Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Nato male

Pubblicato il 03/02/2021

Una lettera scritta negli anni cinquanta che racconta le difficoltà di un nuovo inizio, lontano dai propri affetti. Una partenza difficile, senza nulla, nemmeno un letto vero. Ma luoghi estranei possono diventare casa e nuovi incontri, inaspettati, possono diventare famiglia, oltre ogni pregiudizio.

55 Visualizzazioni
18 Voti

Carissima Adele,

perdonami se non ti ho scritto prima ma il mio arrivo è stato piuttosto travagliato. Il viaggio in treno è andato bene, un po’ lungo forse ma il libro che mi hai regalato è stato di grande compagnia. Per la prima volta ho capito quanto sia triste non avere nessuno che ti aspetti in stazione. Non mi ero mai soffermata ad osservare quante cose accadono alla fine di un binario. È così bello quando c’è qualcuno che ti abbraccia, che ti prende la valigia, che ti chiede come è andato il viaggio. Piccole cose che, lo ammetto, mi sono mancate. Complice forse anche la nostalgia di casa. Ci ho messo mesi a convincere tutta la famiglia che fosse la decisione migliore. Ma ora devo essere onesta con te, e prima ancora con me stessa: ho avuto paura. Tanta. Di quella paura che ti blocca le gambe. Però poi mi sono detta ad alta voce che era tutto a posto, che la vita è fatta di cambiamenti necessari. E ha funzionato. Trovare l’indirizzo che mi avevano dato non è stato difficile: le indicazioni erano piuttosto precise. E per fortuna la signora Maria era in casa. Mi ha dato le chiavi dell’appartamento, non prima ovviamente che le avessi messo in mano la busta con la mensilità pagata. Mi ha accompagnato riempiendomi di raccomandazioni su come tenere la casa per il periodo dell’affitto e di quanto fosse fastidioso questo “vai e vieni” continuo di persone in cerca di lavoro. Non una sola domanda di circostanza su come fosse andato il lungo viaggio di una ragazza di vent’anni, da sola. La stanchezza era tale che ero quasi felice di non dover fare conversazione. Era tardi e mi importava solo di andare a dormire. La signora Maria fece la rampa di scale con me e mi lasciò davanti all’ingresso di quella piccola casa di ringhiera. La ringraziai e lei se ne andò senza fare troppe cerimonie. Ero lì, con la mia modesta valigia, e non potevo immaginare cosa ci sarebbe stato dietro quella porta. Ebbene, cara Adele, non c’era niente. Una stanza vuota. Un piccolo fornelletto e niente di più. Non un letto, non una sedia, non un tavolo. Allora mi sono seduta a terra, mi sono presa un momento per fare un bel respiro e per riflettere sul da farsi ma non riuscii né a respirare né a pensare. Non riuscii a fare nulla. Se non piangere. Non potevo smettere, è stato come se qualcuno avesse tolto la sicura delle lacrime. E credimi, non pensavo di averne tante. La mattina dopo mi sono ritrovata stesa a terra, rannicchiata nel mio cappotto e con ancora addosso le scarpe. Il sole entrava dalle tende sottili e questo bastò a rincuorarmi. Così mi sono preparata e sono uscita. L’indomani avrei iniziato il lavoro da contabile alla fabbrica di scarpe, avevo bisogno di mangiare e di riposare per rendermi presentabile. Era giorno di mercato e c’era un gran fermento. Oh Adele, quanto sono belli i mercati! Sono l’anima di un paese, qualsiasi paese. Quei colori, quei profumi, quei rumori ti sussurrano che puoi trovare casa anche lontano da casa. Mi lasciavo trasportare tra le bancarelle di frutta, di tessuti, di pentole e di tappeti. Poi, ad un tratto, notai un ragazzo. Lo allontanavano come fosse un gatto randagio. Aveva lo sguardo di un bambino. Gli sorrisi. Dietro di me una voce familiare. Era la signora Maria. Ritenne opportuno avvertirmi di “stargli lontano perché quello era nato male, era tutto scemo”. Che “carina” pensai, ma non sarebbe stato meglio avvisarmi che la casa che mi stava affittando fosse priva persino di un letto? D’altra parte era tutto quello che potevo permettermi. Comunque la giornata trascorse tranquilla, con i soldi che mi ero portata da casa comprai delle coperte per preparare una sorta di giaciglio di fortuna, in attesa di capire come e dove acquistare un letto vero. Era sera e stavo preparando la cena con il piccolo fornelletto. I vestiti buoni per il giorno dopo erano pronti. Ad un tratto bussarono alla porta. Cosa vorrà adesso la signora Maria? Mi sono chiesta. Ma quando aprii la porta non mi trovai davanti nessuna signora Maria, bensì il ragazzo che avevo visto al mercato. Lo ammetto Adele, mi sono talmente spaventata che ho fatto un gran balzo all’indietro. E in quell’istante mi sono tornate in mente tutte le raccomandazioni mai ascoltate sul non dare confidenza agli estranei, sull’essere diffidente e, soprattutto, sul non aprire la porta di casa senza prima aver controllato chi fosse. Non sapevo cosa fare e pensai (sì, davvero) di urlare finché avessi avuto fiato in gola. Ma proprio mentre stavo per lanciare un bel grido possente vidi che il ragazzo aveva qualcosa con sé. Era una sedia. La lasciò sull’uscio, andò giù dalle scale e poco dopo tornò con un tavolo. Di nuovo tornò giù e ritornò con un materasso. Sì Adele, quel ragazzo con lo sguardo da bambino arredò per me una stanza vuota che, all’improvviso, divenne casa. Con una sedia impagliata male, un materasso vecchio e un tavolo con tre gambe. Avevo trovato un amico. E dire che era “tutto scemo”.

