Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Old Bar Blues

Pubblicato il 29/11/2020

Vidi l'insegna al neon azzurro e decisi di entrare, per scappare dal freddo e da me stesso...

64 Visualizzazioni
19 Voti

Ehi, amico. Non ti accasciare sul bancone così, sarai mica già ubriaco?


Mi spiace. Non sei l’unico. Che ti do da bere?


L’abbiamo finito il whisky. Ti va dello scotch? Riscalda che è una meraviglia, fidati di un vecchio barista.


Il pianoforte? No, amico. Non lo suona più nessuno. Lo lascio lì, nel caso si facesse vivo qualche talento.


Sì, qualche talento. Qualunque spaventapasseri che passa da questo bar a farsi un goccetto può nasconderne uno.


Non dirmi che non ci credi, amico. Io credo nel talento, soprattutto credo nel fatto che si nasconda. Mica lo trovi dove ti aspetti.


Ti dico solo una cosa. Tengo sempre due sgabelli al pianoforte per non dimenticarmi che questo bar è stato testimone del più grande talento mai vissuto in questo buco di città.


Sto parlando dei gemelli G. Erano due scriccioli quando sono venuti qui da soli la prima sera. Si sono messi a strimpellare quel pianoforte e allontanavano i clienti, così li cacciavo via, ma ritornavano di soppiatto ogni volta. Amavano quel maledetto coso – mica ce l’avevano un pianoforte, a casa. Venivano sempre insieme nel pomeriggio e si esercitavano, io preparavo tutto per la sera e loro intanto suonavano e stonavano. E pian piano hanno smesso di stonare e suonavano bene. C’è voluto poco, in realtà. Nel giro di un anno il bar era pieno zeppo grazie alla loro musica. Questo, amico, è talento.


Ma che spartito. Imparavano con quello che sentivano alla radio. Gli piaceva il blues, il rock, queste cose qui. E per lo più se le inventavano al momento, insieme, e non ripetevano mai niente.


Lo so che non mi credi, sembra una storiella campata per aria da un barista in pensione. Te li presenterei volentieri, ma è da un bel pezzo che non si fanno vivi. Né l’uno, né l’altro.


No, non credo siano diventati famosi. Negli anni ne hanno suonate di diavolerie magnifiche, ma non sapevano mica scriverle. So solo che hanno litigato e non sono più venuti. Gli volevo bene come alle mie bambine – anche loro sono donne ora, per la miseria. Alla fine, io ero una sorta di genitore per loro, dopo che quel delinquente di padre che si ritrovavano li ha quasi ammazzati.


Brutta storia. Un ubriacone e violento, il signor G. Per fortuna non se la sono vista brutta, poi, vivevano con la zia. Ma quella stava sempre fuori casa, e loro pure, perché erano sempre qui. A pensarli adulti, ora, mi si spezza il cuore.


Erano in gamba, sicuramente avranno un lavoro, mogli, figli. Ma non credo che suonino più. Anzi, ne sono certo.


Perché, amico mio, se fossero ancora uniti, verrebbero qui. A suonare su quel pianoforte con cui sono cresciuti. Ci potrei giocare il bar. E se non si parlano più – t’ho già detto che sono sicuro – non suonano neanche più, neanche da soli. Sì, fuma pure, amico.


Sicuro come la morte, amico. Ora sono solo due uomini che passavano le serate qua, animando un po’ la gentaglia mezza morta. Ci scommetto i baffi che i gemelli G. non suonano e non sono più neanche fratelli. Sono sconosciuti che si somigliano e si sentono incompleti. Ancora scotch?


Oh, ma non ci arrivi? È ovvio che non suonano più. Hanno sempre suonato insieme, come un'unica persona con quattro mani. Mi dici come farebbero ora da soli? Suonavano bene solo uno a fianco all’altro – dovevi vederli. L’avevano visto in TV, quando ancora avevano la TV in casa, prima che il padre la distruggesse con una mazza da baseball. Me l’aveva raccontato Thomas – quello più rompipalle.


L’altro si chiamava Johnny. Non parlava, lui, ma anche se erano diversi c’era fra loro una complicità unica. E questo lo sentivi con le orecchie e con l’anima. Ti bastava passare di qua, per la strada, che la musica ti pescava come una rete. Tutti entravano e mi chiedevano che serata c’era, chi era il musicista, e poi rimanevano di sasso quando vedevano due ragazzotti spettinati e vestiti di jeans al pianoforte.


Chi lo sa, io so solo che da lì ho iniziato a credere nel talento innato. E loro erano legati da questo talento, amico. Non erano solo gemelli. Poi, come al solito, è arrivata una donna a rovinare tutto.


Sì, innamorati della stessa ragazza. Puoi crederci? Così ironico.


Ah, non so come sia andata, ma è stato l’inizio della fine. Hanno litigato di brutto, me lo ricordo – quanti vetri rotti ho raccolto da terra quella notte.


Non sono mica tutti santi, che perdonano chi li accoltella alle spalle. Loro sicuramente non sono cresciuti su dei santi, ne hanno fatti di casini, ma mi piange il cuore a pensare che una volta su quei due sgabelli al pianoforte si sedevano insieme, neanche ci arrivavano coi piedi per terra, e facevano qualcosa che nessuno aveva mai fatto. Non è rimasto più niente, se non due sgabelli e tanti bei ricordi.

Logo
4662 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (19 voti)
Esordiente
14
Scrittore
4
Autore
0
Scuola
1
Belleville
0

Voti della scuola

Large default

Redazione ha votato il racconto

Scuola

Cara Teresa David, il tuo racconto è stato commentato da Cristina Marconi per la rubrica "La scrittrice che legge". Guarda il video su BellevilleNews.Segnala il commento

Commenti degli utenti

Large untitled.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Matteo Sanzi ha votato il racconto

Esordiente

Atmosfera da vecchio film americano, mi ha catturato. 10/10 per la costruzione del "dialogo", il non detto dell'interlocutore nascosto fa più di mille battuteSegnala il commento

Large img 1431.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore

Apprezzo sempre le storie dentro le storie, e questa, nella conversazione da bar un po' strampalata con il bicchiere di whisky e con studiate ripetizioni, risulta naturale e credibileSegnala il commento

Large 20210125 150118.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franz De Marenziana ha votato il racconto

Esordiente
Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200920 194014 973.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giulia Annecca ha votato il racconto

Esordiente

Trovo bellissima la costruzione della storia e delle identità dei personaggi in itinere, tramite i ricordi e le parole, come se si stesse proiettando sul muro una scena mentre i due si scambiano le loro memorie al bar. Registro stilistico muy convincente, perché è la conversazione che si potrebbe origliare al bancone di un buco alcolico degli USA. Unico appunto: compatterei il testo, così da dargli un unico ritmo.Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Bel monologo, ben scritto. Piaciuto molto.Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Un monologo che cattura. Personaggi invisibili eppure ben tracciati. Brava. Segnala il commento

Large forrestgump.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Jean per Jean ha votato il racconto

Scrittore
Large 13 34 51 v2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Scrittore
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large elvi vento.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ellan ha votato il racconto

Esordiente

Bello. Mi è piaciuto il soggetto e il modo di presentare il dialogo.Segnala il commento

Large 70628358 189111868760977 7202426436156653568 n  2 .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Luciano Rossi ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20180921 150726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Francesco Scarciolla ha votato il racconto

Esordiente

Bello!Segnala il commento

Large 49199479 758130297888306 1334725198208827392 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210427 022249.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large 138319914 3587147738030116 1524317747080685121 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

nadelwrites ha votato il racconto

Scrittore

Una storia interessante. È un dialogo, più che altro. E io avrei racchiuso le battute tra i segni consoni (virgolette, per esempio). Scrivi di cose che io adoro leggere, e per questo voglio leggere altro di te. Continua così, che vai forte.Segnala il commento

Large dc42dfb1 a835 4ff4 acc5 0abd016c059f.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Teresa David

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee