Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Noir

Quando l’Uomo Nero incontrò Teddy bear

Di palu
Pubblicato il 23/09/2021

Il genere è in onore del personaggio, più che altro

23 Visualizzazioni
14 Voti

L’Uomo Nero arrivò, com’era aduso, nel cuore della notte.

E come di consueto, la casa era silenziosa, immersa nella coltre piombigna del sonno.

Si diresse con sicurezza verso la stanza del piccolo Ernesto, ché nel buio pesto era a suo agio più che alla luce del giorno, grazie anche a un sonar da pipistrello che in tempo reale proponeva nel suo cervello una mappa dell’ambiente.

Il suo abbigliamento era costituito da una tuta nera aderente, un cappuccio pure nero con piccole fessure per gli occhi, guanti neri, e speciali scarponcini tattici, ovviamente neri, dotati di una suola vellutata particolarmente adatta per muoversi su qualsiasi superficie senza fare il minimo rumore.

Visto alla luce sembrava un deficiente, anche per via di qualche chilo di troppo dovuto a un amore per i canederli con la birra scura, una passione che gli conferiva una sagoma tipo quella di un merlo, data la magrezza delle sue gambe. Ma era nell’oscurità che esprimeva la sua capacità di provocare terrore e, peggio che mai, di insinuarsi nei sogni degli sventurati bambini paurosi, oggetto delle sue attenzioni.

Entrò nella cameretta con l’intento di seguire la procedura, ossia di infilarsi sotto al letto, ma dopo un solo passo urtò dolorosamente qualcosa all’altezza dei garretti.

«Ahia, vacca porca che male!» Esclamò. Fortunatamente, Ernestino dormiva della grossa e lo rassicurò sapere che gli adulti non potevano sentirlo né vederlo.

Un dolore acuto dalla tibia s’irradiava, come accade come quando si picchiano le ossa malamente. Stava pensando: cosa diavolo c’è qui che non ho visto… e nemmeno il sonar mi ha segnalato! quando una voce lo fece sobbalzare.

«E che è ‘sto casino! possibile che non si possa dormire in pace?»

Lo sguardo dell’Uomo Nero cadde in basso, accanto al comò, e vide che un cassetto era aperto ecco lo spigolo dove ho battuto la gamba. Nel cassetto, adagiato tra i maglioncini del piccolo, c’era un orsacchiotto che lo fissava con uno sguardo torvo, complice anche un occhio che gli avevano quasi cavato.

«E tu chi accidente sei?» domandò il Nero un po’ seccato.

«Sono Teddy l’orsetto, ma piuttosto chi sei tu? visto che io vivo qui e non t’ho mai visto»

«È una lunga storia…» stava iniziando a rispondere l’uomo quando si bloccò «ma perché mai dovrei parlare con un pupazzo, e poi come fai a sentirmi… mi vedi anche, magari»

«Certo, ti vedo e ti sento benissimo, anzi, non sbraitare ché il pupo dorme»

«Va bene» disse il cupo figuro, abbassando la voce, «ma tu sei solo uno stupido peluche, mica sei animato, com’è che parli?»

«Piano con le parole. E se proprio vogliamo vedere, tu non esisti: eppure, eccoci qui a discutere». Sentenziò Teddy bear, con un certo sarcasmo ursino.

L’uomo Nero, rimase attonito un istante, poi replicò: «Come sarebbe che non esisto? Sono l’Uomo Nero…»

«Sì, vabbè» l’interruppe l’orso «ma non è che esisti davvero, sei un’invenzione della fantasia, o per meglio dire, della psiche infantile, la stessa che da vita a me per capirci. Con la differenza che io, per lo meno, un corpo ce l’ho, tu neanche quello»

«D’accordo, ammettiamo pure che sia così, resta il fatto che adesso sono qui e ho intenzione di fare il mio mestiere, hai forse qualcosa in contrario?»

L’orso tentò di grattarsi il capo, ma gli avevano fatto le braccia corte e non riusciva a darsi soddisfazione. Poi, sempre guardando il nuovo venuto disse: «in effetti io sarei buono di indole, se vogliamo, sono una compagnia, ma se devo essere onesto questo bambino non mi è troppo simpatico: intanto è un piagnone, mette giù certe tragedie che non ti dico, e poi anche con me non è che si comporti proprio bene, non so se hai notato dove mi mette a dormire?»

