Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Prima domenica d'autunno

Pubblicato il 28/09/2020

Una ragazza affronta un trasloco matto e disperato che la porta a detestare i suoi vicini, nonché affittuari, nel quartiere Tortona di Milano. Ma un suono domenicale rimette in gioco il suo sentimento delle cose.

49 Visualizzazioni
12 Voti

Iper gentili ipo ridenti le avevano affittato la casa affianco alla loro, con i terrazzi comunicanti, lasciandogliela in condizioni peggiori della discarica di una favelas. Li aveva giudicati per un'intera settimana come falsi, opportunisti e mediocri ed era stato facile. Detestare non è mai un'impresa titanica. Ma poi di domenica, dopo quei sette giorni assurdi, ecco che dopo pranzo - avevano invitato gente, lei li aveva sentiti mentre pelava le patate - iniziarono a suonare la fisarmonica.

Cercava di essere indifferente e quando si insinuava un po' di tenerezza in quel proponimento duro di distacco lei tentava di tornare indietro a qualche giorno prima, provava a figurarseli come mostri. La feriva la consapevolezza della sua distorsione personalissima dei fatti: la prospettiva che ora cedeva e glieli mostrava come semplici persone con difetti. No, questo poi. Difetti un corno. Scorrettezze, ecco, scorrettezze. 

E mentre correggeva il tiro la fisarmonica, che si era interrotta poco prima, riprese a distendersi in quella prima domenica d'ottobre milanese, fredda col sole. Come si permettevano di disarmarla così? Perché in fondo ciò che più sempre le dispiaceva era aver speso una gran quantità di tempo a covare una passione che poi, dopo, si rivelava inutile. 

La rabbia ora evaporava con l'acqua di scolo delle patate lesse e andava a formare una patina evanescente sui mobili nella stanza, un giro di palpebre e già non la si trovava più. Un patema d'animo effimero, stando ai fatti. Quindi era impossibile provare sentimenti duraturi? Tutto si risolveva in trascoloramento emotivo dall'acuto al piatto? Perciò la vita, in genere - e mentre pensava questo si appoggiava al frigo, vicino al muro da cui arrivava meglio il suono - la vita era questa deca dance di avvenimenti emotivi nell'attesa che si presentasse qualcosa che non si disperdeva, fosse anche solo dolore, purché vero. Non sapeva cosa restasse di tutto quello sconvolgimento interiore, cosa attaccasse le sue cavità. Come se avesse bisogno che tutta quell'acqua non evaporasse e facesse, invece, condensa e muffa fermandosi al soffitto. Non poteva permettere che anche la vitalità della scorsa settimana, fosse pure l'odio, si dileguasse così, stavolta al primo accenno di musica. Allora si rifissò sui ricordi recenti degli ultimi giorni, sulla polvere e la sporcizia e lo schifo che aveva dovuto pulire via. Non era giusto che ora loro festeggiassero quando lei, lontana da casa, senza alcun aiuto se non telefonico di supporto, aveva affrontato il lavoro di un'impresa di pulizie. 

Questo, lo scotto subito, la ristorò momentaneamente nell'ira. Ma ripresero la fisarmonica e lei poteva immaginare il dondolio delle gambe, le braccia larghe ad accogliere lo strumento, una persona di spalle sullo sgabello e un coro, chi col bicchiere in mano, chi fumando, tutti ridendo, intorno. E quella melodia - dio che palle, perché? - era uguale identica precisa sputata a quella della fisarmonica del signore vicino casa, al suo paese, che suonava solo di domenica. Era morto da qualche anno, ma la domenica aveva sempre un suono ovunque lei fosse e sempre le arrivava come il suono di una fisarmonica. Perciò ora, lì, loro, su una terrazza a Tortona: uno sparo inatteso d'infanzia.

Uscì sul terrazzo ad ascoltare.

Logo
3287 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (12 voti)
Esordiente
11
Scrittore
1
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

baccaja ha votato il racconto

Esordiente
Large screenshot 20220305 114205.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Verde ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210422 011503.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large ll mare dei surrealisti.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Aedftp7jbkjrsipb b ar0nhery2ojfrxjcumirx64e1=s96 c?sz=200

Isabella Ross ha votato il racconto

Esordiente
Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Mi piace moltissimo il tuo modo di scrivere. Avevi a disposizione molte altre battute, forse avresti potuto far succedere qualcosa, far intervenire qualcuno: le considerazioni della protagonista non pesano, ma certo starebbero meglio in un racconto lungo, o in un romanzo. Ecco, questo sarebbe un bell'incipit.Segnala il commento

Large screenshot 20221107 000309 samsung internet.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large mataresestefania2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Stefania Matarese ha votato il racconto

Scrittore

Belle immagini! E comprendo quella sensazione che a volte ci prende di "voler essere arrabbiati", anche se poi, quando mi lascio andare alla vita, sto meglio.Segnala il commento

Large default

eyepizzapie ha votato il racconto

Esordiente

Mi sembra che Romanzo Modernista al Cinenight tu l'abbia scritto con un po' più di attenzione. Qui a volte la penna scappa via, se me lo concedi. Il tema trattato - sfruttando un soggetto molto efficace - me l'ha fatto tuttavia preferire. "...una patina evanescente sui mobili nella stanza, un giro di palpebre e già non la si trovava più" molto bravaSegnala il commento

Large img 20200920 194014 973.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Giulia Annecca

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work