Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Non-fiction

Se il libro è uno schermo

Pubblicato il 17/07/2020

Visti i commenti al mio post "Se il libro diventa un librare", continuo nella disamina dei verbi che secondo Kevin Kelly ("L’inevitabile", 2017) connotano quella dimensione del “divenire” che l’accelerazione tecnologica sta determinando e in cui tutti noi viviamo e sempre più vivremo.

80 Visualizzazioni
24 Voti

Il Popolo del Libro e il Popolo dello Schermo

Visualizzare: questo è il quarto verbo proposto da Kelly per leggere la realtà contemporanea. La sua analisi prende le mosse dal fatto che gli schermi di qualunque dimensione continueranno a moltiplicarsi e rappresenteranno il diaframma verso l’informazione e la comunicazione. Questa evoluzione determina una dicotomia progressiva fra quelli che Kelly chiama il Popolo del Libro e il Popolo dello Schermo. Oggi siamo diventati, per la maggior parte, Popolo dello Schermo; una cultura che tende a ignorare la logica classica dei libri o la venerazione delle copie, preferendo al suo posto un flusso dinamico di pixel. Gravitiamo verso gli schermi: del cinema, della televisione, del computer, dell’iPhone, degli occhiali a realtà virtuale, dei tablet; nel prossimo futuro graviteremo verso schermi di megapixel brillanti che ricopriranno ogni superficie.

La cultura dello schermo è un mondo di flussi costanti, di infiniti assaggi musicali, di tagli frettolosi e di idee incomplete; è un fluire di tweet, titoli, instagram, messaggi informali e prime impressioni fluttuanti. Le nozioni non sono indipendenti ma altamente interconnesse a tutto il resto; la verità non è trasmessa dagli autori o dalle autorità ma viene assemblata in tempo reale, pezzo per pezzo, dallo stesso pubblico. Il Popolo dello Schermo produce i propri contenuti e costruisce le proprie certezze, le copie immobili non sono rilevanti quanto lo è invece un accesso fluido.

È una cultura veloce, come il trailer da trenta secondi di un film, liquida e indeterminata quanto una pagina di Wikipedia. Su uno schermo, le parole sono in movimento, si fondono in immagini, cambiano colore e forse perfino significato; a volte le parole non ci sono proprio, ma solo figure o diagrammi che potrebbero essere decifrati in significati diversi. Questa liquidità è terribilmente inquietante per qualunque civiltà basata sulla logica del testo. In questo mondo, il codice in rapido movimento (inteso come codice di programmazione informatico in continuo aggiornamento) è più importante della legge, che è fissa.

Il codice che si vede su uno schermo è perennemente ridefinibile dagli utenti, mentre la legge stampata sui libri non lo è. Eppure, il codice può plasmare il comportamento tanto quanto la legge, se non di più: se si vuole modificare il comportamento in Rete delle persone, basta semplicemente alterare sullo schermo gli algoritmi che lo governano, che di fatto regolano il comportamento collettivo o spingono le persone in una direzione preferenziale. Il Popolo del Libro preferisce le soluzioni fornite dalla legge, mentre quello dello Schermo individua la tecnologia come soluzione di tutti i problemi. La verità è che siamo in una fase di transizione, e lo scontro tra queste due culture (i neoluddisti e i tecnoentusiasti che spesso si scontrano in Arminum Circus, come nei commenti a questi post) si svolgerà in mezzo a noi, intesi anche come individui. Le persone moderne e istruite vivono il conflitto tra queste due modalità, e tale tensione diventerà la nuova normalità.

Visualizziamo su ogni scala e dimensione, dall’IMAX all’Apple Watch. Nel prossimo futuro non saremo mai molto lontani da uno schermo di qualche tipo, a cui guarderemo per primo per cercare risposte, amici, notizie, significati, e perfino il nostro senso di appartenenza, chi siamo e chi vogliamo essere: «Ehi Google, qual’è il senso della vita?».


Lo schermo e lo specchio

Fin qui Kelly. Vale tuttavia la pena di ricordare che questo tema è da molto tempo anche oggetto di studio di un bravo studioso italiano: Vanni Codeluppi. Riporto di seguito l’incipit del suo L’era dello schermo, edito da Franco Angeli.