«Be’ sì, l’ho notato» convenne l’Uomo Nero, con la tibia dolorante.

«Ti faccio una proposta: lascerò che tu faccia quel che devi, ma voglio partecipare anch’io»

«Cos’hai in mente?»

«Ascolta bene cosa faremo…» Teddy iniziò a bisbigliare il suo piano all’orecchio dell’Uomo Nero.

Quando Ernestino si svegliò urlando e piangendo, la mamma accorse.

«Cosa succede tesoro, hai fatto un brutto sogno?» Chiese con apprensione.

«C’era l’Uomo Nero, mi fa paura…» rispose il frugoletto, con la voce rotta dal pianto.

«Oh, povero piccolo, ma adesso la mamma è qui, non hai niente da temere»

«… e poi c’era anche il mio orsacchiotto, quello stronzo, che mi prendeva in giro»

«Ma come, Ernesto, non si dicono certe parole!»

«Ma l’ha detto anche l’Uomo Nero che Teddy è stronzo»

«Insomma Ernesto! L’Uomo Nero non esiste. E il povero Teddy è dove lo hai messo a dormire da quando gli hai quasi staccato un occhio e non lo vuoi più nel letto. Non è che ti stai inventando tutto?»

«Ma no» riprese l’Ernesto disperato «ti dico che l’orso mi prendeva in giro: dicendo che sono un fifone e l’Uomo Nero, che mi spaventava, gli ha detto che era uno stronzo e doveva farsi i cazzi suoi!»

«Oh, adesso basta! Ora dormi che domani c’è scuola. Poi, di sta cosa delle parolacce ne riparliamo con il papà».

La mamma uscì e spense la luce.

Teddy e l’Uomo Nero andarono in cucina per farsi una birra.

Logo
5000 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (14 voti)
Esordiente
7
Scrittore
7
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 20210203 wa0000.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Annacod ha votato il racconto

Esordiente

Scrittura leggera ma non troppo, direi che hai affrontato con la giusta dose di leggerezza le paure infantili che spesso ci portiamo dietro da adulti. Piaciuto tanto. Mi piace molto il tuo modo di ringraziare nei tuoi commenti per la lettura. Hai ragione il lettore dovrebbe sempre ringraziare lo scrittore. Ecco dovevo dirtelo. SalutiSegnala il commento

Large thumbnail.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Frato ha votato il racconto

Esordiente

Simpaticissimo Palu e molto divertente Ciao, Frato.Segnala il commento

Large fb img 1632859423220.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

MicaelCatalano ha votato il racconto

Esordiente

Lettura molto coinvolgente e divertente! Complimenti!Segnala il commento

Large 20210427 021713.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Bravo. Una scrittura divertente per un soggetto che, a ben vedere, divertente non è. Che io sia maledetta per ogni volta che non ho creduto alle miei figlie.Segnala il commento

Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore
Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Piaciuto e riso tanto. La merlite dell’uomo nero e le braccia corte di Teddy, particolari più che azzeccati, fanno i personaggi. Mi piace l’ironia che hai messo nella storia, la leggerezza da adulto con cui hai affrontato le paure dimenticate dei bambini. Segnala il commento

Large 6e508332 9f32 4969 8a51 ea7be91f3fba.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Molto carino e divertente.Segnala il commento

Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Un bel racconto, in cui affronti con intelligenza e ironia le paure infantili. Alcune espressioni sono ben riuscite (ad esempio: "Entrò nella cameretta con l’intento di seguire la procedura", basta da sola a dimostrare quanto il meccanismo della paura sia radicato in noi, e alieno da ogni logica e ragione), altre sono da rivedere (ad esempio: "come accade come quando si picchiano"). Molto bello il finale: la complicità dell'Uomo nero e di Teddy, contro l'incapacità degli adulti di ricordare il mondo infantile, con le sue ombre e mostri.Segnala il commento

Large dante.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

L'anima della credenza (popolare) diventa di carne ed ossa quando è nitida nella percezione ... Una scrittura affascinante, inquietante ed estremamente stimolante! Complimenti!Segnala il commento

Large foto del 15 09 21 alle 09.22  3.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di palu

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work