Riprendo note pasticciate e sciatte,

mi prendo cura di tesori e orrori.

Non vedo l'ora di scaldare

il letto: in questo stretto

lembo di invisibilità,

rimesterò catrame

nell’alveo spugnoso di un sogno.