Logo
4934 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (18 voti)
Esordiente
14
Scrittore
4
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Una bella favola delle quali si ha sempre più bisognoSegnala il commento

Large foto del 15 09 21 alle 09.22  3.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

palu ha votato il racconto

Esordiente

Mi è piaciuto molto. Il linguaggio che usi mi ha immerso nell'epoca dell'ambientazione senza che sentissi la necessità di leggere la nota sotto il titolo, pregevole. La scelta epistolare sta benissimo in questa storia, contribuisce a inquadrare l'epoca (e rende trascurabili, giustificandole, anche imprecisioni di forma non cercate espressamente), anche se Adele non è connotata, compare solamente nel saluto iniziale. Grazie per la lettura, PaoloSegnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Ha il sapore di una quasi-fiaba, ma ne abbiamo bisogno.Segnala il commento

Large default

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20190702 wa0006  2  2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sonia A. ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20200126 162413.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Mauro Scremin ha votato il racconto

Esordiente
Large default

bambi ha votato il racconto

Esordiente

Bella lettera, dà proprio voglia di essere letta e di scoprire il seguito. Si interrompe in modo un po' brutale per una lettera, mi piacerebbe sapere se esiste un seguito! Correggerei però il passato remoto, la lettera comincia con il passato prossimo, che trovo più adeguato. Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large dante.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large e6d633db 8351 48bd a0bb e2763f662015.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

fedigloria ha votato il racconto

Scrittore

Bell’inizio. Mi sarebbe piaciuto scoprire il seguito (ma anche come abbia fatto il ragazzo sconosciuto a sapere di cosa avesse bisogno lei, appena arrivata in una città nuova). Rivedrei i tempi verbali, l’oscillazione tra passato prossimo e passato remoto stona...Segnala il commento

Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large pexels brett sayles 2896889.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zoyd Gravity ha votato il racconto

Esordiente
Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Una storia buona, viene tanta voglia di credere che sia realmente accaduta. Bello il linguaggio adattato al periodo.Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large default

di Nina Stein

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work