Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Quel coglione del mio amico

Pubblicato il 17/03/2020

Ricordi di un'amicizia ai tempi dell'adolescenza, quando contava solo ridere. In assenza dei social, si inventavano i giochi più disparati e spericolati senza calcolare l'ipotesi del pericolo. Quando poi accadono le disgrazie, la vita delle persone restano segnate inevitabilmente.

47 Visualizzazioni
22 Voti

Quando sorrideva, sorridevo anch'io. Tanto bastava per farci compagnia. Allargava la bocca mettendo in bella mostra i suoi incisivi accavallati. Aveva il palato stretto, Michele. Quando pronunciava la lettera esse emetteva un sibilo ridicolo e io, puntandogli l'indice in faccia, ridevo piegandomi sulle ginocchia. Lui borbottava qualcosa e non mi rivolgeva più la parola. Poi quando gli passava il broncio mi tirava un pugno sul deltoide e si impettiva d'orgoglio.

Abitavamo sullo stesso pianerottolo di una vecchia palazzina di periferia e le nostre camere erano separate da uno stupido muro sottile. Quando la sera andavo a dormire, prima di tirare a me il lenzuolo, mollavo un pugno alla parete accanto al letto e lui rispondeva alla stessa maniera. Quella era la nostra buonanotte. Al mattino, infilati i piedi nelle ciabatte, mi precipitavo a spalancare la finestra e urlavo: "Michele", con tante e finali. Dopo neanche un minuto vedevo i suoi denti incidentati fare capolino: un secco "Francé ". Questo era il nostro buongiorno. Passavamo intere giornate così, a studiare, a parlare e a giocare affacciati ognuno dalla propria finestra senza balcone, come due fratelli inseparabili, divisi solo da uno stupido muro di mattoni.

Non appena vedevamo passare un cane o un gatto iniziavamo a sputare, prendendo la rincorsa col busto e slanciandoci in avanti. Vinceva chi per primo colpiva il bersaglio. E ovviamente vincevo io perché avevo una gittata più forte. Michele, invece, a causa della sua bocca sgangherata arrivava perfino a sputarsi addosso e io gli urlavo: "scemo, scemo, scemo". Allora, per non fare la figura del fesso, mi sfidava a racchette, sempre giocando affacciati dalla finestra. Chi faceva cadere la pallina per strada, precipitata dall'alto del quarto piano, non solo perdeva un punto ma doveva scendere giù per le scale a raccoglierla. Era vietato usare l'ascensore. Queste erano le regole del gioco. 

Mi faceva fare un sacco di sudate Michele. Era bravo con le racchette, Michele. E con la sua esse moscia, urlava al quartiere: "Sono forte, sono imbattibile, si". Quel giorno stavo perdendo per un punteggio di 6 a 0, vale a dire che feci migliaia di gradini nel giro di pochissimi minuti. Scendevo e salivo. Scendevo e salivo. Scendevo e salivo. Scendevo e salivo. Le gambe tremavano. Il cuore rimbalzava impazzito nella cassa toracica e le tempie premevano contro il cranio. Dopo la sesta volta consecutiva, quando arrivai alla finestra grondante e con il sole che mi graffiava gli occhi, sentii salire dentro di me, come direbbero in Malaysia, l'amok e una specie di foga agonista mista ad una vendetta prese il controllo del mio corpo. Mi affacciai dalla finestra, inferocito. Michele rideva coi suoi denti ridicoli, compiaciuto. Gli lanciai uno sguardo cattivo. Feci un ghigno. Presi con la mano sinistra la pallina in gomma blu. La osservai  qualche secondo. Un rigagnolo di sudore mi rigava la punta del naso. Michele, ora, mi guardava attento, pronto a ricevere. Lanciai a mezz'aria la pallina. Il mio braccio destro caricava tutta la tensione, come quando si tira indietro l'elastico di una fionda. Le rondini affollavano il cielo. C'era l'odore dell'erba appena tagliata e mamma che puliva casa. Colpii  la pallina e urlai inferocito: "Prendi questa, Micheleee". Chiusi gli occhi. Bruciavano di sudore. Prima ancora che gli aprissi, sentii un rumore strano che mi fece rabbrividire. Restai con gli occhi chiusi, non ricordo per quanto tempo. D'un tratto il cuore iniziò a rallentare. Sentivo il rumore dei battiti nei timpani accompagnato da un fischio. Un affanno misterioso mi faceva indietreggiare verso il letto. Sentii le urla di una donna provenire dalla strada. Dei rantoli si aggrappavano alla mia finestra. Riaprii gli occhi e notai i peli della peluria dritti come antenne. Mi misi una mano dietro al collo freddo. Guardai disgustato la racchetta nella mano destra e la buttai d'istinto per terra come fosse una pistola fumante. Tremai e cosa accadde dopo non lo ricordo più. 

Sono passati dieci anni da quel giorno. È una data che ricordo come se fosse il mio compleanno. Michele si sbilanció per fare uno stupido punto in più. Io gli tirai la pallina in quel modo così cattivo per annullare i suoi sei punti consecutivi. Guardo alla mia vita ritornando sempre a quei momenti. Lo vedo che ride con quei denti come un coglione. Avremmo potuto fare un gioco diverso. Michele, perché? Può darsi che il destino di una persona sia una pagina già scritta o una foglia che si libra nell'aria e si posa su un punto qualsiasi. Può darsi entrambe le cose. Te ne sai andato così, Michele. Senza avvisare. 

Anche se ho cambiato casa, tutte le sere gli occhi si gonfiano di lacrime e quando tiro le coperte a me, batto sulla parete un pugno e aspetto. Mordo il cuscino. Non lo accetto. Batto un altro pugno. Non c'è nessuno che mi dà la buonanotte in quel modo come facevamo noi. Ciao Michele.

Logo
4923 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (22 voti)
Esordiente
16
Scrittore
6
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large img 6182.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il Faro ha votato il racconto

Esordiente
Large 0c256d38 ea40 41c7 a7b8 1b4190f9a563.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

franca ha votato il racconto

Esordiente

Mi è piaciuto! Bello lo stile 😉Segnala il commento

Large win 20210713 10 57 29 pro.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Messina Giuseppe ha votato il racconto

Esordiente
Large default

esteban espiga ha votato il racconto

Scrittore
Editor

ci sono punti in cui congeli il tempo di un'azione o lo dilati, e lo fai bene. l'uccisione casuale a mezzo pallina mi ricorda john irving di "preghiera per un amico". hai una bella scrittura. piaciuto.Segnala il commento

Large default

Maddacsc ha votato il racconto

Esordiente

Molto bello anche senza lieto fine🤭Segnala il commento

Large t  2  31 .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

SteCo15 ha votato il racconto

Scrittore

Anch'io ripenserei al titolo. Per il resto, in 5000 battute, ottimo.Segnala il commento

Large 1463056 547197832031578 160058711 n.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

ProfessioneFantasma ha votato il racconto

Esordiente

Scritto molto bene, unica cosa il finale pare troppo frettoloso e lascia la sensazione di poter essere sviluppato meglio...ma 5000 battute sono poche, bel lavoroSegnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Piaciuta!Segnala il commento

Large ....jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

ipa ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Molto bella la storia: toccante e intensa... e anche scritta bene.Segnala il commento

Aaue7mczxevud7mmtod10ctjdeqrojbibkihyxmkzkkkmq=s50?sz=200

LadyEffe ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large img 20191110 005622 627.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

RoCarver ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Molto toccante, però cambierei il titolo che stona un po'. Non mi suona bene la frase "i peli della peluria". Per il resto, scritto molto bene. Segnala il commento

Large 20210427 021713.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200821 223609 864.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Debora P. ha votato il racconto

Esordiente
Large 8star.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zeta Reader ha votato il racconto

Scrittore

la prima parte è molto coinvolgente, la seconda benché seria e ben scritta, diciamo che prende di meno. prima frase davvero azzeccataSegnala il commento

Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20180921 150726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Francesco Scarciolla

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work