“In un celebre spot pubblicitario che l’azienda ha fatto realizzare nel 1984 per il lancio del suo nuovo computer Macintosh una vasta platea di persone guardava passivamente un enorme schermo nel quale spiccava il primo piano di un Grande Fratello che parlava in continuazione. Si trattava di una chiara citazione del romanzo apocalittico 1984 di George Orwell. Ad un certo punto però una ragazza entrava in scena e distruggeva il grande schermo lanciandovi contro un martello. La ragazza rappresentava la giovane azienda Apple che voleva rompere le regole vigenti e imporre un’informatica a dimensione umana, mentre lo schermo era chiaramente il simbolo dell’IBM, la grande impresa multinazionale che all’epoca dominava il mercato dei computer.

Da allora non sono passati moltissimi anni, ma la finzione sembra essersi già avverata: il grande schermo si è frammentato in tanti piccoli schermi davanti ai quali le persone passano realmente molte ore della loro giornata. La cosa curiosa è che tali schermi molto spesso sono di un iPhone o un iPad venduti proprio da Apple. Dunque, come spesso succede, la piccola azienda alternativa ha preso il posto del suo potente avversario. Ma ciò che è interessante soprattutto osservare è che noi viviamo in un’epoca caratterizzata dalla presenza di una grande quantità di schermi. Piccoli o grandi che siano, ci accompagnano tutti i giorni nei nostri spostamenti e li incontriamo in ogni luogo nel quale ci rechiamo: uffici, negozi, strade, piazze, stazioni, ecc. Durante la nostra giornata, dunque, non facciamo che stabilire continuamente delle relazioni con qualche schermo. Persino gli eventi pubblici oggi hanno l’obbligo di essere ripresi e amplificati da schermi di grandi dimensioni. Ciò vale per i concerti musicali, per i comizi politici e persino per i festival culturali, i quali non possono fare a meno di ricorrere agli schermi, che spesso diventano i veri protagonisti degli eventi.

Se, come pensava Marshall McLuhan (McLuhan, Powers, 1992), lo schermo è solo apparentemente una specie di specchio sul quale i singoli individui e l’intera umanità possono vedere riflessa la propria immagine, mentre in realtà non è altro che un passaggio verso qualcosa (come ben sa la Alice che ha originato questa serie di post – vedi A che serve un libro senza immagini e conversazioni?), allora è il caso di chiedersi dove questo passaggio ci stia portando. Dove cioè stiamo andando a forza di entrare continuamente all’interno degli schermi. Ad esempio, interagendo con i personaggi dei videogiochi o dialogando con degli avatar virtuali. Cercare di capire dove i nostri passaggi attraverso gli schermi ci stiano portando è l’obiettivo primario che ci poniamo con questo libro”.

Interessante osservare che, già in un report dell’agosto 2012, Google affermava che il 90% di tutte le interazioni multimediali avveniva attraverso schermi, soprattutto di smartphone, laptop, tablet e TV. Da società di “multitaskers” siamo passati a una composta da “multiscreeners”, conclude Brian Solis.


Realtà schermata e rappresentazione romanzesca

Il punto di partenza del viaggio di Codeluppi “attraverso lo schermo” inizia agli albori della società occidentale, con l’invenzione della scrittura prima e soprattutto del teatro, poi: infatti, osserva citando De Kerckhove, “il teatro, invenzione greca di poco successiva a quella dell’alfabeto, è il modello più evidente dell’effetto della scrittura che ha sostituito il pensiero all’ascolto. Il teatro ci ha insegnato a vedere invece di udire gli insiemi simbolici, ci ha educato al punto di vista… Lo spettatore del teatro, pertanto, ha imparato a vedere in qualità di osservatore esterno le esperienze dei personaggi rappresentati e ad adottare mentalmente il punto di vista di tali personaggi”. Probabilmente però, sostiene Codeluppi, è solo a partire dalla fine del Seicento che l’idea di poter costruire attraverso le capacità proprie della mete e della fantasia umane una realtà artificiale dotata di una tale forza da potersi contrappore alla “vera realtà” è diventata realmente importante nelle società occidentali. Condivido a pieno questa idea, ben espressa anche nel Manifesto dello Humanistic Management (Etas, 2004): “è l’approccio dicotomico ad essere centrale nella costruzione e nel consolidamento del concetto di modernità. Per l’esperienza organizzativa le dicotomie più importanti sono quelle tra pianificazione strategica e azione, tra razionalità ed emozione, tra realtà e possibilità. Ma il moderno è, più in generale, il tempo della separazione, diretta conseguenza delle divisioni innestate dalla scienza nel ‘500 e che riconosce nella meditazione cartesiana il riferimento non solo simbolico. Su questa base, tutto viene sottoposto al vaglio di razionalità autoreferenti che non sono per definizione contenute nell’ordine ereditato dalla storia. Il mondo moderno deve essere ricostruito razionalmente: dunque, le gerarchie precedenti vanno messe alla prova, decostruite, costrette a giustificarsi. Tuttavia, la modernità non è il regno della fluidità perché propone proprie rigidità e propri criteri di ordinamento: oltre la separazione delle sfere, la costruzione di ordinamenti sociali razionali (e dunque rigidi) in ciascuna di esse, la delega ad automatismi, la riduzione della complessità che in precedenza alimentava il mondo della vita. Paradossalmente, però, la modernità è segnata dal progressivo emergere di una crisi nella certezza della dicotomia fondamentale: quella fra “realtà” e immaginazione. Sotto questo profilo, potremmo dire che il meccanismo schiacciasassi della modernità, macchina per la produttività che deresponsabilizza gli attori e depotenzia la politica, nasce già con delle crepe, invisibili alla superficie, che minano irreparabilmente le fondamenta di quello Scientific Management che di essa è una delle espressioni estreme”.

In questo quadro, Codeluppi sottolinea l’importanza fondamentale della nascita del romanzo moderno e del ruolo svolto dal teatro elisabettiano: “Il ruolo giocato dal teatro è stato fondamentale. Infatti in Inghilterra, prima del Cinquecento, il mondo della rappresentazione teatrale e quello della realtà tendevano a confondersi. Ciò spiega perché i ruoli degli attori venissero attribuiti a delle persone che nella realtà facevano lo stesso mestiere o qualcosa di simile. Ma progressivamente il mondo teatrale si è reso autonomo. Anzi, ha cominciato ad essere percepito come tanto più vero quanto più si rendeva indipendente dalla realtà che rappresentava, cioè quanto più si trasformava in finzione”. 

Analogamente in Ariminum Circus lo Scrittore e la sua Ombra discutono in diverse occasioni del fatto il dubbio circa la struttura e la stessa consistenza ontologica del reale è al centro delle rappresentazioni teatrali che Shakespeare crea in Inghilterra sul finire del sedicesimo secolo e nei primissimi anni del diciassettesimo; caratterizza in Spagna la nascita del romanzo con il Don Chisciotte, apparso pochi mesi prima del Re Lear, nel 1605; induce Galileo a leggere il linguaggio matematico in cui è scritto il “grandissimo libro” della natura, confutando, nel Discorso sui massimi sistemi, che è del 1632, la concezione aristotelica del mondo sia pure, cautamente, come “pura ipotesi”, mentre il poeta Calderon della Barca proclama, senza mezzi termini, che “la vita è sogno” nel 1635; provoca la fondazione del nuovo metodo filosofico del francese Cartesio, che pubblica il proprio Discorso nel 1637. Si capisce dunque come mai questo periodo vede la straordinaria fortuna di concezioni politiche basate sul confronto con il “non luogo” introdotto da Tommaso Moro sul modello della Repubblica platonica un secolo prima, con intuizione anticipatrice, ma che solo adesso è visitato da molti illustri viaggiatori: basti citare la Città del Sole di Campanella, del 1623 o la Nuova Atlandide di Bacone, pubblicata postuma nel 1627. Per inciso, Jay e Daisy accennano a tutto questo in uno scambio di battute che apparirà in uno dei prossimi Episodi della Prima Stagione riscritti in 14 k.


La vetrinizzazione della società

Tornando a Codeluppi,  la storia della modernità  ha portato alla comparsa di “strumenti elettrici di comunicazione (radio, televisione, ecc.). Ma è stato negli ultimi decenni, grazie all’enorme sviluppo che ha caratterizzato le tecnologie mediatiche e informatiche, che le rappresentazioni della realtà hanno assunto un ruolo sempre più significativo all’interno della cultura sociale”.

Codeluppi apre qui una digressione sul tema del doppio, delle copie e dei simulacri, che da Platone passa attraverso Baudrillard e P.K. Dick, per arrivare alle esperienze contemporanee del consumo (vedi su questo anche il mio Amleto e i suoi doppi): “oggi le esperienze individuali sono vissute attraverso la rappresentazione che ne danno i media e non è un caso pertanto che si parli di «realtà aumentata», cioè di trattamento mediatico che riproduce il reale arricchendolo e migliorandolo. Il gigante dell’abbigliamento H&M, ad esempio, ricorre abitualmente per le sue pubblicità e i suoi cataloghi a modelli e modelle perfetti dal punto di vista estetico perché generati totalmente al computer mediante programmi di fotoritocco. E questa prassi oggi è molto diffusa”.

