Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Erotico

Rimorchio

Pubblicato il 04/12/2020

94 Visualizzazioni
18 Voti

Checazzomimetto? Le mie amiche hanno insistito così tanto che mi sono decisa a dire di sì, le mie amiche matte e maledette, c'è una complicità bella fra noi e abbiamo una regola ferrea nel rimorchio, cercare un uomo che sappia almeno dire 3 parole in croce: prima, durante e dopo. Metto i pantaloni neri, quelli che costano un botto ma che mi fanno un bel culo, i tacchi si o no, ma sono tutte basse, a 'fanculo l'altezza tacco 10 e così viaggio sul metro e ottanta. Una maglia che mi lascia scoperte le spalle e il collo lungo ed è fatta. Echecazzo con queste insicurezze, in realtà sarei rimasta volentieri a casa, un buon libro e una tisana e poi magari un film coreano, questa passione sfrenata per i film coreani me la spiego con la rappresentazione delle vite semplici e dei sentimenti chiari che vengono dipanati nelle loro pellicole, questo cerco ma poi la semplicità mi annoia e snerva. Non ti perdere proprio adesso, devi passare a prendere le ragazze. Il bar è buio e affollato, pieno di corpi che strofinandosi creano elettricità, umanità appiccicosa e slabbrata. Entriamo, le guido io e sembra che la folla si apra al nostro passaggio, che qui mica sono abituati a vedere donne che vanno in giro da sole a conquistarsi un bicchiere di vino o una camomilla. Echecazzo. Il primo giro lo offro io, sono l'unica che guadagna bene e mi avvicino al bancone con aria, spero, sicura. Il barista mi guarda e ammicca, echecazzo. Un uomo in mezzo a una folla di ragazzini sudati mi sorride, tre sgabelli più in là. Io me lo guardo un po' di traverso, per ripicca e perché a volte sono un pò smemorata con gli uomini che incontro in questo buco dimenticato dal mondo dove abito di solito. Continua a sorridere, machicazzo è questo. Le ordinazioni non arrivano, eh certo col culo che ho con gli uomini vuoi che non becchi il barista più lento del mondo, è fatto di roba pesante. Fammi vedere chi è questo scemo che sorride, mi sposto verso di lui perché fra il buio e la mia miopia non è facile fare una radiografia per benino. È alto, è magro, è con due spalle da dio e poi braccia lunghe e mani grandi. Non male davvero, fammi vedere un po' meglio. Sorriso bianco e dritto, occhioni verdi e qualche ruga che non guasta l'interessante naso che ha. Echecazzo è proprio bello, fa che non arrivi l'ordinazione. Tieni è tutto qui quello che hai ordinato. Io maldestra come sempre per poco non mi lascio cadere tutto sui pantaloni. Dopo aver fatto una figura da scema per non aver neppure accennato ad un sorriso, mi sussurro vedi di non continuare a dare il peggio di te. Le mie amiche sempre sul pezzo, mi chiedono che fosse tutto quel mio movimento tra gli sgabelli del bar, non si lasciano sfuggire nulla di me e neppure il bellone che continua a fissarci tutte e quattro. Ok se non si muove verso di noi entro 10 minuti passiamo ad un altro, invece sembra sveglio si avvicina con in mano le stesse mie ordinazioni. Non facciamo le sceme che qui me la gioco alla grande. Siamo finiti nel suo appartamento nuovo di zecca e arredato all'ultimo grido, nessun fascino e quasi nessun libro. Quadri anonimi alle pareti, un bell'involucro questo appartamento tanto quanto lui. Ci ha intrattenute con la sua vita degli ultimi tempi, un nuovo incarico di prestigio che sarebbe durato qualche anno nella nostra provincia. Iniziamo e consumiamo e finiamo nel giro di 30 minuti. Lui infoiato come uno che non vede la figa da almeno mezzo secolo, io scorata da tutto questo "amore di plastica" come mi ricorda Carmen Consoli nella testa. Mi è piaciuto, il pistone lo ha e lo sa usare, ma veloce come un assetato nel Sahara e io sono rimasta lì vogliosa e insoddisfatta. Quasi quasi provo a rianimarlo con un bel pompino, ho letto su una rivista astrusa e di moda che per conquistare un uomo per sempre, la strada più veloce è svegliarlo con un pompino. Nooo che devo farmene poi di lui, mi si appiccica, pretende di uscire cena e poi pranzo e poi magari pure merenda, non lo reggo uno così. Mi sembra brutto lasciarlo senza un cenno, si è sforzato poveretto, ha pagato una marea di alcool, si è offerto col suo macchinone di riaccompagnare tutte a casa, echecazzo adesso devo recuperare pure il mio, ha fatto il giro lungo per restare con me alla fine, insomma attento e programmato, almeno non dovrei imboccarlo. Mi ha raccontato della sua vita, mettendo bene in evidenza che potrebbe nascere qualcosa, che mi aveva già vista in giro e che sperava di incontrarmi di nuovo. Mi sembra brutto lasciarlo in questo modo, ma poi che me ne frega di lui . Prima ha parlato, durante ha mugugnato e dopo si è addormentato. Gli lascio un biglietto a modino e carino e poi 'fanculo vediamo che succede.

