Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Umoristico

Nuoce gravemente alla salute

Pubblicato il 17/11/2020

Omicidio gratuito dopo una cena di nozze

27 Visualizzazioni
11 Voti

Quando la botta è arrivata non ho sentito male. Un colpo secco, come quando sbatti la capoccia contro una trave in soffitta cercando un attrezzo che sai essere proprio lì ad aspettarti, in agguato con la sua complice messa di traverso, per ricordarti di chinare la testa nella vita. Oppure quando ti alzi di scatto e colpisci con la nuca il cofano dell’auto mentre stai frugando nel motore per capire perché non si mette in moto e tu non realizzi che ti sta facendo un favore a non farti partire. Peggio ancora in piscina quando, dopo esserti fatto una trentina di vasche, scivoli uscendo dalla doccia perché un cretino ha lasciato sulle piastrelle bagnate una scia di bagno schiuma (ben sapendo che ne è proibito l’uso) e tu stramazzi da dietro colpendo il suolo prima con il coccige e poi con l’occipite. Così arrivano tutti a soccorrerti chiedendoti se ti sei fatto male e a te viene da dire “no, no, volevo farmi un’ultima vasca a dorso tra le docce”.

Questa volta non me l’hanno chiesto. Nel senso che sì, sono accorsi, ma mettendosi le mani nei capelli, coprendosi la bocca e scappando via senza parlarmi; primo perché il danno era evidente, secondo perché erano certi che non potessi udirli. No, non ho sentito dolore. L’urto contro il corpo tagliente e contundente si è manifestato con un “toc” violento e sordo. Imparabile. L’ho sentito con l’osso, intendo quello del cranio, non con le orecchie.

Quando ho incominciato a vedere tutto dall’alto non ho neanche provato risentimento per Alfonso. Osservavo il suo sguardo perso, non saprei dire se veramente cosciente della gravità del disastro che aveva combinato, e mi veniva quasi voglia di consolarlo dicendogli “vabbè, ormai è fatta”. Piuttosto m’infastidivano le urla di mia cognata e l’inutile correre avanti e indietro di suo marito. D’altra parte che cosa potevano fare? Sono sempre stati due poveretti, anche se non potevo certo dirglielo.

Non ero arrabbiato con Alfonso, o meglio, al punto in cui ero arrivato, non lo ero più. E il nostro alterco di poco prima mi sembrava come tutti i litigi: una perdita di tempo.

Gli invitati erano già saliti sull’autobus a noleggio che li avrebbe riportati in albergo. Mia moglie aveva preso la macchina per accompagnare i due sposini ed era già andata via con loro. C’erano ancora, che so, cinque o sei persone oltre a me.

Alfonso è un bravo ristoratore. Per la cena di nozze aveva fatto veramente un bel lavoro con la sua équipe e tutti gli ospiti erano venuti a complimentarsi con gli sposi per la scelta del locale. Poi non so che cosa gli abbia preso. Anche se ci fosse stato un disguido nei conti si poteva arrangiare tutto l’indomani. Invece mi chiama in disparte con un tono impermalito dicendomi che gli devo ancora 104 Euro. “Dai Alfonso, ti sembra questo il momento?” gli dico, ma lui insiste facendo vaghe allusioni, come se fossi io quello che vuole fregarlo a bella posta. Ora so che non lo voleva dire e so anche che in quel preciso momento io avrei dovuto mordermi la lingua invece di prenderla di petto. Succede sempre così, ci s’incaponisce su delle sciocchezze prendendo a pretesto le famose questioni di principio. Io lo sapevo da prima che Alfonso è della stessa pasta dei miei cognati: è un idiota… Avrei solo dovuto ricordarmelo, ma anch’io quando mi ci metto sono una bella testa di cazzo. Così l’ho provocato con un po’ di cattiveria dicendogli “Allora forza, tira fuori '

sti conti e vediamo”, e lui aveva già lì pronto un foglio battuto a macchina con tutte le voci ben dettagliate, sub-totali, acconti e totali. “Lo vedi?”, inveisce, “Lo vedi qui?”, puntando l’indice sulla parte inferiore del foglio, “La differenza fa 104! C’è scritto, è evidente”.

Io gli strappo il foglio di mano, guardo, controllo… e poi mi metto a ridere. “Sei un emerito imbecille, Alfonso, questo è un saldo a credito. Te l’avevo detto di scalarlo dalla nota dei musicisti. Ricordi?”

Ma quello niente, continua a insistere. “Anche se a scuola eri più bravo di me, guarda che non sono un cretino!”, mi apostrofa, e a me viene da rispondergli che solo la prima parte della proposizione è vera e che nella seconda manca il soggetto. Lui s’incazza ancora di più ed io finisco per dirgli: “Tu non sei solo ignorante, sei proprio scemo!”

La più grande differenza tra prima e adesso, voglio dire dopo che Alfonso mi ha piantato una mannaia nel cervello (ed è stato anche scortese perché mi ha colpito alle spalle), è che prima non mi capacitavo di come fosse possibile che di punto in bianco la gente si mettesse ad ammazzare il suo prossimo. Che poi spesso sono appunto amici e parenti e uno rimane interdetto quando il giornale parla di raptus mentre il giudice evoca i futili motivi. Non sai più a chi credere.

Chissà cosa scriveranno, sui quotidiani o in tribunale, riguardo al mio omicidio. Mi piacerebbe tornare solo per dire a tutti che la stupidità è come il fumo.

Logo
4868 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (11 voti)
Esordiente
7
Scrittore
4
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large 20210114 141221.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large drouk12176 rectangle.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

[K] ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1919.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large foto0001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Aoh14gjaydde0xx0klmdn8xav1mkmg25dbcq0nyke6jl=s50?sz=200

Signor Fabiani ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Perdonami, è più forte di me: “ … sono accorsi, ma mettendosi le mani nei capelli, coprendosi la bocca e scappando via”. Tu ci riesci a fare questa cosa? Accorri e – simultaneamente – mettiti le mani nei capelli, copriti la bocca e scappa via. Tu vuoi dare dinamicità alla scena, e la infarcisci di gerundi, senza renderti conto che nel mondo della pagina viene creata una situazione impossibile nel mondo reale. E non dire: “ma no, uno aveva le mani nei capelli e un altro si copriva la bocca”, perché la tua frase non dice questo. E se pure volessimo prendere per buona questa interpretazione (però, ti ripeto, la tua frase non dice questo), l’irrealtà rimane: tu hai mai visto qualcuno correre con le mani nei capelli o sulla bocca? No. Prima si corre, e poi, arrivati sul posto, ci si mettono le mani sui capelli o sulla bocca. Sai perché scrivi così? Perché non visualizzi quel che scrivi. Curioso, però, perché quando leggi invece lo fai. Accetta un consiglio. Prima di scrivere di una signora intenta a pulire il bagno, fai una cosa: afferra una mazza, vai in bagno, versa il detersivo in una bacinella, riempila d’acqua, infila lo straccio, prendilo, strizzalo, lancialo sul pavimento, e dai qualche colpo di mazza su e giù. E poi torna a scrivere della signora che pulisce il bagno. Il miglioramento sarà istantaneo.Segnala il commento

Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore
Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il Verte ha votato il racconto

Scrittore

Gran bel soggetto Qua e là alcuni passaggi forse da sistemare per valorizzarlo Segnala il commento

Large default

di aldoviano

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Bellevillemilano logo typee
Bellevilleonline logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee