi

Pubblicato il 29/04/2021

79 Visualizzazioni
22 Voti


Franck continuò a guardare quel naso, che protrudeva, indefesso, finché se lo trovò davanti, a un palmo di naso dal proprio, nervoso e tremolante, come se lo sforzo compiuto per attraversare la superficie dello specchio lo avesse stremato, mentre il volto di appartenenza del naso in questione, continuava a guardarlo, vis a vis.

- E tu, che vuoi!? gli fece, allora, toccando la punta di quel naso impudente, con un dito.

- Lo sai che ce n'ho già uno, di naso, proprio uguale al tuo, vero?"

Non ricevendo risposta alcuna, Franck continuò a punzecchiarlo, a bella posta, con l'indice: e lo sentì cedere, ma appena appena, cosicché pensò si trattasse di un naso consistente, di quelli che non si facevano intimorire troppo facilmente. No davvero. 

Poi, per capirci qualcosa di più,

con due dita dell'altra mano, Franck si toccò il proprio, di naso,  lo chiuse in una piccola morsa, e avvertì la medesima consistenza. Così conciato, rimase a guardarsi, un dito premuto sul naso che fuoriusciva e due dita dell'altra mano che schiacciavano il proprio. 

Il proprio?

E l'altro naso? Quello che usciva dallo specchio? Non era forse il suo naso, il proprio, anche quello?!

- Certo che sì! Perbacco...!

E allora com'era possibile che si protrudesse, quell'altro, così sfacciatamente, come un'entità separata e autonoma, dotata della propria corporeità organica, distinta e ben definita? Vuoi vedere che lo sforzo per attraversare la propria dimensione riflessa gli aveva permesso di raggiungerne una propria, dotata di tutt'altra identità, se pur del tutto somigliante all'immagine riflettente, sia al tatto che alla vista?

Ché poi, a guardarla bene, la sua faccia riflessa - quella che era rimasta buona buona dentro allo specchio, per intenderci, decidendo di protrudere verso l' esterno soltanto il proprio naso - era proprio uguale alla sua versione riflettente: due paia di occhi che si muovevano e si guardavano in perfetta sincronia opposta e dirimpettaia, quattro sopracciglia che si crucciavano all'unisono, come dei buoni vicini di affaccio, per di più e tanto più gemelli, e quadrigemini, oltretutto, e la bocca... sì, perfino la bocca, quella riflessa, che partecipava di tutte le movenze cui Franck sottoponeva la propria,  tanto delle smorfie, quanto delle linguacce.

E fu così che Franck continuò a guardarsi, con entrambe le mani occupate, un indice che pigiava quel naso replicante, e due dita che stringevano l'altro, come una pinza. Ma... ohibò! la cosa più interessante, a dirla tutta, era quell'immagine, che continuava a vedere nello specchio : quel volto riflesso che gli appariva in tutto e per tutto identico al proprio, come era giusto che fosse, senonché i due nasi, a guardarli bene, si annullavano l'un l'altro, in mutuo accordo, ma discordi, tanto che non poteva vederne che uno per volta: chiudendo un occhio e abbassando lo sguardo con l'altro, tanto per capirci, riusciva a scorgere il proprio, di naso, quello vero vero, insomma, ma appena tornava a guardarsi allo

specchio, vedeva l'altro naso, col suo dito che continuava a pigiarci sopra. 

In effetti, lo specchio rifletteva tutta la sua faccia ma non il naso, né le due dita che lo pinzavano, sicché, non sapendo cos'altro fare, mollò di colpo tutt'e due i nasi, e fissò quello di fronte: poi gli si avvicinò, lentamente... finché arrivo a fare "naso naso", col suo naso, sulla punta dell'altro naso. 

Non l'avesse mai fatto!

Gli partì un formicolio di dentro alle narici, una specie di palletico sottile, che gli pareva ci si fosse infilata dentro una combriccola di formiche nane, intente a giocare a tamburello, con tante palline altrettanto piccole, che, al posto di giocare una partita vera e propria, si stavano divertendo a palleggiare a casaccio, tanto per infastidirlo. 

