Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Avventura

NOI SIAMO GLI INVINCIBILI! Capitolo 1

Pubblicato il 01/08/2020

Il primo breve capitolo dell'opera "Noi Siamo Gli Invincibili!". Un inizio in Medias Res che ci porta in mezzo ad un campo di battaglia, dove un emblematico uomo si trova circondato...

23 Visualizzazioni
6 Voti

“NOI SIAMO GLI INVINCIBILI!" Capitolo 1 “Non è ancora finita” Spesso ci immaginiamo la natura come un’entità che prova empatia per gli esseri umani. Siamo abituati alle storie in cui durante i funerali piove sempre ed ogni nuovo inizio è sempre accompagnato da un luminoso mattino. Ma non è di certo sempre così, la natura ha spesso affari più importanti di cui occuparsi che seguire le vicende di una così piccola parte del creato. Infatti, in una piccola valle nella grande nazione degli stati d’oro, un piacevole vento ed un rassicurante sole assistevano ad uno scenario tutt’altro che rilassante. Un nero cappotto aperto avvolgeva il corpo ferito di un giovane soldato. Egli guardava con occhi spalancati davanti a sé, incredulo di trovarsi in una situazione tanto spiacevole. Dovunque guardasse egli era totalmente circondato, un’intera armata era infatti pronta, all’ordine del generale, ad assalirlo. I suoi alleati osservavano la scena da lontano, stavano combattendo contro le forze avversarie ed era impossibile per loro raggiungere il loro sventurato compagno. In un mare di rimorsi e malinconia cercavano quindi senza risultati di liberarsi dei diversi soldati che li tenevano occupati, ma i loro sguardi disperatamente abbattuti erano gli unici a raggiungere il solitario uomo. Si chiamava Francis Eltrik, generale dell’esercito “senza nome”, come egli stesso aveva deciso di nominarlo. Era un uomo di circa trent’anni, di statura media, ed era famoso per avere degli occhi ed una bocca davvero grandi, capaci di incutere terrore e amore con la stessa facilità. Era un buon soldato, Tra le fila dell’esercito ricopriva il ruolo di spadaccino e chiunque riconosceva le sue capacità in battaglia. Odiava però combattere senza motivo, la considerava una perdita di tempo, era inoltre notoriamente una persona estremamente gentile anche se distaccata. Ma non sarebbe stata la sua reputazione a salvarlo quel pomeriggio, egli era infatti perfettamente consapevole delle sue condizioni. Il suo corpo era ricoperto di lividi e ferite ed era ormai chiaro che il soldato dal viso stanco non sarebbe potuto sfuggire al tempo ancora per molto. Il generale dell’esercito avversario si avvicinò quindi lasciando dietro di sé i suoi uomini. Era buona usanza permettere al capo di una fazione di pronunciare le proprie ultime parole, prima di procedere a porre fine alla sua vita. La morte di Francis avrebbe portato all’inizio di una nuova era, perciò diversi uomini filmavano la battaglia ed erano pronti a trasmettere questo avvenimento a tutto il mondo. Francis allora guardò negli occhi il biondo e muscoloso generale avversario e cambiando totalmente sguardo in un istante sussurrò: “Non è ancora finita”. Ma chi era veramente costui? Con quale coraggio affermava che non era ancora finita una battaglia che lo vedeva totalmente allo sbando? E come era finito in una situazione tanto ostica? 

(Sig.Cherry)

Logo
2908 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (6 voti)
Esordiente
4
Scrittore
2
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 20200507 110711.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Elkele ha votato il racconto

Esordiente

Mi è piaciuto l'inizio e penso che dai informazioni rimanendo asciutto e con uno stile piacevole. Ora... mi raccomando pubblica e rimani nel tuo... ti avrei dato più voti ma non premio l'attesa al massimo la suspance. Credo che sei bravo, attendo con fiducia, saluti! Segnala il commento

Large default

esteban espiga ha votato il racconto

Scrittore
Editor

benvenuto. se volevi portarci nel mezzo di una battaglia, temo non ci sia riuscito. io vedo soltanto l'autore del racconto al centro della scena che declama, declama e declama. mi aspettavo clangore, sangue, paura. a volte bisogna fate un passo indietro e lasciare il megafono in garage: show, don't tell.Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Esordiente

Prima l'immancabile benvenuto su Typee, poi qualcosa che non credo ti "renderà lieto" come hai scritto nella biografia. Sono un'imbrattacarte con tanta passione e scarsa tecnica, quindi t'invito a leggere quello che Baccomo mi ha consigliato in "Spicchi d'arancia". Ti prego non votarlo. Leggi solo il commento e fanne tesoroSegnala il commento

Large default

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large foto0001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200801 002219.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Sig.Cherry

Esordiente