“Un fenomeno, scrive ancora, le cui origini possono essere fatte risalire alla nascita della vetrina, comparsa per la prima volta in Inghilterra all’inizio del Settecento. Vale a dire che il modello comunicativo imposto dalla vetrina, e basato sulla messa in scena spettacolare dei prodotti, si è esteso a tutta la superficie di vendita dei negozi e ai sempre più vasti luoghi di consumo che sono nati in seguito. Ciò ha avviato un processo di "vetrinizzazione" della società, cioè l’adozione da parte dei principali ambiti sociali di quella logica di esposizione e di rappresentazione visiva che caratterizza le modalità comunicative della vetrina. Ne deriva che gli individui, se si mettono in vetrina, si mettono nel contempo anche in scena. Imparano cioè a rappresentarsi al meglio all’interno dei numerosi schermi che invadono la loro vita quotidiana”. In Ariminum Circus questa tendenza è sottolineata dall’ossessione per la moda di Helen e Daisy, ma anche dalle descrizioni minuziose di oggetti “brandizzati”, reali o immaginari.

Logo
13999 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (24 voti)
Esordiente
17
Scrittore
7
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Passi con disinvoltura da Kelly a Cadeluppi, al tuo Ariminum, realtà finzione.È certo che tutto diventerà liquido come lo schermo, quel rettangolo nel quale ci infiliamo. Produci un senso di non dove, non quando. Un Booo! Colossale.Sic!!Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Credo che il viaggio verso il totale dominio dello schermo sia irreversibile Bisogna domandarsi però se una percentuale minoritaria della popolazione (come quella che ha fruito del libro cartaceo) riuscirà ad assorbire contenuti dallo schermo conservando capacità critiche analoghe a quelle utilizzate col libro. Certo si va a una diffusione del libro digitale. Ma penso anche a tutti i generi che nasceranno di intrattenimento e/o di informazione o misti. Quanto sarà dipendenza e alienazione e quanto sarà libertà. Nel tuo Ariminum questa problematica è pervasiva e questo confine sembra sempre in movimento.Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Premetto che in casa ho un informatico new generation (mio figlio) che con questi temi ci va a nozze e che mi considera alle stregua di un brontosauro quando si tratta di tecnologia. Ti ho letto con grande attenzione, e confesso, senza riuscire a capire tu da che parte stai, però penso che sei un ottimo divulgatore, esponi in modo chiaro e dettagliato il tuo lavoro di ricerca carico di informazioni e riferimenti che magistralmente fai confluire anche in alcuni contesti della tua serie di racconti. Gli scenari che descrivi sono “paurosamente” affascinanti, e credo che nostro malgrado ci stiamo già adeguando. È comunque una forma di evoluzione, l’uomo ha sempre affrontato i cambiamenti epocali, come dimostrano anche alcuni passaggi nel tuo testo. Ottimo lavoro.Segnala il commento

Large marghe img 5466.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

MargheMesi ha votato il racconto

Esordiente

Giochi anche tu sulla pagina come se fosse uno schermo. Da Kelly e Codeluppi passi al tuo Ariminum Circus come se fossero - letteralmente - vaganti sulla stessa superficie liquida. Non in un "semplice" processo di illustrazione, ma in un processo di interazione senza soluzione di continuità. Metti in scena la realtà e l'irrealtà dello schermo. La tua voce suona nitidissima, e al contempo, volutamente e mirabilmente inafferrabile. Segnala il commento

Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210422 011503.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200611 011659.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Amid Solo ha votato il racconto

Esordiente
Aatxajzt7nsl rzh7o6rq5jptmxfuictattxrdrhbzfn=s50 mo?sz=200

Andreasololettore ha votato il racconto

Esordiente
Large 910dc58f c51d 4d5c 932c a9b686be34e1.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente
Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Marco Verteramo ha votato il racconto

Scrittore

il teatro, nato con l'uomo, forse ancor prima della nascita del primo alfabeto. Legato a riti, miti, al daimon. Sul teatro è molto interessante la posizione di Carmelo Bene, nel suo "Cos'è il teatro?" Per il resto ho una visione apocalittica: libri destinati a diventare oggetti di arredamento ad adornare studi e salotti, mentre il lettore, circondato da cotanta carta preziosa, giace sul divano a legger rigorosamente su uno schermo. Ripeto, visione apocalittica Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore

Ma Fellini! Sempre al limite della docenza, un poco oltre. Lei ci sta trascinando su RAI 5 passando da TGR Leonardo.Segnala il commento

Large img 20210428 111521.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Antonio Tammaro ha votato il racconto

Scrittore

Non mi dire che ci stiamo vetrinizzando, che stiamo diventando degli schermi... ci dissolveremmo in miliardi di pixel. Io vado dalla parte del mondo, della carta, dei tuoi racconti in solidi libri... ma anche no, sto lottando su un piccolo schermo di smartphone! Segnala il commento

Large whatsapp image 2022 04 02 at 13.44.08.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Interessante come sempre. Apprezzo il riferimento a Baudrillard che rappresenta un'altra voce dissenziente, che si unisce a quella di Galileo, Cartesio, Shakespeare, Orwell, e così via. Sono queste l'inconfutabile dimostrazione del potere della mente umana di sfuggire alle codificazioni e alle regole imposte da un sistema. In "Power inferno" Baudrillard sostiene che "Ciò che detestiamo, l'oscuro oggetto del nostro risentimento, è questo eccesso di realtà, questo eccesso di potenza ...la nostra sottomissione a una tecnologia integrale, a una realtà virtuale schiacciante, a un dominio delle reti e dei programmi che delinea il profilo involutivo dell'intera specie". In sostanza, crediamo di evolverci mentre in realtà stiamo perdendo la parte migliore di noi, quella che ci qualifica come esseri ragionevoli. Hai fatto una ricerca accurata Federico, e ne vale la pena perché conduci tutti noi verso riflessioni da cui dipende il nostro futuro.Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Sì, la parte del teatro mi ha molto sollecitato i pensieri. A leggerti si fa il gesto della lettura aggrottando la fronte per i motivi legati alla tua maestria, ma anche perché ci si ritrova spesso nelle condizioni di dire: "beh, in effetti per tanto che storcono il naso, è vero quel che dice..." Anche la parte iniziale riguardo il codice è molto importante e curiosa. Tanto che mi ha fatto pensare alla lotta che portano avanti i sostenitori del software libero ( il mondo di Linux per semplificare...) anteposto alle restrizioni di Windows ed Apple... Sei sempre uno stimolo al ragionamento. Complimenti!Segnala il commento

Large amelie 1024x593.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Scrittore
Large screenshot 20221107 000309 samsung internet.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Continua a essere interessantissima la lettura di questi tuoi brevi saggi, per l'argomento e per il modo in cui lo tratti. In questo secondo appuntamento, mi è piaciuto molto il riferimento al teatro elisabettiano. Continuerai, vero?Segnala il commento

Large 20220806 144353.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Helenas ha votato il racconto

Esordiente
Large altro mondo.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Clarissa Kirk ha votato il racconto

Esordiente

Prossimo step : niente video, solo ologrammi. Il risultato è il medesimo Segnala il commento

Large ll mare dei surrealisti.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente

Una esaustiva disamina delle origini teoriche, pratiche e filosofiche del nostro tempo (quello dell'apparire, della messa in scena, o dell'immagine con tutti i suoi connotati, risvolti e derivati o derive più o meno consapevoli in ogni campo). Tutta da leggere e anche da rileggere più volte, per l'importanza centrale, cruciale e totale sulla nostra attuale società, non solo a livello letterario o teorico, ma soprattutto di vita pratica concreta. Particolarmente interessante e ben cesellato questo passaggio: "La cultura dello schermo è un mondo di flussi costanti, di infiniti assaggi musicali, di tagli frettolosi e di idee incomplete; è un fluire di tweet, titoli, instagram, messaggi informali e prime impressioni fluttuanti. Le nozioni non sono indipendenti ma altamente interconnesse a tutto il resto; la verità non è trasmessa dagli autori o dalle autorità ma viene assemblata in tempo reale, pezzo per pezzo, dallo stesso pubblico. Il Popolo dello Schermo produce i propri contenuti e costruisce le proprie certezze, le copie immobili non sono rilevanti quanto lo è invece un accesso fluido. "Segnala il commento

Large win 20210713 10 57 29 pro.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Messina Giuseppe ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Federico D. Fellini

Scrittore
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work