leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Regina di Cuori

Pubblicato il 30/07/2017

Una gonna, una storia sulle note di Vivaldi

9 Visualizzazioni
3 Voti

Non so quanto tempo sia passato.

Ma mi sta osservando.

Ammicca nascosta tra le grucce e gli abiti appesi.

Sento il suo sguardo farsi insistente alle mie spalle.

Sarà colpa di Vivaldi, delle sue Quattro Stagioni e del suono dei violini che riempiono le sale di questa casa sotto un cielo d’inverno. Perché quelle note sono un’estasi assoluta.


Mi alzo, la prendo e la rigiro tra le mani.

E’ di un cotone spesso e rifulge dei suoi colori sgargianti.

Seguo i disegni, le trame e le figure che la compongono.

I violini fanno risuonare l’allegro della primavera.

Le note volano leggere nell’aria mentre i quadri si alternano alle picche e i cuori avanzano sui fiori. E’ tutto un danzare che a tratti diviene forsennato quando l’orchestra entra sublime sullo sfondo verde bottiglia.


Si sale adagio, l’estate si riflette nella melodia che suona perfetta.

Un tratto di penna, continuo e preciso, traccia onde che girano tutt’intorno.

Alice sorride con i suoi boccoli dorati e il fiocco rosso.

C’è la Regina di Cuori con il suo fare altezzoso, il naso e le ciglia appuntite su una bocca sottile.

Il Gatto beffardo, scruta con i suoi occhi grandi e i denti appuntiti.

Bianconiglio suona la tromba e annuncia l’arrivo di sua Maestà.


E’ un trionfo di verde, giallo, rosso, rosa.

Ha un’identità precisa, riconoscibile tra mille.

Ricorda un quadro di Klimt mentre il primo violino affonda con allegria lungo lo spartito dell’autunno.


Seguo le fantasie, le traccio con le dita.

L’inverno arriva e come sempre è allegro ma non molto.

Ma quando l’allegria si sprigiona è un’esplosione che fa volar dappertutto carte e cuori.

Picche e quadri.

Farfalle e rose.


Poi arriva lei.

Sorride e mi strappa la gonna dalle mani

Con gesti precisi se la infila e si rimira allo specchio.

Sorrido anch’io.


Penso a Vivaldi, grande rockstar della sua epoca.

Solo una rockstar può indossare quella gonna.

E poi c’è lei, mia moglie.

E penso che sia la più grande rockstar in questo universo.

Logo
1924 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (3 voti)
Esordiente
3
Scrittore
0
Autore
0
Ospite Belleville
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20170602 wa0005.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Danilo ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Tella ha votato il racconto

Esordiente
Large img 4909.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Mastino Giusti

Esordiente