Cosicché, spaventato da tutto quel palletico nasale improvviso, Franck si ritirò, e si carezzò il naso, per consolarlo, senza smettere di guardare quell'altro. 

- Non c'è da capirci più niente, di questi due nasi... borbottò alfine, sconsolato, e l'unica cosa che gli venne in mente di fare, fu un saltino sui piedi: "Hoplà!". Anzi... ne fece un paio: "Hoplà! Hoplà! " e poi un altro: "Hoplà" e perfino un quarto: "Hoplà!" finché, dopo il quinto "Hoplà!" decise di riguardarsi allo specchio, come se quei saltini, dovuti più all'imbarazzo che altro, avessero potuto provocare dei cambiamenti sostanziali e chiarificatori.

Rivide soltanto i soliti due nasi, uno via l'altro, separatamente, uno suo e l'altro idem, per quanto diversamente altro. Ma giunse alla conclusione che averne due, di nasi, potesse essere anche divertente, tutto sommato. 

E poi bastava togliere lo specchio, o smettere di guardarcisi, e tutto sarebbe tornato come prima. Ognuno col proprio naso, i propri occhi, la propria bocca, e il proprio modo di parlarne.


Poi chiuse il libro, e si alzó dalla sedia, appoggiandolo sul tavolo. 

Lanciò un occhiata allo specchio del corridoio, e vide il proprio naso, che gli fece l'occhiolino, con la narice sinistra. 

E poi con la destra. 



Logo
4987 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (22 voti)
Esordiente
15
Scrittore
7
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

antonio locascio ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210409 190335.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

StefanoS ha votato il racconto

Esordiente

Continua? Continua... Segnala il commento

Large img 1919.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

ottimo frencstail , consiglio anche i tuoi “mani”… e “labbra”… poi verranno gli occhi Segnala il commento

Large 20210427 022249.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large 13 36 00 6a00e54fcf7385883401b7c7499bb0970b pi.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Esordiente

il tamburello delle formiche nane è davvero fastidioso, ma anche divertente.Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il Verte ha votato il racconto

Scrittore
Large cfe13a30 7433 44d1 a6d7 e99bef6700de 1 201 a.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Esordiente

ComplimentiSegnala il commento

Large typee.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Umberto ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20190702 wa0006  2  2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sonia A. ha votato il racconto

Esordiente

Bello!Segnala il commento

Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore
Large foto0001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Gogol ma anche Pirandello. E' ammaliante sin dalla scelta dal verbo "protrudere", così raro, roco, cupo, un richiamo a echi profondi, che promanano da chissà quali abissi. La tua scelta mi ricorda Foscolo, l'upupa spacciata come uccello notturno per il suono lugubre del nome. Ma non ci sono ombre nel racconto, anzi. "Ognuno col proprio naso, i propri occhi, la propria bocca, e il proprio modo di parlarne". Grande prova di scrittura Franck.Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Gogol applaude da lassù. Divertente il soggetto, scrittura magistrale. Bravissimo, Frank.Segnala il commento

Large img 20210421 183135.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Camposeo ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20210203 wa0000.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Annacod ha votato il racconto

Esordiente
Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Sempre più divertente man mano che si legge, con un finale bellissimo. Franck e Franck e i suoi nasi :)) metafora dei nostri sdoppiamenti interiori?Segnala il commento

Large default

caio bongiorno ha votato il racconto

Esordiente

Non ci guardiamo mai abbastanza. A farlo si esce da sè.....Ben raccontatoSegnala il commento

Aoh14gjrmag78hkjcqoaqnabg2burrwlxqbfnbsubad36q=s50?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Scrittore

Bravo Franco.Segnala il commento

Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Molto molto carino. Franco Gogol' non suona male ;) mi piace molto la scena finale con l'occhiolino.Segnala il commento

Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente

Molto bello...Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Franco 58

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee