Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

SASSICAIA, RADIO MONTECARLO E MARTINO. È UN GINEPRAIO. NON SE NE ESCE PIÙ

Pubblicato il 30/03/2021

Storia sbilenca, semiautobiografica e poco credibile, detto fra noi. Ma la scrittura giustifica tante cose. Forse tutto. Io ne sono quasi convinto.

66 Visualizzazioni
22 Voti



Ho scoperto di esser cieco. 

Stamattina. 

E sono almeno due giorni, che va avanti, sta storia della cecità.

Senza che io lo sapessi. Neanche fossi Saramago.

Non me ne sono accorto prima perché ero convinto di dormire. 

E se sei convinto di dormire, non ti alzi dal letto e non ti accorgi nemmeno di essere diventato cieco. Così me ne stavo lì, tra il dormiveglia e il dormiancora, e mi rigiravo. Forse credevo di sognare. O forse mi immaginavo di sognare di dormire. Dormire. Sognare forse... * anche perché non riuscivo ad aprire gli occhi. Avrò di certo provato ad aprirli, più volte, ma siccome non ci riuscivo, avrò pensato di essere ancora addormentato. O di sognare di non riuscire ad aprirli.

Perché il pensiero può funzionare anche se sei un po' addormentato. Ma il sogno, è un pensiero? Immagino che funzioni a modo suo, in un caso o nell'altro.

Sta cosa ha una logica tutta sua. Una logica del cazzo. Ma pur sempre una logica.

Poco dopo, poi, tastando sul comodino - come faccio sempre, appena sveglio, per trovare gli occhiali e vedere che ore sono - mi sono accorto che proprio non riuscivo ad aprirli, gli occhi. Anche se mi rendevo conto che avrei potuto essere già  sveglio. Allora ho bestemmiato, per vedere se mi sentivo : "Porca di qua, Dio svizzero di là!" e, sì, mi sono sentito benissimo. Non stavo sognando. Perché ho udito ogni singola parola, distintamente. Così ho insistito, per essere più  sicuro: "Porca di qua, e Dio svizzero di là" e ho aggiunto anche "Santissima Maria vergine, che lo sai solo tu, com'è possibile..."

Ero sveglio, dunque, ma continuavo a non vederci più, ancora. Continuavo a non vederci più ancora un cazzo. Passatemi la costruzione sintattica funambolica. 

Allora ho continuato a tastare, cercando un modo per capire che cazzo di giorno fosse.

"La radio... ! Sì, la radio. Se l'accendo posso capire che giorno è!"

 Tasta che ti tasto, ho trovato il pulsante della radio: "Buongiorno a tutti, qui da Montecarlo si vede il mare, oggi è martedi dodici marzo..."

"Come martedì?" ho detto io, grattandomi la barba con la mano destra, mentre la sinistra teneva stretta la radio. Mi sono ubriacato domenica sera, da solo, con una bottiglia di Sassicaia. Tutta, l'ho bevuta. E oggi mi dicono che è martedì. Ricordo perfettamente il tappo di sette centimetri, e che era domenica. Soltanto il Barbaresco Gaja, ha un tappo in sughero paragonabile. La memoria ricomincia a funzionare. Bene. Ma ora mi dicono che oggi è martedì!

E poi ho bevuto anche del gin, direttamente dalla bottiglia. Ginepraio, si chiama. Un gin bio toscano. Ricordo anche questo. 

Poi comincio a ridere, sguaiato, mentre penso che non c'è un cazzo da ridere. Sono pieno di contraddizioni.

Così ricomincio: "Porca di qua, porca di là, Dio Svizzero, Gesù che fa cucù, che Dio ce ne scampi e gamberi, Santissima Maria vergine, che lo sai solo tu, come hai fatto a resistere, in una famiglia così!"

Sono cieco, e ora che cazzo faccio?

Chi cazzo chiamo? Mio figlio?

E poi che gli dico?

Che mi sono svegliato non vedente dopo una sbronza in solitaria? Dopo due giorni?

Che i figli scontano sempre le colpe dei padri?!

Non ci crederebbe. E anche se ci credesse, non capirebbe. Ci devo pensare. Devo pensare a cosa fare.

La radio continua a blaterare. Dicono che sono le dieci e due minuti. Sembrano contenti. I problemi devi sempre smazzarteli da solo. 

Intanto mi sono seduto sul letto. Con la schiena appoggiata alla spalliera. Ma si chiama spalliera? 

Se ne deve essere andata anche un po' della mia memoria. La spalliera, sì è la spalliera, si chiama così. È di metallo. Sento i tondini di ferro che mi si schiacciano sulla schiena.  

Sono saldati tra loro. 

Mi ricordo anche di aver sognato di saldare, senza gli occhiali da saldatore.

Devo darmi una controllata. Con questa storia che sogno di saldare, senza gli occhiali. 

Perché se saldi senza occhiali, perdi la vista per qualche giorno. È successo anche a un mio amico. Antonio il Breschi.

Ma sogno di saldare, nel senso che il mio sogno è saldare, oppure faccio dei sogni in cui saldo?

Improvvisamente vedo qualcosa. La luce che entra dalla finestra, si fa più intensa, lentamente. Devo mettere una mano davanti agli occhi. Ecco, ora scosto le dita, e vedo anche i colori:

il bianco delle pareti, l'azzurro delle tende, il lampadario di Murano, con le foglie verdine, il colore delle mie mani.

Le mani, le dita: che strano, non mi sono mai toccato gli occhi, quando credevo di essere cieco.

Chissà perché? Forse perché sapevo che il problema non erano gli occhi.

Ora vedo la coperta, quella scozzese, in tartan, con i quadrati blu e verdi, scuri, che si intersecano, quasi cinetici.

E poi tu, che mi sorridi. Ma chi sei, tu? Chi sei?

Non posso andare avanti così.

Metto gli occhiali e poi lo chiamo. È anche colpa sua. Il Ginepraio me l'ha regalato lui. 

Martino. **



*  Non ve lo dico. È troppo facile. 

**Martino è mio figlio, in realtà. Ma questa è fiction. 




Logo
4884 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (22 voti)
Esordiente
15
Scrittore
7
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large th.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

PennyBlack ha votato il racconto

Esordiente
Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Che connubio, vino e gin, però ti tratti bene. Piacevolmente raccontato.Segnala il commento

Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore
Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Hanno espresso già commenti così interessanti che resta poco da dire. Un bel testo, leggiadro e profondo a un tempo. Ma perché bere il Sassicaia da solo? L'errore sta tutto lì.Segnala il commento

Large img 20200126 162413.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Mauro Scremin ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Beh, almeno ti sbronzi con grandi vini ;)))Segnala il commento

Large img 20190420 144156149.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Mong ha votato il racconto

Esordiente

Mi piace il prendersi in giro continuo, anche mentre ti interroghi su quello che potrebbe essere drammatico. O no? Segnala il commento

Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Una bella trovata, di sapore un po' kafkiano. Si legge d'un fiato.Segnala il commento

Large immagine 2021 04 24 184139.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Germinal68 (Sandro) ha votato il racconto

Esordiente
Large cfe13a30 7433 44d1 a6d7 e99bef6700de 1 201 a.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Credo che tra tutti i tuoi racconti, questo sia quello che più ti rappresenta. Una narrazione fintamente leggera in cui, dai postumi di una sbornia, si dipanano i "gineprai" della coscienza. Non a caso citi Saramago e Shakespeare: la cecità e il dilemma della scelta. Credo che persino scrivere "Non ve lo dico. E' troppo facile" sia una scelta pensata. Tu costringi il lettore a indagare le parole, sino a giungere alla consapevolezza che : "la coscienza ci rende tutti codardi, e così il colore naturale della risolutezza è reso malsano dalla pallida cera del pensiero." Martino è la strada che ti conduce alla ragione, o meglio, la parte più razionale di te. Ottimo testo.Segnala il commento

Large img 1919.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

bisogna che tu ti ubriachi con le bollicine per “vedere” gli effetti. (Bellissima, in particolare, la parte iniziale )Segnala il commento

Large 13 36 00 6a00e54fcf7385883401b7c7499bb0970b pi.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Esordiente

piuttosto inquietante. ma anche divertente. e poi c'è il tuo giocare con le parole e coi cibi (bevande, in questo caso).Segnala il commento

Large img 20210319 wa0008 2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Arsavi58 ha votato il racconto

Esordiente
Large foto0001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente

Davvero molto bello, complimenti Segnala il commento

Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore

Per certo (ho più d'una esperienza in merito) è impossibile rimanere cieco col Sassicaia, specie se lo si accompagna ai tagliolini al tartufo, a meno che non si decida di percuotersi in faccia per la mestizia quando l'uno e gli altri sono finiti. Parimenti sembrerebbe infondata scientificamente anche la cecità post masturbatoria, autoerotismo intellettuale compreso. E dunque si dovrà pur riconoscere che la cennata cecità non può che esser artifizio mentale volto a ritardare il piacere della lettura, pre onirica, di un racconto così gratificante, che sicuramente non è merito del gin.Segnala il commento

Large 20210427 022249.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Ansiogeno, ossessivo, autoreferenziale e poco credibile eppure sembra toccare tutti i sensi e i pensieri che intrecciandosi ubriachi rivelano le nostre/tue fragilità - varie e variabili - un racconto nudo in fondo, in cui - come sempre - non abbandoni l’ironia. Segnala il commento

Large default

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Bruno Gais ha votato il racconto

Esordiente

Adoro questa fluidità nella scrittura. La scelta delle parole e del ritmo suona sempre giusta alle mie orecchie. Saldare senza occhiali nel sogno e ritrovarsi ciechi è un ponte che collega due mondi ai più inconciliabili. Tanti elementi, tanti suoni nelle parole, il fluido del racconto scorre ed è pieno di colori. Bello.Segnala il commento

Large depositphotos 61883317 stock photo cougar mountain lion puma panther.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il puma del Sîambù ha votato il racconto

Esordiente
Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente
Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Franco 58

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee