Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Niente di difficile

Pubblicato il 05/12/2021

26 Visualizzazioni
5 Voti

Non c'era niente di difficile o nascosto, nessun mistero, nessun tipo di sotto testo o qualcosa che andava spiegato, non c'era necessità di sondare da nessuna parte né nella sua storia passata né in ciò che avrebbe potuto influenzarla, non bisognava nemmeno spingersi in un'analisi minuziosa della psiche - la questione era ovvia e davvero semplice:

Era tutto finito, il tempo era scaduto e ormai da un bel pezzo.

Lo ammetteva lei stessa benché se non fosse necessario: si portava dietro un'aura pesate, rafferma, qualcosa che se avesse avuto un odore sarebbe stato forse di aria viziata, polvere e naftalina e se si fosse davvero potuto vedere sarebbe stato un effetto seppia o più precisamente di una copertina di un libro sbiadita dal sole a tal punto da essere ormai praticamente bianca.

Tutti lo percepivano e lei non lo negava, e non tentava di nasconderlo.

Da suo canto avrebbe voluto solamente piangere per cinque anni di seguito ma non ne aveva il coraggio e per questo - persino nelle scelte che avrebbe potuto prendere a pena ormai certa - si era ritrovata nello stesso circolo vizioso che la aveva condannata. Percorreva in cerchio tornando sempre al punto di partenza un labirinto che non aveva né pareti né percorso e la cui unica vera uscita la avrebbe trovata smettendo di muoversi, stando ferma - cosa che non si sarebbe mai permessa.

Logo
1348 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (5 voti)
Esordiente
4
Scrittore
1
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large 35546859 683587435316843 3447866515343278080 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Novalis ha votato il racconto

Esordiente
Large dante.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente
Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

A me è piaciuto molto, una scrittura bella che arriva bene (ti segnalo solo un benché se). Però lascia sospesi, ecco. Lo vedrei bene come un incipit, secondo me sarebbe ottimo.Segnala il commento

Large messaggio dell imperatore d2edb2ba d29c 49af bf26 49f968c048a9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Aoh14gjaydde0xx0klmdn8xav1mkmg25dbcq0nyke6jl=s96 c?sz=200

Signor Fabiani ha votato il racconto

Esordiente
Editor

La narrativa narra la storia di un personaggio (che deve essere chiaro al lettore) in un determinato luogo (che deve essere chiaro al lettore) con un determinato scopo (che deve essere chiaro a lettore). Qui non si capisce né chi sia il personaggio né in quale luogo si trovi né quale sia il suo scopo. Quindi questa non è narrativa. Poi può piacere o non piacere (a me, a esempio, non piace, ma questo è irrilevante) ma il punto è che sicuramente non è narrativa. Nota a margine: l’errore più frequente in chi scrive è “vedere nel testo quello che non c’è”: tu, sicuramente, sai tantissime cose di questo personaggio per noi indefinito, e quando rileggi il testo – inconsciamente – lo arricchisci di tutte le informazioni in tuo possesso, lo colori con tutto ciò che sai. Ma per chi legge esiste solo quel che sta scritto sulla pagina e quel che – se sei bravo – sei riuscito a far immaginare spontaneamente al lettore senza dirlo. Qui, purtroppo, manca tutta la seconda parte (la partecipazione del lettore al processo immaginativo) perché la prima è davvero troppo povera di dettagli concreti. Segnala il commento

Large img 20200526 113514 766.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Ma Chi?

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work