"A.A.A.Cercasi

Uomo dotato di vis polemica e arguzia, per svolgere attività di ginnastica intellettuale. Si garantisce compenso adeguato e inquadramento cat. prot.

Astenersi Perdigiorno e Sognatori. "

Logo
4876 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (18 voti)
Esordiente
14
Scrittore
4
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Michele Cigna ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200406 200913.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Annalisa Maitilasso ha votato il racconto

Scrittore

Carico, colorato, spiccio. Bello! Ho riso tanto. Non sono d'accordo con Signor Fabiani che, come un disco rotto, critica a tutti la stessa cosa: che bisogno c'é di scovare strane circonlocuzioni pudiche per nominare un pompino quando l'effetto voluto é un altro? Carmen é giustamente diretta e aderente a un registro da conversazione battagliera Segnala il commento

Large 20200611 011659.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Amid Solo ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200616 073543616.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Chiara Bocci ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210427 022249.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente

Ecchecazzo a me è piaciuto :)))Segnala il commento

Aoh14gjaydde0xx0klmdn8xav1mkmg25dbcq0nyke6jl=s50?sz=200

Signor Fabiani ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Vale per te quello che vale per tutti. Il pompino non si materializzerà per magia davanti agli occhi del lettore solo perché tu scrivi “pompino”. Dove sarebbe la difficoltà (e quindi il piacere) dello scrivere, se bastasse nominare una cosa per farla apparire? Se il pompino è rilevante ai fini della storia, allora lo descrivi, senza nominarlo (il lettore capirà da sé cosa sta succedendo, e magari si ecciterà pure, se sarai brava a raccontarlo). Se invece il pompino non è rilevante ai fini della storia, allora deve sparire. Ma scrivere “pompino”, e lasciare al lettore il compito di “immaginare il pompino”, vuol dire abdicare dal ruolo di scrittore. Altra cosa. Eviterei espressioni tipo “Nooo”, che stanno bene nei fumetti, ma non nei racconti (specie se “erotici”). L’intercalare “ecchecazzo” conferisce alla protagonista una venatura di volgarità, che le toglie parecchio fascino. Peccato, perché diverse parti del racconto sono molto buone. EDIT: il tuo racconto erotico ha fatto "ridere tanto" Annalisa. Fantastico! E' proprio questo l'obiettivo dell'erotismo: far ridere tanto. Fantastico, davvero. Complimenti.Segnala il commento

Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il Verte ha votato il racconto

Scrittore
Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large img 1919.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large foto0001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201021 160429.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Cinzia M. ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200804 140153.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Valentinacomesai ha votato il racconto

Scrittore

Funziona!Segnala il commento

Large default

Francesca F ha votato il racconto

Esordiente
Large 138319914 3587147738030116 1524317747080685121 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

nadelwrites ha votato il racconto

Scrittore

Carino. Avrei usato il corsivo per le espressioni tipo "Checazzomimetto" o "Echecazzo", e anche per i pensieri immediati.Segnala il commento

Large default

di Carmen

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee