leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

ConcorsiIL TITOLO E ALTRI RACCONTI

Polissea

Pubblicato il 17/05/2018

Breve guida per viaggiatori

14 Visualizzazioni
3 Voti

- Ho vissuto troppo lentamente - sorrise stringendosi nelle spalle Marco Polo - e viaggiato troppo poco per capire una città moderna.

- È l’altezza di chi la guarda steso uno dietro l’altro - gli disse Italo Calvino - che dà a Milano la sua essenza.

I milanesi milanesi, quelli che vivono a Milano centro, sono tutti ben vestiti. In media sono alti 1 metro e 75 centimetri e se si stendessero uno dietro l’altro, dai piedi alla testa, misurerebbero 3 chilometri. Pure i toscani, che vivono a Milano, sono tutti ben vestiti ma non arrivano al chilometro. I napoletani invece, che in media sono alti 1 metro e 70 centimetri, tutti stesi uno dietro l’altro misurerebbero 4 chilometri e 500 metri. Di Milano si dice che non ci siano più milanesi milanesi perché a partire dagli anni '50 10 chilometri di napoletani sono saliti su 120 chilometri di vagoni. Altri dicono che i milanesi milanesi non siano mai davvero esistiti e che una corporazione di architetti per popolare la città ormai già in piedi e comprensiva di palazzi teatri musei stadi bar e quanto serve abbia calcolato quanto costassero al chilometro quadrato quelli che cercavano una nuova vita o quelli che volevano dimenticare quella vecchia perché un loro zio che c’era stato aveva detto che lì c’è la nebbia e non si vede e nessuno fa domande. I cinesi invece sono chilometri più recenti. I cinesi che vivono a Milano in media sono alti 1 metro e 66 centimetri ma stesi uno dietro l’altro fanno 20 chilometri. Si dice che per ogni chilometro di cinesi ci siano 10 miliardi di chicchi di riso e che i milanesi milanesi abbiano calcolato di quanti cinesi ci sia bisogno a Milano per mangiare un buon sushi a prezzi ragionevoli il fine settimana. E i calabresi e i siciliani stesi uno dietro l’altro fanno insieme 18 chilometri, 9 chilometri a testa, e a partire dagli anni '50 ne sono partiti 35 chilometri e sono saliti su 480 chilometri di vagoni perché dicono che Cristo non aveva il biglietto e perciò il controllore l’aveva fatto scendere a Eboli, dov’è rimasto, e gli aveva fatto una multa di 30 denari. Si dice che i napoletani abbiano inventato la pizza e i milanesi la cotoletta ma che la pizza renda più felici delle fajitas o del couscous o di un pad thai, tutti cibi che appartengono a chilometri di popoli che a Milano si trovano in abbondanza. Invece di quelli che vengono dal deserto si dice che in media siano alti 1 metro e 76 centimetri e che stesi uno dietro l’altro misurerebbero 6 chilometri e che hanno viaggiato per 960 chilometri ma pare che qualche chilometro di loro sia annegato nel Mar Mediterraneo. Alcuni dicono che i milanesi milanesi non esistono perché non hanno una loro lingua. Perlopiù si pensa che esistano e che accadano cose straordinarie la sera nei fine settimana e che la loro lingua sia la migliore perché parlano solo l’italiano e sanno conversare e usare il congiuntivo con il condizionale e ci sanno fare con le donne e lavorano più sodo e per più ore e sono puntuali. I napoletani invece dicono che quando da loro l’omosessualità era già cosa buona e giusta i milanesi milanesi nemmeno li aveva pensati Dio e nemmeno la nebbia esisteva ancora lì a quel tempo e che loro sono uomini d’amore perché preferiscono farsi il bagno e danno del voi mentre i milanesi milanesi sono presuntuosi, danno del lei, sono uomini di libertà e preferiscono fare la doccia perché vanno sempre di fretta e non si godono la vita. Tutti e due però sono d’accordo che quelli che vengono dal deserto dovrebbero tornarsene nel deserto e che solo i cinesi vanno bene perché non fanno mai mancare sigarette, gioco del lotto e schermi nuovi ai cellulari e perché ci sono già troppi chilometri di italiani italiani e cinesi milanesi stesi uno dietro l’altro lì a Milano e che poi non si capisce quello che dicono quando stuprano una donna o quando vendono rose e hashish e che se proprio vogliono farlo almeno dovrebbero mostrare la cortesia di imparare la lingua, gli usi e i costumi o almeno darsi da fare come i cinesi. Quelli che vengono dal deserto a loro volta dicono che anche agli italiani italiani e ai cinesi milanesi non si capisce proprio bene quello che dicono quando stuprano una donna o quando più semplicemente parlano e quindi a tutti e quattro è sempre sorto il dubbio che forse sono le donne di Milano a non capire quello che dicono quei quattro. Le donne di Milano, che in media sono alte 1 metro e 65 centimetri e stese una dietro l’altra fanno 35 chilometri, invece dicono che non capiscono quello che dicono le altre donne di Milano figurarsi quelli che vengono dal deserto o i milanesi milanesi o i meridionali che vivono a Milano o i cinesi milanesi e anche tutti gli uomini di Milano dicono che non capiscono quello che dicono tutte le donne di Milano cosicché lì nessuno sa chi è, tutti sono tutto e nessuno si capisce e mangiare amare o domandare da quale parte si deve andare per andare dove si deve andare è un problema serio.

Logo
4933 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (3 voti)
Esordiente
3
Scrittore
0
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Marco Fabbrini ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Angiolins ha votato il racconto

Esordiente

Bella scrittuaSegnala il commento

Large default

dido22 ha votato il racconto

Esordiente

Mi piace questa comicità.Segnala il commento

Large img 9235.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Carlo Di Giovanni

Esordiente