Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Autobiografia

Regola numero uno

Pubblicato il 04/08/2022

Sbagliando s’impara.

37 Visualizzazioni
14 Voti

Nyal, Upper Nile, South Sudan.

Sul campo ci siamo soltanto io e Ralph, il logista tedesco, gli altri componenti del team sono a Nairobi per il loro periodo di riposo: dieci giorni ogni sei settimane di lavoro.

La mattinata comincia malissimo.

Abbiamo appena finito di fare colazione, Ralph si sta dirigendo verso gli scavi per la costruzione di un piccolo reparto in muratura al posto delle solite capanne di paglia e fango, io sto andando all’ambulatorio per le visite della giornata: appena usciti dal nostro accampamento ci troviamo circondati da militari armati.

“Venite con noi”.

Non una parola in più, non una spiegazione, hanno già girato sui tacchi e noi per forza con loro.

Ralph è bianco come gesso, io mi sento il cuore in gola.

Siamo due formiche in un piccolo villaggio in mezzo alla palude più grande del mondo, non abbiamo modo di avvisare nessuno dei nostri responsabili, anziché a Nairobi potrebbero stare sulla luna, sarebbe lo stesso: a Nyal non ci sono telefoni, non c’è corrente elettrica, non ci sono strade, l’unico mezzo di comunicazione è la radio, ma alla base ci sarà qualcuno in ascolto soltanto fra quattro ore.

Nel frattempo potremmo già essere cibo per i coccodrilli, per quel che vale la vita umana in queste zone desolate teatro di un conflitto eterno.

A fianco a noi si materializzano improvvisamente i tre padri comboniani che vivono a Nyal portando avanti la loro missione.

Hanno capito che sta succedendo qualcosa di grave e sono accorsi in nostro sostegno: “Loro sono nostri amici, dove vanno loro andiamo anche noi” dichiara padre Fernando ai soldati e decisi tutti e tre si mettono in marcia con noi senza che i militari se la sentano di impedirglielo.

Un gesto di generoso coraggio che non dimenticherò mai.

Senza che venga scambiata neanche una parola in più arriviamo ad una capanna che riconosciamo come il centro di comando della zona.

Ad aspettarci Simon Kuol, il capo villaggio, e alcuni anziani.

Veniamo fatti sedere su una panca di fronte al loro tavolo, i padri comboniani su altre panche a lato.

E finalmente riusciamo a sapere di cosa siamo accusati.

Uno dei lavoranti sudanesi del nostro piccolo centro sanitario è stato trasferito in un altro villaggio come punizione per aver mancato di rispetto a qualcuno dei potenti locali, e io, impulsiva come sempre, ho osato esprimere pubblicamente un’opinione contraria.

Sono alla mia prima esperienza di cooperante, non ho ancora imparato la virtù del silenzio: regola numero uno, se non sei a casa tua non commentare mai le decisioni di chi comanda, soprattutto in zone di guerra, dove a comandare sono i militari, che non amano affatto essere contraddetti.

Se non voglio essere dichiarata “persona indesiderata” ed essere espulsa dal Sudan, compromettendo tutto il lavoro del nostro progetto, devo fare velocemente retromarcia.

Prendo in fretta la parola, prima che i nervi di Ralph saltino compromettendo ulteriormente la situazione, e faccio un elaborato panegirico a mia discolpa.

Mi secca dovermi scusare per qualcosa su cui so di avere ragione, ma il nostro lavoro viene prima del mio orgoglio.

Comunque i capi non sono ancora soddisfatti e sembrano intenzionati a farmi pagare a caro prezzo il mio ardire.

Decisivo si rivela l’intervento dei padri comboniani, che operano una mediazione paziente e produttiva.

Finalmente questa specie di processo si conclude, possiamo tornare al nostro lavoro con reciproche rassicurazioni che l’incidente può considerarsi concluso.

Come lezione è stata piuttosto pesante, ma mi è servita.

Non ho mai più dimenticato che quando sono in un paese straniero sono un ospite, magari benvoluto, magari utile, ma pur sempre un ospite, che la mia cultura è quasi sempre diversa da quella del paese in cui mi trovo ma non è affatto detto che sia migliore e non spetta a me giudicare, che le mie opinioni sono solo le mie opinioni e se non mi vengono richieste è meglio che valuti attentamente l’utilità di esprimerle, consapevole in tal caso che ci saranno delle conseguenze da affrontare.

Logo
3999 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (14 voti)
Esordiente
11
Scrittore
3
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 1431.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore

Il valore di una testimonianza, di generosità e di coraggio, raccontata senza fronzoli, che suscita empatia e ammirazione Segnala il commento

Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large thumbnail.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Frato ha votato il racconto

Esordiente

Bella storia vera, Paola. Di un mondo che raramente riusciamo a conoscere e che ci sembra non esistere. Ciao, Roberto.Segnala il commento

Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Le tue storie che definire aneddoti mi pare un po' riduttivo, hanno sempre chiara la finalità: la cura di chiunque debba essere curato, accolto. Io mi sarei soffermato un po' di più sulla scena del "processo", dandogli uno spessore superiore alla narrazione generale, e alla ricerca della morale che è giusta e dimostra che essere umano pieno di capacità abbia scelto di condividere con questa platea quelli che non sono aneddoti, no. Sono spaccati, pezzi di vita così lontani da me, e da molti di noi, capaci di aprire uno squarcio e fermarci per capire. O almeno provarci. Segnala il commento

Large screenshot 2022 08 07 12 48 14 611 com.miui.gallery.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Befu_96 ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210424 002851 803 2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giuliano Gervasoni ha votato il racconto

Esordiente
Large 910dc58f c51d 4d5c 932c a9b686be34e1.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Raffaele 57 ha votato il racconto

Esordiente

L'arroganza di noi occidentali è quello di sentirci superiori, una presunzione che ha raggiunto il culmine quando abbiamo deciso di esportare la " democrazia" con le bombe.Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large ef3fdfd2f39a4f5d4a9f5557c0f21246.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20220708 184515.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Jordan ha votato il racconto

Esordiente

Mi piaci a 360°, molto bello.Segnala il commento

Large 20211005 190648.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Alma R. ha votato il racconto

Esordiente
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20220509 wa0004.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Anacleto ha votato il racconto

Esordiente

Hai sicuramente tanti aneddoti da raccontare....Hai la mia stima per quello che hai fatto e che probabilmente sei. Una brava persona.Segnala il commento

Large 88581d2c 735a 4eec 8194 b80201833878.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Paola Zaldera

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work